La grande mobilitazione cadorina “Per un Cadore più…”

Sabato 17 maggio dalle 8 alle 13 tutti i paesi del Cadore si preparano ad accogliere l’estate turistica con un evento intitolato “Per un Cadore Più”. La mobilitazione invita a pensare in positivo: più bello, più accogliente, più elegante, più in ordinato e anche più pulito.

In prima fila ci sono i Comuni (quasi tutti) del Cadore insieme alle associazioni del volontariato. “L’appello lanciato dalla Magnifica Comunità a “vestire a festa” il territorio in vista della stagione turistica è stato accolto da tanti soggetti che confidano nella prossima estate per tentare una ripresa dopo la neve che ha compromesso l’attività turistica” spiega l’organizzazione. Al fianco della Magnifica è scesa in campo anche l’Ascom Belluno con una decisa presa di posizione del suo presidente provinciale Franco De Bortoli, che ha coinvolto i suoi associati.

L’invito è rivolto a tutti, Cadorini e Amici del Cadore. Sabato alle ore 8 davanti al municipio del proprio comune si formeranno le squadre composte di volontari che, armati di guanti e sacchetti, ripuliranno le entrate dei paesi, i cigli delle strade, i sentieri, le sponde dei laghi e gli angoli ritenuti significativo agli effetti dell’immagine. “Gli interventi specialistici saranno delegati agli uomini della Cooperativa Sociale Cadore che ha accolto prontamente l’invito a partecipare all’iniziativa. La Cooperativa organizzerà cinque squadre che opereranno la dove è necessario intervenire con attrezzature ed ausili particolari”.

“L’iniziativa – ha spiegato il presidente della Magnifica Comunità Renzo Bortolot – è stata pensata per coinvolgere tutte le persone alle quali sta a cuore il Cadore. Si tratta di una vera e propria mobilitazione ecologica che, se riesce, ha il vantaggio di coinvolgere l’intero territorio cadorino. E, sapere che, contemporaneamente, si sta lavorando in Centro Cadore, in Val Comelico e in Val Boite, non può che caricare di strategico orgoglio i partecipanti all’iniziativa.”

cadore pulito

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su