LeggendAriaMente e tre nuove sculture per Costalta di Cadore

leggendariamenteDal 20 al 26 luglio 2015 torna a Costalta di Cadore l’evento artistico LeggendAriaMente a cura dell’Ass.ne CostalArte.

Nella settimana di scultura che vedrà impegnati gli artisti Andrea Gaspari, Nicola Cozzio e Andrea Caisutti tre nuove statue lignee andranno ad arricchire il paese. L’ispirazione per la scultura viene data dalle leggende che ogni anno Martina Casanova Fuga sceglie per l’evento.

Nato a Costalta di Cadore nel 2012 l’evento “LeggendAriaMente” ha come obiettivo la valorizzazione della passeggiata che da Costalta porta alla località “La Siega”. Ideata da Martina Casanova Fuga con il coordinatore artistico Avio De Lorenzo e promossa dall’Associazione CostaltArte la manifestazione scultorea prevede che le opere vengano create e collocate in prossimità dei diversi fienili che costellano il sentiero. Ad ispirarne la creazione sono tre leggende per ogni edizione. La manifestazione, della durata di una settimana nella quale si possono visitare gli artisti all’opera, va ad arricchire il già esistente museo all’aperto delle trentatré sculture di legno appartenenti alla conclusa manifestazione “Una statua di legno, in una casa di legno, in un paese di legno” e disseminate all’interno del paese.

Il nome “LeggendAriaMente”, spiega Martina Casanova Fuga è composto da tre elementi: la leggenda, l’aria e la mente. Leggenda perché ogni anno vengono scelte tre leggende. Ad ogni artista viene assegnata una leggenda che interpreta liberamente e vengono chiamati scultori capaci di lavorare materiali differenti e non solo con il legno. Aria perché le sculture vengono poste in prossimità di tre fienili, si troveranno quindi all’esterno “all’aria”. Mente perché questo nuovo percorso artistico, alle porte del paese di Costalta, permetterà a chiunque di immergersi completamente nella realtà montana.

LeggendAriaMente è anche manifestazioni artistiche culturali >> Scarica il Manifesto

leggendariamente 2015

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su