Trittico di Pittura Dolomitica torna ad agosto 2014

Quest’anno il Trittico di Pittura Dolomitica giunto alla quarta edizione si sposta nel comune di Santo Stefano di Cadore più precisamente nella frazione di Campolongo dove si svolgeranno le giornate di pittura e tutti gli eventi collaterali. Dal 21 al 23 agosto 2014 laboratori per ragazzi, serate musicali, mostre e la possibilità di vedere gli artisti all’opera per l’evento orgnizzato dal Consorzio Turistico Val Comelico Dolomiti in collaborazione con Vico Calabrò e Marta De Zolt. A breve verrà pubblicato il programma completo. NuovoCadore media partner. A seguire gli artisti all’opera per questa quarta edizione mentre tutte le informazioni sulle precedenti edizioni al sito web tritticodolomitico.blogspot.it

Virgilio Antoniazzi
Vicentino si è formato nel Veneto presso pittori accademici quali O. de Maria, R. Crippa e L. Licata. Ha ancorato la sua visione realistica della vita moderna su discipline accademiche tradizionali come la costruzione della prospettiva. “Antoniazzi è sempre stato animato dal desiderio di associare la veracità della rappresentazione alla sincerità dell’espressione personale elaborando un linguaggio impressionista con un suo stile proprio”. Nella realtà vissuta si ripongono la bellezza e la forza di suggestione delle sue immagini: “è quella autenticità della vita dell’animo umano come quella della natura che risveglia risonanze profondamente personali nelle sue migliori opere e che ci attrae verso la pittura”.

Giorgio Casarin
Pittore, incisore ed affreschista vive e crea le sue opere in provincia di Treviso. Sin da giovane frequenta corsi e partecipa al panorama artistico veneto con numerose mostre spesso a tematiche sociali. Si è applicato anche nel panorama dell’affresco, encausto, graffito, acrilico e mosaico oltre alla produzione di acqueforti, acquetinte, puntesecche, ceramolli e litografie. Si contraddistingue per la pittura tridimensionale a basso rilievo e scultura che usa materiali come legno, stoffa, polistirolo, pasta acrilica-vinilica e pittura. Spesso la musica classica è fonte di ispirazione assieme alle tematiche sociali e letterarie. Numerose le mostre personali, collettive ed opere murali in Italia e all’estero come anche le collezioni pubbliche e private, italiane ed estere in cui è presente.

Adriano Pavan
Nato in provincia di Venezia inizia la sua carriera artistica giovanissimo partecipando a concorsi e allestendo diverse personali e negli anni ’60 i critici ne parlano come “il giovane più premiato d’Italia”. La sua arte pittorica si esprime nelle tematiche ispirate al paesaggio veneto, al fiume Piave, le figure femminili, i giardini ed il rapporto uomo-natura; tutti soggetti che attraversano i diversi periodi artistici di Pavan mutando nello stile e nel colore ma rimanendo sempre punto focale nella ricerca “di esprimere in pittura le emozioni, la vitalità e la bellezza della natura”. Pavan si è dedicato anche alla cinematografia, “un mezzo di stimolazione emozionale”, girando diversi film che escono dagli schemi tradizionali.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su