La Pitturina Ski Race nel 2016 si correrà il 14 febbraio

pitturina ski raceLe cime più alte della Val Comelico in questi giorni hanno ricevuto la prima neve, segnando in modo chiaro e preciso la fine dell’estate. Con l’aria più fredda e quella caratteristica luce autunnale per i membri dello Spiquy Team, coordinati da Michele Festini Purlan, è facile pensare alla programmazione del lavoro in vista dell’ottava edizione della Pitturina Ski Race, gara di scialpinismo a tecnica classica, che si disputerà domenica 14 febbraio 2016 nel comune di Comelico Superiore.

«Dopo la pausa estiva – ha detto Michele Festini Purlan – abbiamo iniziato a lavorare per la prossima edizione della Pitturina, in pratica anche nei mesi più caldi non abbiamo mai smesso di ragionare per dare forma al programma del prossimo anno, ma adesso è il momento di fare sul serio. Anche nel 2016 la manifestazione sarà collegata al ricordo della Grande Guerra, infatti sarà riproposto il pacco gara a “Km Zero”, ma se lo scorso anno il tema era il territorio per questa edizione l’argomento trattato sarà la nostra gente, “i montanari…della guerra”».

«Per quanto riguarda il programma del weekend dedicato alla Pitturina – ha continuato Festini Purlan – abbiamo confermato per venerdì il Vertical Monte Spina, la gara in notturna con partenza da Casamazzagno e arrivo, dopo 800 metri di dislivello positivo, al Monte Spina. La formula della gara è semplice e sarà aperta a tutti, non solo scialpinisti e ciaspaioli, ma anche tutti coloro che vogliano salire a piedi sulla cima del Monte Spina». «Sabato – ha concluso il presidente dello Spiquy Team – si entrà nel vivo del programma con l’accreditamento degli atleti e la serata dedicata alla Montagna. Siamo in contatto con un ospite importante che racconterà la sua esperienza, ma non possiamo ancora definire i dettagli. Domenica si correrà sul classico tracciato della Pitturina Ski race con un dislivello positivo di 1800 metri. La novità del 2016 è stata l’entrata della Pitturina nel calendario del circuito Crazy SkiAlp Tour. Come manifestazione collaterale andremo a riproporre “io c’ero a km zero”, un raduno per seguire e festeggiare il passaggio degli atleti impegnati nella gara. A gennaio nella parte bassa del tracciato ci saranno le FatBike che agevoleranno lo spostamento degli appassionati, soprattutto perché saranno dei modelli elettrici!»

pitturina

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su