Finalmente il Cadore ha una vetrina internazionale sul web

Legend tells of a Magic Land…” sono le parole che vi accoglieranno nel nuovo sito web tutto dedicato al Cadore in lingua inglese www.cadoredolomiti.com, il primo sito che parla del Cadore ai turisti stranieri. Il progetto “CADORE Terra Magica”, avviato la scorsa estate a cura del portale NuovoCadore in collaborazione con la Magnifica Comunità di Cadore, si è sviluppato prima nella pubblicazione cartacea con relativo sito web (.it), successivamente con la possibilità di scaricare le applicazioni per iOS e Android e adesso si evolve uscendo dai confini italiani e parlando del magico Cadore in lingua inglese.

Si concretizza così l’obiettivo di coinvolgere il target di turisti stranieri grazie a questo nuovo strumento ed il successo del progetto si legge nelle sue cifre: 15.000 copie cartacee distribuite in lingua italiana, quasi altrettante fra visualizzazioni e download della guida in formato digitale (13.500), 30.000 visite sul sito italiano da maggio 2013 e svariate applicazioni scaricate.

magic land“Si tratta della prima vetrina web internazionale per il Cadore” dichiara con soddisfazione Matteo Gracis, l’ideatore del portale NuovoCadore.it e della guida. “Come avevamo promesso lo scorso anno abbiamo portato a termine anche questa importante iniziativa e finalmente il Cadore potrà essere promosso in tutto il mondo”.

Un sito che non sarà statico, ma che verrà promosso attraverso la pagina facebook ufficiale già attiva all’uscita della guida in lingua italiana, che conta oltre 3.000 followers e adesso punterà direttamente ai turisti stranieri.

La traduzione dei contenuti è stata curata della Magnifica Comunità di Cadore, che si accredita quale interlocutore unico per la comunicazione istituzionale di questo territorio, ed in particolare del lavoro di Tiziana Menegus e George Buxton, mentre il network NuovoCadore continuerà ad occuparsi della gestione e promozione del sito web portando le meraviglie del Cadore anche all’estero.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su