Antelao, due forti boati poi le frane

Una nuova frana sulle Dolomiti. Dopo il Sorapis e il Civetta, a “sgretolarsi” è l’Antelao. La frana si è staccata nel versante sud-ovest tra Borca e San Vito di Cadore.

Non si registrano danni a persone né a cose. Sulla strada statale n.58 al momento del distacco della frana, transitava una pattuglia del Corpo Forestale dello Stato che ha udito il frastuono causato dalla massa di roccia, terra e neve. Le immagini sono state scattate dall’elicottero dei Vigili del Fuoco che ha sorvolato la zona.

Si è staccato uno sperone di roccia sul monte Antelao ed è precipitato con grande fragore fino ai piedi della parete, dividendosi in tre filoni. Gli abitanti di Borca e di San Vito hanno udito chiaramente il boato delle rocce che cadevano per centinaia di metri. I crolli sono avvenuti in due momenti diversi, all’alba e poi dopo le 14. I sindaci dei due comuni minimizzano e parlano di fenomeni naturali.

In queste settimane i crolli si sono fatti molto frequenti: sul Sorapiss due volte, sulla Civetta solo pochi giorni fa.
I comuni stanno tenendo sotto controllo la situazione, sono intervenuti anche i vigili del fuoco che stanno compiendo dei controlli.

frane Dolomiti Antelao

fonti: Corriere delle Alpi e BellunoPress

Commenti

commenti

Author: NC staff

Condividi questi articoli su
Privacy Policy Cookie Policy