Armin Holzer incanta gli spettatori al XI Memorial Luca De Gerone

armin holzerDomenica 25 luglio 2015 presso la Diga Enel di Pieve di Cadore ha avuto luogo l’XI Memorial Luca De Gerone, gara non competitiva di arrampicata sportiva per bambini e ragazzi fino ai 14 anni. Una cinquantina gli iscritti, fra locali e ospiti, divisi in 4 categorie. Ai primi tre classificati è stato consegnato un trofeo messo in palio dalla famiglia De Gerone e fra tutti i giovani partecipanti sono stati sorteggiati premi messi a diposizione ancora dalla famiglia e dai numerosi sponsor.

CLASSIFICHE 2015

Durante tutto il corso della giornata il Gruppo Rocciatori Ragni di Pieve di Cadore si è reso disponibile per l’arrampicata alla diga e alla struttura coperta e personale Enel ha accompagnato numerosi gruppi in visita guidata all’interno della diga. E’ stato inoltre attivo sin dalla prima mattinata un frequentatissimo stand enogastronomico dove è stato possibile, grazie all’impegno del Gruppo Marciatori Calalzo ed altri volontari, degustare piatti della tradizione locale.

L’evento, ottimamente riuscito, si è svolto in un clima di serena competizione sportiva in cui tutti i piccoli arrampicatori, sia alle prime armi sia già avviati allo sport, hanno trovato spazio e soddisfazione, attentamente assistiti dai Ragni che con la loro esperienza e passione hanno saputo motivarli e avvicinarli in sicurezza all’arrampicata sportiva.

Intorno a mezzogiorno, Armin Holzer si è esibito nell’attraversata della diga sulla slackline, lasciando il pubblico con il fiato sospeso per una ventina di minuti. La fettuccia era stata tirata per circa ottanta metri in cima alla diga ad un’altezza variabile fra i 50 e i 100 metri. Il fuoriclasse internazionale, con grande disponibilità e simpatia, si è poi intrattenuto nel pomeriggio con i presenti e ha assistito alcuni bimbi nella prova di questo nuovo e adrenalinico sport.

Grazie alla diponibilità dell’Enel, del Comune di Pieve di Cadore e degli sponsor, e grazie al lavoro del Gruppo Rocciatori Ragni, impegnati nell’avvicinamento dei giovani al mondo dell’alpinismo e nella valorizzazione del territorio e dell’ambiente dolomitico, la Diga Enel di Pieve di Cadore si è trasformata per un giorno in un luogo di sport e aggregazione sociale, dove giovani e giovanissimi atleti, insieme alle loro famiglie, hanno potuto trascorrere una giornata divertente e ricca di emozioni.

diga sottocastello

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su