Vota il Progettoborca nel Concorso cheFare

progettoborcaProgettoborca, piattaforma di rigenerazione attivata da Dolomiti Contemporanee con Minoter sullo straordinario ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, è uno dei 40 progetti finalisti (su oltre 600) selezionati del Bando cheFare.Il Concorso mette in palio 150.000 euro, che andranno a premiare i tre progetti culturali più innovativi in Italia nel 2015. Vinceranno tre progetti selezionati da una giuria tra i 10 più votati dal pubblico. Se vuoi sostenere e farlo diventare uno dei 10 progetti della shortlist, puoi dare il tuo voto a Progettoborca con due semplici click, questo il link per votare.

Progettoborca è un progetto-piattaforma, attivato da Minoter con Dolomiti Contemporanee ad agosto 2014 sull’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore, in provincia di Belluno.
Questo sito straordinario e gigantesco fu pensato negli anni ’50 da Enrico Mattei, e realizzato con l’architetto Edoardo Gellner e Carlo Scarpa: dal 2001 è proprietà di Minoter.
Il Villaggio rappresenta un esempio unico e pionieristico, nell’Italia del dopoguerra, di innovazione culturale, welfare aziendale, architettura nel paesaggio, immaginazione strategica. Oggi, alcune delle strutture principali del Villaggio giacciono defunzionalizzate.

L’obiettivo è di operare una valorizzazione culturale dell’eccezionale complesso, attraverso la ridefinizione funzionale delle sue parti inerti e la socializzazione dell’intento culturale rigenerativo. Tutto ciò sarà condiviso con il territorio che lo ospita, le sue comunità, gli enti pubblici e privati.
La volontà della proprietà Minoter è quella di occuparsi del rilancio di questo bene, utilizzando quali principali strumenti la cultura e le strategie culturali, l’arte contemporanea, le reti partecipate. Sono queste le tecniche abitualmente utilizzate da Dolomiti Contemporanee, insieme a cui si costruisce e si sviluppa Progettoborca. La prima fase del progetto di rilancio si concluderà nel 2016. L’ex Villaggio Eni di Borca di Cadore è una risorsa potenziale per il territorio in cui si trova, riaprendolo alla comunità. Più in generale, è una risorsa culturale universale, che va riesumata. Il ruolo di questo luogo, tanto importante nella storia, va oggi completamente ripensato e ridefinito. Trovare per esso nuove destinazioni d’uso, riattivare e rimettere in rete questo potenziale latente attraverso la cultura, è l’obiettivo concreto del progetto.

Minoter è una holding specializzata in operazioni ad elevata complessità, nata da una forte passione per le sfide, una profonda conoscenza del settore e una grande competenza. Nel 2001, la Società ha assunto la proprietà dell’ex Villaggio Eni di Corte di Cadore, acquisendola da Eni. Accanto alle attività economico-finanziarie e di business, Minoter ha avviato sin dal principio una serie di altre attività volte alla valorizzazione culturale e funzionale delle parti defunzionalizzate del Villaggio, ed alla valorizzazione culturale di questo straordinario patrimonio. Oggi, Minoter ha affidato a Dolomiti Contemporanee il compito di operare alla rivalutazione di questo bene prezioso, sostenendo la piattaforma di rigenerazione di Progettoborca.

borca progetto

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su