Auronzo: calo demografico e referendum

Continua l’attività del comitato per promuovere il referendum per il passaggio di Auronzo di Cadore alla regione Trentino Alto Adige. “Le condizioni di sofferenza di Auronzo (e di tutta l’alto provincia di Belluno) sono tante ma quella principale è legata al calo progressivo della popolazione residente che invecchia sempre di più mentre i giovani abbandonano il territorio. Dai 4000 abitanti nel 1961 si è passati ai poco più di 3400 del 2014 con un calo del 20%. Un fenomeno che si trova in molte altre realtà montane ad eccezione del Trentino Alto Adige, una della poche regioni europee di montagna con un aumento progressivo della popolazione. Una condizione che testimonia il “benessere” di una comunità che fa molti figli e che ha attività che permettono anche ai giovani di restare nelle valli montane” spiega il comitato.

La Val Pusteria è passata da quasi 50000 abitanti nel 1951 a più di 80.000 nel 2011 con un incremento della popolazione del 60%. Si tratta del risultato dell’applicazione di politiche a favore della montagna con aiuti a chi decide di restare nei villaggi più periferici dove restano i servizi, la scuola, l’asilo la posta e mezzi di comunicazione che permettono agilmente gli spostamenti. E fra i servizi principali ci sono anche i collegamenti internet e la banda larga che è stata messa a disposizione dei paesi più periferici e poi delle città: “perchè si può vivere in un paesino sperduto ma è necessario comunicare velocemente con tutto il mondo”. Una valorizzazione del territorio montano che ha fatto in modo che vi sia una attrazione di giovani verso quelle valli dove si trova lavoro e dove si propone uno sviluppo più vicino alla natura. Il referendum vuole essere questo: per i nostri giovani sono necessarie opportunità che permettano di invertire il calo demografico dando lavoro ai nostri giovani e mantenendo servizi affinchè chi vuole stare ad Auronzo possa restare senza migrare verso valle. Non è più tempo di attendere, bisogna fare qualcosa!

Per avere ulteriori informazioni visitare facebook comitatoreferendarioauronzo

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su