Enaip Veneto: a Calalzo nascono i professionisti della ristorazione

Al Centro servizi formativi Enaip di Calalzo di Cadore si è svolto l’esame finale del percorso di studi che prepara i ragazzi ad ottenere, al termine di un percorso di tre anni, la qualifica di operatore della ristorazione: cuoco o cameriere di sala e bar. Si è trattato di un vero e proprio pranzo, con menù caratterizzato da piatti della tradizione trevigiana, che i 13 ragazzi diplomandi hanno preparato e servito per la commissione d’esame ma anche per i numerosi invitati, provenienti dal mondo scolastico, amministrativo e della ristorazione locale.

«Si tratta di una realtà di formazione professionale che consente ottimi sbocchi nel mondo lavorativo – afferma Graziano Sadocco, responsabile della sede Enaip di Calalzo – Oltre il 70 per cento dei nostri ragazzi trova un impiego al termine del percorso di studio».
« Enaip Veneto, che in provincia di Belluno è presente, oltre che con la struttura di Calalzo, anche con le sedi di Longarone e Feltre, svolge un ruolo fondamentale nell’avvicinare il della formazione e mondo del lavoro. Avvalendosi degli strumenti tradizionali ma pure proponendo percorsi innovativi – aggiunge Alberto Biasiotto, direttore dell’Agenzia dei servizi formativi per le province di Belluno e Vicenza – Ad esempio le imprese formative, situazioni in cui i ragazzi svolgono attività didattica ma in un assetto lavorativo, in affiancamento ai professionisti della ristorazione».

E’ da sottolineare come Enaip Veneto sia partner in numerose attività transnazionali che prevedono scambi, tirocini formativi, soggiorni di studio e riconoscimenti di crediti formativi, nell’ambito di iniziative del Fondo Sociale Europeo, dedicati a studenti e professionisti. Di recente, proprio nella sede di Calalzo, sono state realizzate attività nell’ambito del progetto Interreg “Sapori Alpini” con interventi di riqualificazione di personale operante nel settore della ristorazione, con l’intervento in qualità di formatori degli chef stellati Michelin dell’associazione Alto Gusto, Enzo de Prà del Dolada, Renzo Dal Farra della Locanda San Lorenzo, e Graziano Prest del Ristorante Tivoli. Nell’ambito dello stesso progetto 10 allievi del settore ristorazione di Calalzo sono stati protagonisti di una visita di tre giorni in Alto Adige e in Austria e nell’occasione a Bressanone hanno presentato dei piatti preparati con prodotti locali (orzo, farro, schiz, polenta di mais sponcio, miele DOP, noci feltrine, formaggi).

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su