L’Arte A Lunga Conversazione presenta Vito Vecellio

arte a lunga conversazioneL’edizione 2015 della mostra de L’Arte A Lunga Conversazione, evento collaterale del SanVito Blues&Soul festival, sarà dedicata al fotografo cadorino Vito Vecellio, un omaggio a un vero talento che, con serietà e costante impegno, opera da anni nell’arte della fotografia. Sempre con grande sensibilità e passione, trasmettendo grandi emozioni, Vito Vecellio ha, attraverso la fotografia dato vita negli anni, al profondo amore che lo lega alla sua terra, alle sue montagne e alla sua gente, Dimostrande, attraverso l’arte fotografica che la fotografia ha un ruolo importante nel raccontare il nostro territorio, la nostra cultura e le nostre radici.

“E’ la Vita, (forse) 25 anni di fotografie” questo è il titolo della mostra che, presso l’area espositiva, dell’Asilo Vecchio a San Vito di Cadore, aprirà domenica 19 alle 18,00 e resterà aperta fino a domenica 23 agosto. La mostra sarà visitabile dalle 17,00 alle 20,00 di ogni giorno. Oltre ad una mostra, come ogni anno, L’Arte A Lunga Conversazione è anche un contenitore di eventi, questo il programma:

Domenica 26 luglio ore 21,00 Mansarda Asilo Vecchio
“Cosa bolle in pentola? – Il cibo tra arte, storia e tradizione”
a cura di Daniela Simionato-Putz e di Franco Patria)

mìMercoledi 29 luglio ore 21,00 Mansarda Asilo Vecchio
presentazione del libro Poeti di dieci anni “Ma dove sono le parole?” di Chandra Livia Candiani e Andrea Cirolla. Dedicato alle poesie scritte dai bambini delle periferie multietniche di Milano.
Introduce la serata Cinzia De Lotto. M

Venerdi 31 luglio ore 21,00 Mansarda Asilo Vecchio
presentazione del libro “Stella Madre” scritto a quattro mani da Giada Devuno e Anna Manzari.
Con la partecipazione delle autrici Indrodurrà la serata Giuliano Sidro.

Mercoledì 19 agosto ore 18 in piazza, zona pedonale.
concerto della Young Band di Cortina d’Ampezzo, la Formazione bandistica giovanile di Cortina d’Ampezzo. (in caso di maltempo in Sala Polifunzionale)

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su