Museo Palazzo Corte Metto ad Auronzo di Cadore

Palazzo Corte Metto illustra gli aspetti naturalistici e archeologici del territorio del Centro Cadore. I temi principali attorno cui si sviluppa il percorso espositivo sono la storia naturale della montagna cadorina e dolomitica e la storia dell’uomo. I piani espositivi sono così suddivisi: scienze della vita e della terra al primo piano, archeologia al secondo piano e minerali e miniere al quarto piano, mentre il terzo ospita la sede dell’Associazione Nazionale Alpini.

Al primo piano il visitatore può ammirare esemplari di funghi, alberi, fiori, insetti, uccelli, mammiferi e l’avvicendarsi dei fenomeni biologici secondo il succedersi delle stagioni o l’alternarsi del giorno e della notte, oppure le dinamiche relative ai rapporti preda/predatore o fiore/insetto. Alcune sale sono riservate alla geologia, come l’ampia serie stratigrafica attraverso la quale il visitatore può prendere coscienza della scala temporale degli eventi che hanno dato origine alle montagne dolomitiche ed alle rocce di cui sono formate.

Al secondo piano del museo, la sezione archeologica ospita un’intera sala dedicata alla viabilità antica e allo studioso autodidatta Alessio De Bon al quale si devono approfonditi studi archeologici in terra veneta e cadorina. Di grande fascino sono i reperti provenienti dal santuario di Monte Calvario, attivo a partire dal II secolo a.C, e frequentato fino al IV secolo d.C. Dallo scavo, ancora in corso, provengono le lamine “a pelle di bue”, i simpula con manici recanti iscrizioni, due dischi in bronzo finemente cesellati e l’ara sacrificale in tufo.

Al terzo piano trovano spazio i minerali, con la descrizione di come si presentano in natura e di come avvengono i processi di mineralizzazione. Vi si possono trovare immagini e l’esposizione di campioni di minerali del territorio di Auronzo, l’importante attività estrattiva di piombo, zinco, blenda, oggi abbandonata, ma ancora praticata nella seconda meta del secolo scorso.

Indirizzo: Via Dante 4, Auronzo di Cadore
Contatti: 0435 400216 (museo) / 0435 400035 (municipio)
Apertura periodo estivo, festività orari 10.00-12.30 / 15.30-19.00 e su prenotazione
Ingresso a pagamento
Servizi: visite guidate, laboratori didattici

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su