Laboratorio d’Arte per Bambini e Ragazzi

Il Laboratorio d’Arte per Bambini e Ragazzi, evento parallelo del Trittico di Pittura Dolomitica, si terrà Giovedì 22 Agosto a Danta di Cadore dalle ore 13 alle 18. L’evento, a cura di Barbara Dall’O, sarà a tema Trittico Dolomitico e coinvolgerà i bambini creando assieme delle piccole opere e un mandala ispirato alla natura della Val Comelico, proprio come fanno gli artisti impegnati nella creazione del Trittico 2013. Il laboratorio prevede inoltre la visita agli artisti impegnati nel Trittico di Pittura Dolomitica che spiegheranno le opere e saranno a disposizione per rispondere alle curiosità. Inoltre verrà offerta una merenda a tema Trittico.

E mentre i bambini saranno impegnati con il laboratorio, i genitori potranno visitare il bellissimo paesino di Danta che offre la possibilità di passeggiare lungo le Torbiere, millenario ecosistema caratterizzato da flora e fauna particolari, si può poi proseguire con la visita al Museo Paleontologico “Le Radici della Vita” oppure semplicemente godere del panorama del comune più alto del Comelico.

 La partecipazione è gratuita con previa prenotazione al 3479904097 (Marta) al 0435.62230 (Ufficio Turistico Santo Stefano di Cadore)

 Il Trittico di Pittura Dolomitica, evento itinerante che coinvolge ogni anno un Comune diverso della Val Comelico, nasce per unire la vallata e, attraverso l’arte, farne scoprire le borgate nascoste. La manifestazione vede la realizzazione di tre opere a cura di artisti di alto livello che, durante i giorni di pittura, interpretano la Val Comelico. I pannelli dipinti rimangono esposti fino all’edizione successiva a Santo Stefano di Cadore, presso il Palazzo del Municipio. La manifestazione, curata dal direttore artistico Vico Calabrò, ha visto nella sua prima edizione del 2011 la realizzazione di tre opere di pittura su pannelli nella borgata di Sopalù a Comelico Superiore e nel 2012 a Costa, frazione di San Nicolò di Comelico.

 Questa terza edizione del Trittico di Pittura Dolomitica vedrà la partecipazione di tre artisti che, dalla loro provenienza geografica, rappresentano tutto l’arco dolomitico delle tre regioni: da Bolzano passando per Belluno fino a Trieste. Le giornate di pittura che si terranno a Danta di Cadore in Val Comelico (Belluno) dal 22 al 24 agosto 2013. L’evento è organizzato dal Consorzio Turistico Val Comelico Dolomiti, in collaborazione con il Comune di Danta di Cadore e le Associazioni, il Comune di Santo Stefano di Cadore e Arte Comelico Ladino. I protagonisti dell’edizione 2013 saranno Anna Lia Spagnolli,roveretana d’origine, ha lavorato alla Gamma Film di Milano come grafica e scenografa nel campo della pubblicità televisiva, in particolare con i cartoni animati per Carosello ed è padrona di svariate tecniche: dall’acquerello alla “vetrofusione”. Laura Ballis si dedica alla tecnica dell’affresco e nel 2012 le è stato conferito il titolo di Maestra di Affresco per la provincia di Belluno.Paolo Guglielmo Giorio dal Friuli Venezia Giulia si esprime invece attraverso l’uso della vetroresina.

 Vico Calabrò, direttore artistico della manifestazione, pone l’attenzione sul fatto che “Per la prima volta vi partecipano due pittrici e sarà anche un’occasione unica per osservare dei procedimenti tecnici non usuali. Inoltre ci sarà un Laboratorio a tema Trittico Dolomitico per ragazzi”. Un assaggio dell’evento d’arte è iniziato il 13 agosto con l’inaugurazione alle ore 17:30 della Mostra collettiva di pittura dolomitica c/o le Scuole Elementari di Danta in cui sono esposte opere dell’Associazione Arte Comelico Ladino e degli artisti protagonisti dell’edizione 2013 fino al 24 agosto. Il programma dettagliato si può scaricare dal blog http://tritticodolomitico.blogspot.it

Nuovo Cadore è media partner della manifestazione, sempre presente  in prima linea nel sostenere gli eventi artistici cadorini che puntano ad unire le nostre vallate, come auspica infatti in Trittico di Pittura Dolomitica per la Val Comelico. Seguirà per voi tutti gli eventi paralleli nonché le giornate di pittura.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su