Forte Monte Ricco a Pieve di Cadore: una tesi e le giornate FAI

Il 18 marzo alle ore 17.30 in Sala Bianchi a Belluno, Maddalena Vedana presenterà la sua tesi di laurea “Ripercorrere il Forte abbandonato di Monte Ricco a Pieve di Cadore. Progetto di Conservazione e ri-composizione” discussa presso l’Università Iuav di Venezia, Corso di Laurea Specialistica in Architettura per la Conservazione. La costruzione del Forte di Monte Ricco e di quel sistema di fortificazioni che prende il nome di Campo Trincerato di Pieve di Cadore avvenne a partire dal 1882 e proseguì a singhiozzi, con ampliamenti e migliorie, fino allo scoppio della Grande Guerra, durante la quale però questi stessi forti ben poco poterono nei confronti del nemico austriaco che li occupò e li danneggiò, prima di abbandonarli in ritirata.

Durante la serata interverrà l’avv. Erminio Mazzucco che presenterà il programma per le Giornate FAI di Primavera del 22 e 23 marzo. In queste giornate sarà visitabile anche il Forte di Monte Ricco a Pieve di Cadore. Le visite avverranno su prenotazione scrivendo alla mail delegazionefai.belluno@fondoambiente.it , con cadenza oraria e partenza dalla piazza di Pieve (punto FAI). I gruppi saranno guidati lungo il percorso a piedi che conduce dalla piazza al forte 20 minuti circa, per chi lo richiede sarà disponibile una navetta.

Nelle giornate FAI si consigliano inoltre le visite anche agli altri punti di interesse

PALAZZO MAGNIFICA COMUNITA’ DI CADORE
Edificio del XV sec., antica sede istituzionale di governo del territorio, oggi della
moderna omonima istituzione. Contiene pregevoli arredi e opere d’arte della cerchia
tizianesca. ORARIO: 9:30-18:30
Dal 1821 al piano terra ospita una pubblica “bottega del caffè” che nel 1921 adottò
definitivamente l’insegna di ”Gran Caffè Tiziano”, locale annoverato tra quelli storici del Veneto.

CASA NATALE DI TIZIANO VECELLIO
Dimora cadorina del XV sec., nella quale il Pittore nacque e trascorse l’infanzia
prima di trasferirsi a Venezia, e dove saltuariamente faceva ritorno. L’edificio è in
muratura e in legno, su due piani, con scala esterna e caratteristici ballatoi.
ORARIO: 9:30-18:30 (visite accompagnate ore 12:00 e ore 15:00)

MUSEO ARCHEOLOGICO CADORINO “Enrico De Lotto”
Nel palazzo della Magnifica Comunità di Cadore, al secondo piano. Reperti
preromani e romani rinvenuti a Làgole (Calalzo), Pieve, Pozzale, Valle e
Domegge. Secondo solo al Museo Nazionale di Este (PD) per l’importanza delle
iscrizioni venetiche.
ORARIO: 9:30-18:30 (visite accompagnate ore 9:30 e ore 16:00)

AREA ARCHEOLOGICA DEL PALAZZO MUNICIPALE
Notevoli resti di domus di età romana (II sec. d.C) con pavimenti a mosaico e
sistema di riscaldamento a ypocaustum ben conservato. ACCESSO LIBERO

MUSEO DELL’OCCHIALE
Recentemente rinnovato all’interno del’Auditorium Cos.Mo., raccoglie, in più di
duemila pezzi originali, settecento anni di storia dell’occhiale. Un percorso alla
scoperta della società cadorina legata all’occhialeria dall’Ottocento a oggi.
ORARIO: 9:30-12:30, 15:30-18:30 (visite guidate ore 11:00 e 17:00, gratuite)

CASA DI TIZIANO VECELLIO DETTO “L’ORATORE”
Notaio, omonimo e parente del Maestro. Dimora gentilizia con grottesche del XVI sec., sede del
Centro Studi Tiziano e Cadore. ORARI: 10:00-12:00 15:00-18:00

CHIESA ARCIDIACONALE DI SANTA MARIA NASCENTE
Molti e importanti i tesori conservati: una pregevole pala di Tiziano: Madonna con il bambino tra i
santi Tiziano e Andrea e un accolito (autoritratto), 1565-1566, opera del Maestro destinata alla
cappella di famiglia, e un altro dipinto, realizzato insieme al fratello Francesco, per l’altare della
famiglia Genova. APERTA ORE 9:00-18:00 – S.Messa: 18:30 feriali – 10:30 e 18:30 festivi

SANTUARIO DEL CROCIFISSO DI VALCALDA
Già chiesa di Sant’Antonio annessa alla casa di Dio o Ospitale dei Battuti di Pieve: notizie fin dal
XIV sec. Opere del Rinascimento; altare monumentale con crocifisso ligneo del XV-XVI sec. e
preziosi ex-voto. VISITA SU RICHIESTA

CHIESA DI S. TOMASO APOSTOLO a POZZALE, frazione di Pieve – trittico di Vittore
Carpaccio, Madonna con il Bambino in trono e angelo musicante, i santi Tommaso apostolo,
Dionisio vescovo, Rocco e Sebastiano, 1519. VISITA SU RICHIESTA

Monumenti commemorativi
▪ a TIZIANO VECELLIO, bronzo, 1880, Antonio Dal Zotto (piedestallo G.Ghedina), piazza Tiziano
▪ a PIETRO FORTUNATO CALVI, eroe del Risorgimento cadorino, marmo, 1875, Valentino
Panciera Besarel e Giovan Battista De Lotto, piazza Tiziano alla base della torre della Comunità
▪ a PIETRO FORTUNATO CALVI, bronzo, 1931, Antonio Maraini, sulla passeggiata al Monte Ricco
Esposizioni
▪ STATUTI DEL CADORE: esposizione esemplari sec. XV – XVII, salone consiliare Magnifica C.C.
▪ FORTI DI MONTE RICCO E BATTERIA CASTELLO: documenti del passato, piano II M.C.C.
▪ MARCUS TITIANI: percorso espositivo su vita e opere del nipote di Tiziano, Chiesa Arcidiaconale
▪ CATUBRIGUM: il sistema difensivo del Cadore e il Castello di Pieve, nel forte Monte Ricco

Conferenze
▪ I FORTI DI MONTE RICCO, BATTERIA CASTELLO E COL VACCHER CON LE ALTRE DIFESE
DEL CAMPO TRINCERATO DI PIEVE DI CADORE, 1866-1918, presentazione libro, Walter Musizza
e Giovanni De Donà, Auditorium Cos.Mo, sabato 22 marzo ore 18:00
▪ LA MAGNIFICA COMUNITA’ DI CADORE: l’Istituzione ieri e oggi, Mario Ferruccio Belli, salone
Magnifica Comunità di Cadore, domenica 23 marzo ore 18:00

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su