Estate Tizianesca 2014: arte, musica e cultura in Cadore

Sabato 12 luglio, con la visita di Villa Alma di Venas di Cadore insieme alla presentazione degli Habiti e merletti di Cesare Vecellio è partita la serie di appuntamenti dell’Estate tizianesca 2014 che si svilupperà tra il Cadore, Cortina e il Comelico con l’intento di valorizzare, attraverso il nome di Tiziano, luoghi e istituzioni di interesse culturale. NuovoCadore anche per quest’anno è media partner della rassegna.

Alcuni incontri saranno incentrati sulla figura di Paolo Veronese, come momenti collaterali alla grande mostra di Verona, curata da Bernard Aikema e Paola Marini, che presenteranno l’evento in Magnifica Comunità. L’artista verrà presentato come pittore scenografo e religioso, nonché nell’aspetto meno conosciuto di architetto. Si apriranno le porte di chiese-scrigno per ospitare interventi sulla loro storia, sull’iconografia, ma anche sui committenti. L’Estate del 2014 presenterà alcune dimore storiche del Cadore e Comelico, con sette appuntamenti sull’architettura, che vedono la partecipazione dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Belluno e del FAI di Belluno per incontri che avranno il valore di formazione professionale. Delle dimore storiche, appositamente aperte, verranno fatti conoscere la storia, gli interventi di restauro, i contesti. Alcune visite saranno arricchite da altri eventi, come conferenze, presentazioni di libri in qualche modo riferiti ai luoghi. I proprietari per l’occasione condurranno i visitatori in un affascinante tour per entrare nella storia di ogni casa e far conoscere il suo genius loci. Anche i contesti, sia urbani che naturali, saranno oggetto di attenzione con un intervento relativo ai paesaggi storici e agli spazi per l’abitare dell’urbanista Roberto Raimondi.

ImmagineAnche l’arte della musica continuerà ad allietare gli appassionati grazie alla presenza dei Maestri dell’Accademia Ciani e della Dolomiti Symphonia, realtà anch’esse parte di un patrimonio culturale da incoraggiare e valorizzare nel nome di Tiziano. Per gli appassionati di Michelangelo è prevista la proiezione del documentario “In questo stento”, che testimonia il lavoro creativo dell’artista nella realizzazione dell’affresco della Cappella Sistina e racconta le difficoltà organizzative e tecniche di un cantiere posto ad altezza della grande volta. Appassionate parole accompagnano le splendide ed emozionanti immagini che caratterizzano il film firmato da Nino Criscenti.

Chiese, borgate, musei e dimore costituiranno la scena degli altri incontri, in uno sforzo organizzativo già sperimentato gli scorsi anni. Enti locali e istituzioni museali affiancheranno la Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore e la Magnifica Comunità, per promuovere il patrimonio culturale, del quale il paesaggio è parte integrante. Mentre inizia la collaborazione con la Confindustria di Belluno, continua quella con il Consorzio di Tutela dei Vini Superiori di Conegliano e Montebelluna. Entrano quest’anno nell’Estate tizianesca la Fondazione Benetton Studi e Ricerche con un intervento del suo direttore Marco Tamaro sulla tutela del paesaggio, e Save Venice, che concluderà l’Estate con la visita a Venezia al cantiere di restauro della Pala Pesaro, nella Basilica dei Frari, l’ultimo restauro di una serie di opere di Tiziano finanziato dal Comitato americano.

Scarica il programma completo dell’Estate tizianesca 2014

Per informazioni e prenotazioni
www.tizianovecellio.it
centrostudi@tizianovecellio.it
tel. +39 0435 501674
fax +39 0435 507658

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su