Treno e bicicletta: utopistico connubio o fallimento tutto bellunese?

Notizia della scorsa settimana è che il Consiglio provinciale di Verona ha raccolto l’appello lanciato dall’associazione “Amici della Bicicletta” approvando all’unanimità una mozione per il ripristino del servizio biciclette sulla linea ferroviaria Verona-Mantova. “Almeno la Provincia intuisce l’importanza del trasporto bici su treno come complemento del cicloturismo – commenta il presidente Fiab Verona – Amici della Bicicletta, Giorgio Migliorini – e il fatto che l’appello Fiab sia stato accolto trasversalmente ci fa ancora più piacere”.

Basta cambiare Provincia ma non Regione che la situazione è ben differente. La tratta ferroviaria che porta a Calalzo da alcuni mesi non trasporta neppure i passeggeri residenti, utopico purtroppo pensare all’arrivo di turisti muniti di biciclette a Calalzo, e non solo per percorrere la Ciclabile delle Dolomiti.

La Ciclabile delle Dolomiti, fiore all’occhiello del Cadore, è una delle attrazioni che abbiamo deciso di promuovere come network creando un sito web interamente dedicato www.ciclabiledolomiti.com, una pagina facebook sempre aggiornata, un’applicazione gratuita per Android e iOS, un video promozionale con quasi 9000 visualizzazioni ed ultimamente inserita, a nostra cura, anche fra le attrazioni di TripAdvisor. Ci teniamo a sottolineare che siamo gli unici che da oltre due anni dedichiamo attenzione alla Ciclabile: diffidate dalle imitazioni.

Il Cadore ci crede, timide ma temerarie le attività che sorgono lungo e per la Ciclabile, un turismo eco sostenibile che unisce Calalzo a Cortina e prosegue fino a Dobbiaco. Ma il Cadore, la Provincia e la Regione non ci pensano, si parla di rilancio economico del settore turistico e da dove iniziare se non con servizi a favore di questo turismo? Le stesse amministrazioni locali, direttamente interessate dal passaggio della Ciclabile sul loro territorio comunale, dovrebbero dedicare maggiore impegno ed investimenti anche a livello di promozione.

Non dimentichiamoci poi che “Ogni cicloturista che resta a piedi è un cliente deluso che andrà a spendere altrove i suoi soldi” dichiara il presidente Fiab Verona Giorgio Migliorini. Ma, date le attuali condizioni, di sicuro non verranno sulla nostra Ciclabile, aggiungiamo noi e intanto, sulla San Candido – Lienz, si festeggia la 20.000esima bicicletta trasportata con il treno.

Intanto noi aspettiamo e vi raccontiamo ogni giorno che questi 40 km ci sono e forse sono anche i più belli del mondo.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su