Inaugurazione della mostra “Sguardi sulla Val Talagona” a Domegge

domegge stoerlSabato 16 luglio verrà inaugurata presso lo “Spazio Storèl”, a Domegge, SGUARDI SULLA VAL TALAGONA, una raccolta di immagini che attraverso gli obiettivi di Alfredo Piccolo, Enzo Valmassoi, Nicola Comis, Enzo Fedon e Alan Toffoli, appassionati fotografi locali, coglie aspetti sia estetici che naturalistici della valle che si apre di fronte al paese di Domegge, oltre il lago di Centro Cadore, cinta da guglie dolomitiche – gli Spalti di Toro – che si riflettono proprio nelle vetrine della sala espositiva. “>Sguardi” diversi nei quali differenti sensibilità si incontrano e si confrontano, per testimoniare le peculiarità di un sito che affascina chiunque lo frequenti o anche solo lo osservi dal fondovalle.

Nella saletta interna dello spazio espositivo è stato allestito, per la prima volta in Cadore, un approfondimento storico con una sequenza di immagini 1920-1952 dall’archivio del CAI di Padova, che documenta l’esistenza del primo Rifugio Padova, costruito nel 1910, distrutto da una slavina nel febbraio del 1931 e subito ricostruito alla base del Prà di Tóro, sul luogo di una distilleria di mugòlio.

La mostra è organizzata da Comune di Domegge, CAI, ANA, AUSER Domegge, Pio Istituto e Ass.ne S.Vigilio di Vallesella, e verrà inaugurata sabato 16 luglio alle ore 18.00 con la partecipazione di Ugo Scortegagna, Geologo e Operatore Naturalistico Culturale del CAI. Aperta tutti i giorni fino all’11 settembre 10.30-12.30 – 17.00-19.00. L’ingresso è libero.Nel corso dell’estate “Spazio Storel” ospiterà anche una serie di incontri pubblici su temi che riguardano la natura e la vita in montagna.

Lo “Spazio Storel” è intitolato ad uno dei più famosi artisti contemporanei viventi, originario di Domegge.
Sergio Storel (Domegge, 14 giugno 1926, Parigi, vivente) è un’eclettico scultore, pittore nonché poeta, con importanti opere ed esposizioni in tutta Europa, noto probabilmente più all’estero che nella sua patria.
Una sua grande installazione permanente di un gruppo di 25 sculture in ferro dedicata ai martiri della lotta di Liberazione, dal titolo “Storia e Memoria” (2004), è collocata giusto a fianco dello Spazio

Commenti

commenti

Author: Marta De Zolt

Condividi questi articoli su