L’appello della rete delle Biblioteche Bellunesi che rischia di chiudere

biblioteche bellunesiLa rete delle Biblioteche Bellunesi rischia di chiudere, così come anche alcune delle biblioteche presenti in Cadore . Anche NuovoCadore aderisce all’iniziativa del Servizio Provinciale “Difendi i tuoi diritti di cittadino e utente: condividi l’appello alla Regione Veneto”.

>> FIRMA LA PETIZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI SERVIZI CULTURALI DELLA PROVINCIA DI BELLUNO <<

“I servizi forniti dalle Biblioteche Bellunesi sono molto apprezzati dai cittadini di questa provincia” spiega il Servizio Provinciale delle Biblioteche Bellunesi. “Ma c’è anche una brutta notizia: la riforma delle Province e la legge di stabilità stanno mettendo a rischio la sopravvivenza della rete bibliotecaria. Il Servizio Provinciale Biblioteche, che da vent’anni svolge un’attività imprescindibile per il territorio, è minacciato infatti di chiusura. Se ciò avvenisse, verrebbe meno una parte importante dei servizi fino ad oggi forniti gratuitamente alle biblioteche (assistenza, catalogazione, trasporto, organizzazione di progetti comuni…) e di conseguenza agli utenti: prima di tutto il prestito interbibliotecario. Senza il supporto del SPB le biblioteche dei comuni più periferici rischierebbero addirittura la chiusura. “Ci rendiamo conto della difficile situazione economica, ma crediamo che chi ha responsabilità politiche deve tutelare almeno le cose che hanno più valore per la collettività”.

Se condividete questa preoccupazione e desiderate continuare a ricevere i servizi che le Biblioteche Bellunesi hanno saputo offrirvi fino ad oggi, vi chiediamo di far sentire la vostra voce inviando un appello alla Regione Veneto affinché tutto questo non accada. Di seguito trovate un testo che potete firmare e mandare vi mail al Presidente della Regione, all’Assessore alla Cultura (e Vice Presidente), a quello al Bilancio e al Presidente del Consiglio regionale del Veneto.

presidenza@regione.veneto.it;
vicepresidenza@regione.veneto.it;
assessore.ciambetti@regione.veneto.it;
clodovaldo.ruffato@consiglioveneto.it;

Potete inoltre rivolgervi alla vostra biblioteca per avere maggiori informazioni e per sapere quali iniziative si stanno adottando a livello locale.

TESTO

Egregio sig. Presidente della Regione del Veneto,
Egregio sig. Assessore alla Cultura della Giunta Regionale del Veneto,
Egregio sig. Assessore al Bilancio della Giunta Regionale del Veneto,
Egregio sig. Presidente del Consiglio Regionale del Veneto,

Siamo cittadini della provincia di Belluno preoccupati per il destino della rete delle Biblioteche Bellunesi.
Il Servizio Provinciale Biblioteche, che da 20 anni fornisce un servizio imprescindibile per il nostro territorio montano, rischia infatti la chiusura.

La Provincia, a causa dei tagli legati alla legge di stabilità e dell’incertezza della conferma delle proprie funzioni, non ha più le risorse necessarie per tenere in piedi quella che è di fatto una bellissima realtà, che coordina le biblioteche del Bellunese e che nel 2014 ha garantito a 17mila utenti di ottenere 151mila prestiti di libri, dvd o cd musicali, realizzando un risparmio per la collettività di quasi 3 milioni di Euro.
I piccoli Comuni della nostra provincia, che non dispongono di risorse finanziarie adeguate per sostenere i servizi delle biblioteche civiche, solo grazie al sistema provinciale possono dare ai propri residenti l’opportunità di non essere cittadini di serie B.

Un servizio pubblico che funziona, che genera risparmi a favore dei bilanci comunali ormai asfittici e di cui tutti i cittadini -soprattutto i meno abbienti- possono godere, non può e non deve essere chiuso né ridimensionato.
Tutti noi ci rendiamo conto della necessità di tagli e sacrifici che la grave situazione economica nazionale comporta, ma siamo anche consapevoli che, proprio in queste situazioni difficili, chi ha responsabilità politiche deve fare delle scelte, per tutelare i servizi pubblici che hanno più valore per la collettività.
Per queste ragioni chiediamo, come cittadini ed elettori, che la Regione si impegni a salvaguardare i sistemi bibliotecari provinciali del Veneto – e quindi anche il Servizio Provinciale Biblioteche di Belluno – con un intervento legislativo adeguato, coerente all’importanza di questi servizi, lungimirante e tempestivo, anche assumendo quegli oneri economici che una chiara volontà politica non può non trovare.

Distinti saluti.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su
468 ad
Privacy Policy Cookie Policy