Rassegna Culturale Estiva “Tre Cime Incanto 2015 è… Sconfini”

Prende ufficialmente il via sabato 20 giugno 2015 il programma di appuntamenti della rassegna culturale estiva organizzata dall’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Auronzo di Cadore in collaborazione con l’Istituto Ladin de La Dolomites e numerosi altri enti. La rassegna intitolata “Tre Cime InCanto 2015 è… Sconfini” è stata inserita nel programma delle manifestazioni patrocinate dalla Regione Veneto e dalla Provincia di Belluno che rientrano nel cartellone RetEventi 2015.

screen-captureSelezionando gli eventi della rassegna si è voluto dedicare uno spazio culturale-esperienziale individuando alcuni denominatori comuni: territorio, arte, consapevolezza e sensibilizzazione verso la storia del territorio di appartenenza, dialogo e confronto. Fondere in un insieme armonico le differenti espressioni artistiche e coinvolgere attivamente bambini, ragazzi e adulti a vivere l’esperienza con l’obiettivo di dialogare, confrontarsi sulla vita quotidiana e i molteplici aspetti che ne fanno parte. L’idea del “confine” assume una connotazione molto più ampia in quanto non si riferisce esclusivamente al confine geografico fra i popoli, bensì a qualsivoglia tipologia di “confine” o “barriera” si possa creare nella vita di tutti i giorni: linguistico, culturale, storico, politico, sociale, ma allo stesso tempo la capacità di andare oltre, la necessità di “Sconfinare” appunto verso l’unione, la fratellanza, la scoperta di ciò che è diverso e non sempre così lontano.

Presso la sala polifunzionale del Municipio di Auronzo di Cadore verrà inaugurata sabato 20 giugno alle ore 18.00 l’esposizione dei progetti presentati al “Concorso di idee per la ricostruzione del bivacco F.lli Fanton sulle Marmarole”, concorso organizzato dal Cai di Auronzo di Cadore in collaborazione con la Fondazione Architettura Belluno Dolomiti e il sostegno di numerosi altri enti. Il concorso si poneva come obiettivo l’acquisizione di un progetto preliminare per la costruzione di un bivacco alpino, espressione dell’attuale concezione del costruire in montagna, e ha visto pervenire un totale di 273 proposte progettuali. L’esposizione, che rimarrà aperta tutti i giorni fino al 29 luglio 2015, sarà un’occasione importante per il numeroso pubblico per poter ammirare alcune delle tante proposte progettuali pervenute al concorso.

Sempre nella giornata di sabato 20 giugno è prevista l’apertura del Museo Palazzo Corte Metto che rimarrà aperto tutti i giorni fino al 6 settembre. Il Museo ospiterà un’esposizione di quadri intitolata “Arte per il Nepal”, un’iniziativa di solidarietà nata dalla donazione delle opere dell’artista Giannina Gracis Bonaconsa alla quale si lega il progetto promosso da Fausto De Stefani per raccogliere fondi a sostegno delle popolazioni del Nepal colpite poco tempo fa da un drammatico terremoto. Proprio in occasione della prima delle serate di chiusura del centro di Auronzo sabato 4 luglio alle ore 21.00, Fausto De Stefani presenterà il progetto per la raccolta fondi e accanto a lui si esibirà la cantautrice e cantastorie veneta Erica Boschiero.

Sarà un’estate ricca di appuntamenti teatrali, concerti, presentazioni di libri, momenti di dialogo e confronto, esposizioni e laboratori, dove sarà proprio il tema dello “sconfine” a fare da protagonista.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su