Visitava pazienti a pagamento: sospeso primario di Pieve

Il primario di Cardiologia dell’Ospedale di Pieve di Cadore (Belluno) è stato sospeso dall’esercizio dell’attività sanitaria perché, senza alcuna autorizzazione dell’Ulss, visitava a pagamento i suoi “clienti” in ospedale mentre i pazienti pubblici attendevano mesi in lista d’attesa.

La Guardia di finanza di Belluno, su disposizione del gip, ha notificato al medico le misure cautelari della sospensione dall’attività di cardiologo nell’Ulss di competenza ed il divieto di dimora nel comune di Pieve di Cadore, sede dell’ospedale.

Per il medico l’ospedale sarebbe stato una dépendance dei suoi ambulatori privati, tanto che era sua moglie a prendere le prenotazioni delle visite private da eseguire negli ambulatori dell’ospedale con le attrezzature sanitarie pubbliche. Il primario adesso deve rispondere di peculato aggravato continuato, truffa aggravata continuata ed interruzione di pubblico servizio. La moglie invece è accusata di concorso nel reato di truffa.

Un mese fa sempre i finanzieri avevano arrestato il primario di Ginecologia dell’ospedale di Pieve di Cadore, Carlo Cetera, accusato di intascare mazzette per la procreazione assistita.

Fonte: IlGazzettino.it

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su