A27 Le ragioni di chi vuole il prolungamento

autostrada dolomitiRiceviamo e pubblichiamo il comunicato di PER ALTRE STRADE DOLOMITI Comitato interregionale Carnia-Cadore

In merito alle motivazioni che stanno alla base della sua crociata a favore del prolungamento dell’A27, il professor Campeol non ce la racconta giusta. «La situazione nella provincia di Belluno – ha dichiarato in un’intervista al Corriere del Veneto – vede il Pil del manifatturiero al 31%, molto al di sopra della media nazionale che è al 18%. Il problema – ha precisato – è la commercializzazione del prodotto. Trento e Bolzano hanno un asse infrastrutturale con il nordest Europa, il Brennero, l’unico dei valichi alpini che, pur di fronte alla lunga crisi mondiale, ha visto addirittura incrementare la movimentazione delle merci».

E’ alquanto evidente che la motivazione è pretestuosa, un maldestro tentativo di indorare la pillola (o per meglio dire la supposta), in quanto è risaputo che i tempi di trasporto dal
Bellunese a una qualsiasi destinazione in Italia e all’estero sono allineati a quelli da aree meno marginali e dipendono più dalla logistica che dalle infrastrutture materiali. E’ inoltre
altrettanto evidente che la crisi dei nostri distretti artigianali-industriali non dipende tanto dalla loro ubicazione (Luxottica docet), quanto da una globalizzazione selvaggia e da un
modello di sviluppo energivoro e insostenibile.

E’ molto più probabile che gli interessi in ballo passino ben alti sopra la testa delle popolazioni locali, che vedrebbero il loro territorio trasformato in un corridoio
internazionale di collegamento tra l’area portuale di Venezia e il centro Europa, percorso inun senso e nell’altro da ipotetici 12 milioni di veicoli a motore necessari per giustificare
l’investimento.

Se questa storia va avanti, prima o dopo ci vedremo costretti a mettere mano ai forconi (simbolici, naturalmente), per usarli non solo nei confronti di chi vuole violentare il nostro
territorio, ma anche di chi ha reso impercorribile la nostra rete viaria da terzo mondo, ed esasperato chi deve servirsene, per non aver eseguito le necessarie manutenzioni, non aver raddrizzato una curva, riempito una buca, rinforzato una banchina, allargato la sede stradale dove possibile per facilitare il sorpasso e rendere più scorrevole la circolazione.

Nel frattempo lanciamo un appello: facciamo attenzione agli imbonitori, difendiamo il nostro territorio e pretendiamo quello che ci spetta, visto che non ci sono mai stati fatti sconti di alcun tipo. Rispettarci e farci rispettare potrà essere il primo passo verso un cambio di rotta tanto sociale quanto economico.

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su