Sabato sera a Domegge “Straviarte phora”, un mix di opera, operetta, blues, jazz e…Belumat

Sabato 18 febbraio ore 21 a Domegge di Cadore, Sala San Giorgio, in occasione del carnevale 2012 la Pro Loco Domegge in collaborazione con il Comune, presenta lo spettacolo “Straviarte phora”.

Opera-Operetta-Jazz-Blues e i Belumat… che cos’hanno in comune? Ce lo spiega un cantante d’opera in libera uscita assieme ad un pianista classico, un percussionista etnico e un contrabbasista swing. Musica -e non solo- per divertirsi, riflettere un po’ e… sognare. Spettacolo Made in Belluno! Ingresso libero.

Un Tenore e Tre Strumentisti provenienti da realtà musicali e artistiche differenti, propongono uno spettacolo alla portata di tutti Miscelando suoni, culture e impostazioni tecniche diverse, spesso ritenute in contrasto tra di
loro. Propongono Musiche di Giuseppe Verdi, Giacomo Puccini, Charlie Chaplin, Agustin Lara, Bepi de Marzi, I Belumat, Nino Bixio, Antonio De Curtis nonchè riarrangiamenti di brani popolari macedoni, veneti, francesi e russi con monologhi e recitazioni.

Composizione dell’ensemble :
DOMENICO MENINI
– Tenore, Voce Solista – Recitante –
FEDERICO BRUNELLO
– Pianoforte, Organo, Fisarmonica, Back Vocals
MORENO DAL FARRA
– Percussioni Africane, Latine, Tzigane.
ELIO PIASENTE
– Contrabbasso, recitazione

DOMENICO MENINI – Tenore, Voce Solista, Recitante.
Approda agli studi classici studiando chitarra e dopo variegate attività artistiche si diploma in Canto Lirico presso il Conservatorio di Cesena studiando con R. Benori a Belluno e Treviso.
Segue in seguito corsi di perfezionamento di canto e recitazione con artisti di fama mondiale come W. Matteuzzi a Bologna, E.Palacio a Madrid, M. Pertusi a Zurigo, G. Zampieri a Lausanne. È vincitore e premiato nei Concorsi d’opera di Trento, Pistoia, Lignano, Conegliano e Lucca. Durante gli studi collabora con importanti Ensemble e Orchestre italiane ed estere (Aslico di Milano, Toscanini di Parma, Teatro Bonci di Cesena, Opéra de Toulon) fino al 2003 quando è scelto dal Teatro La Fenice di Venezia. Qui rimane per due anni e lavora con direttori d’orchestra quali R. Muti, J. Pretre, M. Viotti, J. E. Gardiner, M. Minkoski, L. Maazel. Il suo repertorio solista comprende principalmente La Traviata, Rigoletto, La Bohème, La Vedova Allegra, Gianni Schicchi, Lucia di Lammermoor, Elisir d’Amore, Don Pasquale nonché musica contemporanea, sacra e da camera. Ha sostenuto concerti a Melbourne e nel Victoria State (Australia), a Montevideo (Uruguay), a Beirut (Libano), al Teatro Bolshoi di Minsk (Bielorussia), al Teatro Bolshoi di Tashkent (Uzbekistan), al Teatro Showa di Tokyo (Giappone) e a Singapore in duo con Andrea Griminelli. Canta ruoli da protagonista nei Teatri: Real di Madrid, Chatelet di Parigi, Opernhaus di Zurigo, Opera di Budapest, Comunale di Bologna, Heure Bleue di Neuchatel, Verdi di Trieste, Donizetti di Bergamo, Verdi di Sassari, Piccolo Regio di Torino, Giglio di Lucca, Manzoni di Pistoia, Alighieri di Ravenna, Comunale di Vicenza, Masini di Faenza, Verdi di Pisa, Delle Muse-Corelli di Ancona, per Il Festival d’Opera d’Antibes di Eve Ruggieri e in numerosi Festival italiani.

