Grandi opere: per chi?

Il tema delle “grandi opere inutili” diventa importantissimo perché è alla radice delle genesi del debito pubblico che non produce crescita, ma impoverimento. Le “grandi opere inutili” creano pochissimo lavoro, di breve termine e di pessima qualità, distruggono territori, lasciano abbandonato il patrimonio infrastrutturale esistente.
E’ il momento di cambiare le politiche che ci stanno portando al tracollo ambientale, economico e sociale.

Vi invitiamo a partecipare al convegno dal titolo “GRANDI OPERE. PER CHI?” organizzato da PER ALTRE STRADE, GAS “EL CESTON” SAMARCANDA, con il patrocinio dei Comuni di Pieve di Cadore e di Ponte nelle Alpi sabato 6 aprile 2013 a Pieve di Cadore, Auditorium Palazzo Cos.Mo, ore 8.30 – 12.30.

Programma:

  • ore 8.30 saluto ed introduzione ai lavori
  • ore 8.45 PROLOGO – Pierpaolo Collarin, Banca Etica, Coordinatore G.I.T. di Belluno: “Il debito sovrano d’Italia. Come è nato il debito che ci strozza, chi ci guadagna e come uscirci.”
    Presentazione del dossier sul debito pubblico predisposto dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo
  • ore 9.30 discussione
  • ore 9.50 pausa caffè, con prodotti del commercio equo e solidale offerti dalla Cooperativa Samarcanda
  • ore 10.00 CONVEGNO

Relatori:

▪ GIORGIO PIZZIOLO docente ordinario di Analisi e pianificazione territoriale presso la Facoltà di
Architettura, Università degli Studi di Firenze

▪ ELENA GEREBIZZA campaigner energia per l’Associazione Re:Common (Roma), impegnata in
campagne pubbliche per fermare l’avanzata dei mercati finanziari nell’ambito della gestione delle risorse naturali

moderatore PIERPAOLO COLLARIN Banca Etica, Coordinatore G.I.T. di Belluno

Ingresso libero

PER ALTRE STRADE DOLOMITI
Comitato Interregionale Carnia-Cadore

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su
Privacy Policy Cookie Policy