Una tassa sul soccorso alpino

Il Soccorso Alpino Dolomiti Bellunesi rende nota un’assurdità a carico dei volontari che collaborano con l’ente.

I volontari del CNSAS, lavoratori autonomi che si astengono dal lavoro per fare soccorso, dovranno pagare una marca da bollo da € 16,00 euro per effettuare la richiesta di rimborso prevista per legge della giornata persa.

Ricordiamo come l’attività di soccorso sulle montagne sia in mano a volontari e quanto risulta essere fondamentale questo servizio per chi si trova in difficoltà e necessita di soccorso, e la maggior parte delle volte si tratta di questioni di vita o di morte. Di certo obbligando i volontari a pagare una marca da bollo di 16 euro non favorisce nè incentiva la lora prestazione gratuita che ripetiamo essere fondamentale per la sicurezza di tutti.

AGGIORNAMENTO del 24.07.2014: L’obbligo di apporre le marche da bollo per le richieste di rimborso dei volontari del soccorso alpino è stato eliminato. Questa mattina la commissione ambiente e attività produttive del Senato ha approvato un emendamento al decreto legge 91 sulla competitività che “esenta dall’imposta di bollo le istanze dei volontari del soccorso alpino per la perdita della giornata lavorativa”.

Elisoccorso

vignetta tassa soccorso alpino

 

 

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su