Lorenzago Aperta: Corsi per ogni Età

A Lorenzago Aperta, il contenitore d’arte varia cadorino, proseguono gli eventi. Il 13 ed 14 agosto presso le Scuole Medie ci saranno due corsi che terranno impegnati bambini, mamme e bambini cresciuti. Si inizia col Corso di Circo (anche per bambini cresciuti) con gli insegnanti Tappo e Gibbo che insegneranno i segreti di una delle arti più antiche e complesse. Le mamme dei bambini che parteciperanno al circo potranno invece seguire gli Esercizi di Femminilità a cura di Cassandra Casbah. Portare vestito elegante e scarpe col tacco per una serata alla scoperta dei segreti delle grandi dive del cinema.

logo lorenzago aperta 2013Per il 13esimo anno consecutivo rivive la manifestazione artistica Lorenzago Aperta, curata da Vito Vecellio assieme a Francesca Casanova. Inaugurato domenica 28 luglio durerà fino a domenica 18 agosto nella Scuola Media a Lorenzago di Cadore ogni giorno dalle ore 18 alle 23.30. L’evento si caratterizza per tre settimane di intensa e variegata attività nelle quali si potranno visitare le esposizioni artistiche e partecipare ai numerosi incontri, laboratori ed anche spettacoli teatrali e dibattiti presso il Teatro dell’Oratorio. Il ricco programma nasce dall’intento dell’organizzazione di porre l’arte come via di comunicazione in una zona come il Cadore dove le occasioni di scambio, dialogo e di novità spesso mancano. L’arte diventa quindi un luogo d’incontro che apre spazi liberi a tutti, emblematico in questo è la varietà di artisti e di performance che si potranno seguire durante le tre settimane. Ogni giorno il calendario sarà arricchito da una selezione di artisti dediti alle arti più svariate.

È un inestimabile patrimonio da tutelare, promuovere, sostenere: Lorenzago Aperta è, e deve continuare ad essere” dichiara Matteo Gracis, ideatore e promotore del sito www.NuovoCadore.it e sono queste le motivazioni che spingono NuovoCadore, anche quest’anno per la seconda volta, a sostenere l’evento come media partner e main sponsor.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su