FEDERICO BRUNELLO – Pianoforte, Organo, Fisarmonica, Back Vocals.
Pianista, clavicembalista e arrangiatore si diploma nel 1997 presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza. Nello stesso anno affronta le prime esperienze come accompagnatore di cantanti d’opera. Musicista eclettico, numerose sono le sue collaborazioni in qualità di Maestro Sostituto, e Maestro di Sala in importanti istituzioni italiane ed estere, tra cui: il Teatro Lirico Sperimentale Belli di Spoleto (di cui è pianista ufficiale per il Concorso Internazionale di Canto e per il quale è stato clavicembalista in tournee nei più importanti teatri del Giappone); l’Ente Concerti M.L. De Carolis a Sassari; il Teatro Comunale di Treviso; il Festival di Santander in Spagna, per alcune celebri produzioni del Maestro Hugo De Ana. È
accompagnatore al pianoforte presso la classe di canto lirico dell’Istituto Musicale F. Manzato di Treviso e presso la Scuola di Musica A. Miari di Belluno (dipartimento provinciale del Conservatorio di Vicenza) e presso il Conservatorio Pollini di Padova. Coach per l’organizzazione S.V.A.S. di New York e per la Fondazione E.P.C.A.S.O. di Pittsburg. Collabora con Roberto Scandiuzzi come coach per suo studio personale, concerti e accompagnamento di masterclass. Suona in duo stabile con la flautista Elena Cecconi, uscirà a breve il loro primo lavoro discografico. Ha collaborato con cantanti, docenti e direttori d’orchestra di chiara fama internazionale, tra i quali J. Sutherland, R. Kabaivanska, R. Bruson, L. Serra, M. Arena, M. De Bernarth, R. Resnik, F. Sartori, M. Chiara, R. Kettelson, E. Marton, L. Alva.

MORENO DAL FARRA – Percussioni Africane, Latine, Tzigane.
Inizia il suo percorso musicale nei primi anni ‘80 intraprendendo gli studi come batterista e in seguito si avvicina alle percussioni scoprendo le varie possibilità sonore legate alla provenienza geografica e alla composizione strutturale dei vari strumenti percussivi. Diventa quindi conoscitore e performer di percussioni latine, africane, tzigane, asiatiche.
La crescente curiosità per questi strumenti cosi affascinanti lo porta a sviluppare varie tecniche strumentali e a partecipare a numerosi seminari tenuti da artisti di fama mondiale in Italia e in tutta Europa. Ha tenuto presso l’associazione “AltriLinguaggi” di Belluno, di cui è Socio Fondatore, numerosi corsi e seminari sulle percussioni africane. È vincitore del premio “Jazz Musica Vicenza 1987” con i Garage Paradiso di Belluno e partecipa inoltre alla compilation “Demo RAI Trade” Radio1 RAI con la band skareggae Wongole, ensemble veneto. Musicista molto attivo, è anche coordinatore di feste di piazza animate organizzate per
gruppi scolastici per introdurre anche i più piccoli all’ascolto e allo studio della musica. Generosa la sua produzione discografica, anche in veste di compositore. Collabora con importanti realtà italiane tra cui: Tremani (progetto di unione artistica tra il Senegal e l’Italia); Produzione A.L.A. di Treviso; Il Progetto Portici di Belluno; il Filo d’Arianna Prosa Festival di Belluno; ManodOpera; Tequila Machine; Beautiful Butcher Band; Kiwi Ambigui; Non-Voglio-Che-Clara; Antonio “Nino” Fiabane.

ELIO PIASENTE– Contrabbasso, recitazione.
Nato a Belluno. Si dedica allo studio del basso elettrico, da autodidatta, e intraprende il suo cammino musicale di sperimentazione jazz e contemporanea. Passa al contrabbasso nel ’99 frequentando i Feltre Jazz Clinics con Marc Abrams.
Innamoratosi dello swing cerca di inserirne un pizzico in tutti i generi sperimentati. È vincitore premiato al “Concorso Belluno 2004” con il gruppo Stanza 101. Con i Kiwi Ambigui, formazione jazz-funk, accompagna il chitarrista inglese Jim Mullen nei suoi tour in Italia e si esibisce più volte in noti Festival in Italia e in Germania.
Nel 2007 suona con la ska-band Le Wongole in una tournèe di concerti in Messico. Nel 2010 anima il gruppo Los Catellos, complesso in bilico tra la folk music e il vaudeville.

Fonte: BellunoPress.it

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su