Rifuginrete: webcam e internet al servizio dell’escursionista

Un portale dedicato ai rifugi di montagna che si pone come punto di riferimento per offrire ad escursionisti ed alpinisti informazioni chiare, complete ed aggiornate. Questo è l’ambizioso progetto di www.rifuginrete.com che sancisce la sua collaborazione con il portale NuovoCadore inserendoci nella sezione Area Interesse dedicata al Cadore che puntiamo a sviluppare assieme.

“Il nostro – spiega Mario Fiorentini, uno dei promotori e gestore del rifugio Città di Fiume- è un portale sulla montagna e per la montagna: vogliamo promuovere il territorio e chi, in questo meraviglioso ambiente, vive e lavora. Lo facciamo con passione, ma anche utilizzando tecnologie all’avanguardia, come le webcam fotografiche ed i social network; per fare rete, appunto, e garantirci attenzione e visibilità proprio grazie alla tempestività ed affidabilità delle informazioni”. Oggi rifuginrete.com è una vetrina con oltre 400 rifugi, sparsi su tutto l’arco alpino, da Trieste al Colle di Cadibona, nelle Alpi liguri, e poi lungo l’Appennino fino all’Abruzzo.

Altro collaboratore è Luca Stevanato, fisico nucleare, ricercatore all’Università di Padova e titolare di meteoHD la cui esperienza e il know-how maturati sono alla base del lavoro di installazione delle webcam collegate al sito internet. Per tutti coloro che fossero interessati a saperne di più sull’installazione di una loro webcam possono scaricare questo modulo e contattare direttamente i gestori del sito web.

“Gestendo in prima persona un rifugio ci siamo resi conto – spiega Mario – che i nostri clienti, gli escursionisti, e soprattutto quelli che arrivano da oltre confine, facevano e fanno tuttora molta fatica a raggiungere rapidamente le informazioni utili e necessarie per poter pianificare in modo adeguato la loro vacanza tra i monti. Così abbiamo iniziato a pensare ad un contenitore che racchiudesse le risposte. Ai gestori, chiediamo di comunicarci le aperture e le attività ma, per garantire il miglior aggiornamento, provvediamo noi a contattarli periodicamente, secondo uno scadenziario strutturato in base alla tipologia del rifugio e alle sue particolarità. Poi abbiamo affiancato un calendario di eventi, una sezione dedicata alle Alte vie e ai Trekking e un sistema di ricerca dei rifugi per data di apertura, regione, provincia e itinerario, un pacchetto di webcam, due stazioni meteo”

rifuginrete

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su