The Edge degli U2 per “Le Dolomiti abbracciano i diritti umani”

The Edge - Dolomiti Diritti UmaniLa settimana scorsa, durante la tappa irlandese del tour degli U2 The Edge, il chitarrista della band, ha ricevuto nella sua casa di Dublino l’amica cadorina Tatiana Pais Becher. Tatiana si è recata a Dublino, su invito del presidente dell’organizzazione internazionale Art For Amnesty, per fare del volontariato a sostegno di Amnesty International durante i concerti degli U2, band da sempre impegnata nell’appoggio dei Diritti Umani e delle cause umanitarie.

Grande la soddisfazione di Tatiana per l’accoglienza ricevuta da The Edge, che si è congratulato con lei e con gli organizzatori della Catena Umana di “Le Dolomiti abbracciano i Diritti Umani” che il chitarrista aveva interamente seguito sui social e su internet. A pochi giorni dell’evento gli U2 avevano infatti postato nel sito ufficiale U2.com l’immagine delle Tre Cime e un’articolo che racconta la loro collaborazione con Bill Shipsey e Art For Amnesty, con l’invito ai fan a partecipare alla Catena Umana del 13 settembre scorso. Tatiana ha quindi colto l’occasione per donare a Edge la t-shirt, i depliant dell’evento e alcuni poster delle Dolomiti, con la promessa di mantenersi in contatto e il sogno, coltivato con passione da molti anni, di portare la rock band più famosa del pianeta ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo.

Il legame tra la fan auronzana e la più famosa rock’n’roll band del mondo risale agli anni ’90, quando la band l’ha accolta a braccia aperte negli studi di registrazione di Dublino, collaborando alla stesura della prima tesi di laurea al mondo redatta sugli U2,tesi che Tatiana aveva dedicato all’analisi dell’influenza della letteratura irlandese nei testi delle canzoni della band. La tesi, pubblicata poi come libro da Arcana Editrice con il titolo “L’Irlanda degli U2 – musica, letteratura e radici culturali”, le è valsa la conquista del Best Fan Award durante gli MTV Awards tenutisi proprio a Dublino nel 1999.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su