L’orso Cesare avvistato in Cadore

L’orso «Cesare» va al lago. All’inizio di aprile, l’inquilino delle montagne bellunesi è stato avvistato nei pressi del Lago di Centro Cadore, per la precisione a Pieve di Cadore, da un pescatore della zona. E non è finita qui, perchè a Falcade, pressoché nella stessa ora, è stato avvistato un secondo plantigrado. «Si tratta di due avvistamenti che devono ancora essere verificati (secondo le opportune procedure) e la cautela è d’obbligo – fanno sapere dalla Polizia provinciale di Palazzo Piloni – . L’orario pomeridiano, fra le 12,00 e le 13,00, e le distanze riportate risultano un po’ anomale. Se fossero vere, però, probabilmente si potrebbe pensare che «Cesare» non sia il solo orso attualmente in circolazione nel territorio di Belluno».

Stando agli ultimi avvistamenti notificati a Palazzo Piloni, sono diverse le comparse del plantigrado nel Bellunese. Il 29 marzo, dopo il rinvenimento di una carcassa di cervo in Val Tovanella, è stata rilevata una pista e qualche pelo nei pressi di Col Tamai a Igne di Longarone. Il giorno seguente, nello stesso comune ma in zona Dou, sono stati rinvenuti altri reperti organici (peli ed escrementi). Il 1° aprile, sempre a Longarone, è stata segnalata l’incursione ad un’arnia di un coltivatore privato. Il 4 aprile, invece, «Cesare» avrebbe tentato di tornare a visitare, a Podenzoi di Castellavazzo, un apiario dove si era già introdotto lo scorso anno: questa volta, però, a fermarlo ci ha pensato una rete elettrificata a bassissimo voltaggio, che l’animale ha tentato di sfondare, rinunciando all’impresa dopo la leggera scossa.

L’avvistamento intorno al lago del Cadore da parte del pescatore, con la conseguente rapida fuga del quadrupede, in aggiunta all’episodio di Podenzoi, fa supporre che «Cesare» sia molto più mite dello scomparso «Dino»: non tenta, infatti, incursioni azzardate e preferisce evitare di incontrare l’uomo, nelle sue traversate del territorio.

(fonte: Corriere del Veneto)

> Guarda il video dell’orso Cesare immortalato a Ospitale di Cadore

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su