Tutte le sfumature del blues a San Vito di Cadore

club 56 san vito di cadoreLui, il Reverendo, è molto conosciuto ed è un apprezzato esponente della tradizione del blues, non solo come performer ma anche come autore di brani propri. Lei, la Lady, ha raggiunto la notorietà percuotendo le corde del suo contrabbasso nei Red Wine Serenaders. Reverend & The Lady, i quali non sono altro che Mauro Ferrarese (voce, chitarra resofonica & dodici corde, banjo e autoharp) e Alessandra Cecala (contrabbasso e voce). I due musicisti uniscono le proprie forze e dopo una serie di fortunati concerti danno vita nel 2011 a questo progetto. Il repertorio è composto di pezzi originali e da una selezione eterogenea di musica popolare nata tra gli anni ‘20 e gli anni ‘40 del sud degli Stati Uniti, brani facenti parte della tradizione afroamericana e non solo. Si spazia quindi dal country blues alla musica “old time”, passando per il blues più “urbano” delle cantanti dell’epoca, dalle ballads e dagli spirituals. Hanno inciso numerosi dischi, con il loro progetto hanno realizzato, fino ad ora, due lavori “Tracks from ol’station” (marzo 2012) e “Chapter II” (2013). Mauro Ferrarese, voce, chitarra resofonica & dodici corde, banjo; Alessandra Cecala contrabbasso e voce.

Club56 LiveMusic&Atmosphere – 2015
San Vito di Cadore – Mansarda Asilo Vecio
Venerdì 27 marzo ore 20.00
Prenotazioni e informazioni www.sanvitobluesandsoul.it

ALESSANDRA CECALA Diplomata in Contrabbasso Jazz presso i ‘Civici corsi di Musica Jazz’ a Milano. Ha fatto parte, come contrabbassista e cantante, del gruppo “Red Wine Serenaders” insieme a Mauro Ferrarese, Veronica Sbergia e Max De Bernardi, con questi ultimi due nel marzo 2013 ho vinto a Tolosa lo “European Blues Challenge”. Ha suonato nel trio jazz del pianista Dario Yassa, con la Big Band “Monday Orchestra”. Ha collaborato con Tiziana Ghiglioni, Max Prandi, Simona Premazzi, Alessandro Ducoli. Si è esibita in Italia e all’estero in importanti locali e partecipando a molti tra i più importanti festival di blues e folk music.

MAURO FERRARESE Ha setacciato e continua a farlo buona parte del repertorio country blues registrato negli anni ’20 e’30, worksongs, spirituals, ballads e come molti dei maggiori esponenti di quei generi, ho cominciato a suonare sulla strada. Lo slide e le accordature aperte sono diventate parte fondamentale del suo stile. Ha aperto i concerti di John Hammond (2013) Robert Cray a Milano (2003), Willie DeVille a Chiari (2005) e Anders Osborne & Monk Boudreaux, Peter Case, Ponty Bone, Dirk Hamilton. Sempre nel 2005, durante l’Italian Gospel Festival, ha condiviso palco e microfono con Mavis Staples, una delle artiste che ha contribuito alla mia formazione musicale. Ha preso parte parte al Lugano Blues To Bop (2008), concludendo la sua esibizione con la nota formazione dei Dixie Hummingbirds. Ha collaborato con Max De Bernardi in duo e successivamente in quartetto assieme a Veronica Sbergia e Alessandra Cecala nei “ Red Wine Serenaders”, ha suonato con i Jacknives e continuo a collaborare con Marco Pandolfi e Beppe Semeraro. Ha partecipato a numerosi festival ed eventi nazionali ed nternazionali.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su
Privacy Policy Cookie Policy