Antelao, addio ghiacciai

I ghiacciai dell’Antelao hanno ancora settanta, al massimo ottanta anni di vita. Lo sostiene Giuseppe Perini, operatore del comitato glaciologico italiano, residente a Conegliano ma originario di Borca. «Dal 1976 controllo personalmente i due ghiacciai, superiore e inferiore, dell’Antelao: quello superiore ha arretrato la sua fronte, dal 1933 al 2000, di 168 metri, di cui 106 metri solo nel periodo 1981-2009. La fronte di Val Antelao si trova ora a quota 2510, smagrita e con un lago davanti, effetto del grande disgelo verificatosi soprattutto nell’ultimo decennio; quello inferiore si è ritirato ancora di più: circa 250 metri, 109 solo nel periodo che va dal 1981 al 2009, con innalzamento della quota frontale a 2380 metri rispetto ai 2280 dei primi del novecento».
      Perini spiega come anche il Centro valanghe di Arabba abbia eseguito alcune ricerche sulla zona, accertando che il ghiacciaio superiore occupa una superficie di 27 ettari, con una riduzione di di quasi due terzi in 150 anni, mentre quello inferiore è attestato su una superficie di 14 ettari.
      Interessante anche lo spessore, accertato col sistema del Gps: 80 metri, attorno ai 2700/2800 metri di quota. «Le belle grotte azzurrine che fino a pochi anni fa si aprivano alle fronti e che si potevano esplorare, con qualche prudenza, sono ormai un ricordo», rileva ancora Perini. I ghiacciai si sono appiattiti e si stanno coprendo di detriti; la bella lingua di ghiaccio che costeggiava la ferrata non esiste più.
      Le ultime proiezioni degli scienziati su questo innalzamento delle temperature globali danno poca speranza ai ghiacciai più piccoli, sostiene l’operatore, presagendo malinconicamente che «non vedranno l’alba del ventiduesimo secolo, perché non bastano alcuni inverni nevosi per ridare vitalità ai piccoli ghiacciai». Sono invece molto importanti le estati, che devono essere fresche per conservare la neve caduta che si trasformerà, attraverso fusioni e rigeli, in ghiaccio. Ma il futuro dei due ghiacciai dell’Antelao appare segnato. (fonte: Il Gazzettino di Belluno)

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su