John Lee Sanders al San Vito Blues&Soul Festival

A Gospel Blues Christmas Party: John Lee Sanders in Christmas With The King. Appuntamento natalizio per la rassegna del San Vito Blues&Soul Festival nella sala polifunzionale a San Vito di Cadore il 28 dicembre 2013 alle ore 21. L’ingresso costerà 10€ e sarà ad un prezzo ridotto per i soci dell’Associazione. NuovoCadore media partner.

L’Associazione SanVito Blues&Soul propone la sua serata natalizia con una sorpresa d’oltreoceano: a Gospel Blues Christmas Party – Christmas with the King, con la straordinaria presenza di John Lee Sander, direttamente dalla Louisiana torna in Italia dopo la sua presenza da protagonista al San Vito Blues&Soul Festival del 2009.  Il repertorio di canzoni sarà nello spirito natalizio: vestito di soul, blues e gospel. L’atmosfera giusta per immergerci in un Natale che possa essere davvero una pura convinzione, invece che mera convenzione.

Pianista, sassofonista, cantante, arrangiatore, John Lee Sanders è stato considerato la risposta della Louisiana bianca a Stevie Wonder. Ha collaborato in studio con John Lee Hooker, con i Meters, con Chuck Berry ed è stato in tournée con Long John Baldry e gli Starship. Tutte queste collaborazioni e una vita in giro per gli Stati del Sud hanno reso la sua musica una personalissima mescolanza di blues, soul, gospel, jazz e funky. Per questo si può affermare che John Lee Sanders è uno dei migliori esponenti del nuovo New Orleans san-vito-blues-soul-festivalSound. Vincitore di ben tre 2009 Music Awards canadesi, la stampa europea ha accreditato John Lee per aver portato il blues nel 21° secolo con il suo profondo contenuto lirico. Nel winter tour che sta svolgendo, e in cui San Vito è tappa centrale, sarà accompagnato dall’amico chitarrista e produttore Frank Folgman e da una base ritmica tutta italiana con Gigi Todesca al Basso e Vincenzo Barattin alla batteria.

John Lee Sanders – piano, sax e voce
Frank Folgman – chitarra
Gigi Todesca – basso
Vincenzo Barattin – batteria

 

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su