Estate 2017: con TrenoBus le Dolomiti si esplorano in modo sostenibile

Cicloturisti e trekker potranno percorrere le piste del bellunese e visitare le bellezze patrimonio dell’UNESCO grazie al servizio che permette di trasportare le bici in treno e autobus.

Bellezze naturali e attrazioni turistiche: sono numerosi i punti di interesse che anche quest’anno cicloturisti e trekker potranno raggiungere grazie al TrenoBus delle Dolomiti, il servizio intermodale che offre ai ciclisti e agli amanti del trekking la possibilità di percorrere le piste ciclabili dell’intero anello dolomitico e di passeggiare nel cuore dei numerosi punti di interesse che valgono al territorio bellunese il titolo di patrimonio dell’UNESCO. Anche per questa estate infatti continua il servizio bus attrezzato per il trasporto delle bici nell’anello dolomitico, con una corsa in senso orario e un’altra in senso antiorario e coincidenze con treni a loro volta attrezzati con posti per le biciclette.

L’iniziativa partirà il prossimo 11 giugno e proseguirà per tutta la stagione estiva, fino al 10 settembre, consentendo di visitare il territorio in modo sostenibile anche pianificando vacanze di più giorni. Dal lunedì alla domenica sui treni provenienti da Conegliano e da Belluno saranno disponibili 7 posti per le biciclette, con coincidenze con i bus a Calalzo; inoltre il sabato e nei giorni festivi i treni da Venezia, Vicenza e Padova saranno in coincidenza servizi bus attrezzati per il trasporto biciclette, due per ciascun senso. A Misurina saranno organizzate coincidenze con la navetta per Tre Cime, mentre a Cortina sarà possibile salire sul bus per Dobbiaco.

Numerose le attrazioni da visitare, dal centro storico di Pieve di Cadore alle Tre Cime di Lavaredo, passando per i murales di Cibiana di Cadore e le Cascate di Fanes, non lontane da Cortina d’Ampezzo. Chi deciderà di spostarsi a piedi potrà raggiungere comodamente i punti di partenza di indimenticabili passeggiate di tutte le difficoltà nel cuore del patrimonio dell’UNESCO, che quest’anno patrocinerà anche il servizio TrenoBus. I cicloturisti potranno invece percorrere per la prima volta l’intero anello dolomitico tra Calalzo, Pieve di Cadore, Cibiana di Cadore, Cortina, Dobbiaco, Misurina, le Tre Cime di Lavaredo e Auronzo (incluse la Lunga Via delle Dolomiti, la ciclopedonale di Auronzo, la ciclostrada Pieve di Cadore-Longarone e la ciclabili della Pusteria e delle Drava) oppure diversi percorsi per mountain bike.

Chi non ha una bici da portare con sé non deve preoccuparsi. Lungo il percorso è infatti attivo un servizio di noleggio in cui sarà possibile trovare anche biciclette a pedalata assistita, caschi, seggiolini, carrelli e lucchetti. I prezzi variano dai 16 ai 35 euro, con un costo di 5 euro in più per chi vuole restituire la bici in qualunque punto di noleggio e un 10% di sconto per i possessori di carta Unica Veneto o del biglietto giornaliero “hop on hop off”, che al costo di 10 euro permette di spostarsi con TrenoBus salendo e scendendo lungo l’intero percorso fino alle ore 24 del giorno di utilizzo e di accedere, senza bici, ai servizi TPL sullo stesso percorso.

Per chi arriva in treno sarà possibile accedere al servizio bus dell’anello dolomitico esibendo semplicemente il biglietto ferroviario, senza costi aggiuntivi.

Oltre al biglietto “hop on hop off” sarà possibile acquistare, al costo di 4 euro, il biglietto Misurina – Tre Cime; titoli di viaggio potranno essere ottenuti con l’App Dolomiti Bus, a bordo dell’autobus o nelle rivendite autorizzate. I biglietti ferroviari potranno invece essere acquistati al prezzo del biglietto di tratta – con l’aggiunta di 3,50 euro per la bici – sia online (www.trenitalia.com) sia con app Trenitalia o presso le biglietterie ferroviarie, con prenotazione obbligatoria (e inclusa) in caso di bici al seguito per un massimo di 30 posti bici su carrellone, acquistabile fino a 20 minuti prima della partenza; sui treni da Venezia S. Lucia saranno disponibili 60 posti, mentre su quelli da Vicenza e Padova ne saranno disponibili 30.

La brochure con tutte le info sul servizio (dalla mappa all’elenco delle piste ciclabili, i percorsi per le mountain bike, i luoghi di attrazione, le proposte di itinerari, le modalità di noleggio delle biciclette, le informazioni sui rifugi, gli orari, le tariffe e i punti vendita legati al servizio) potrà essere scaricata qui.

Dal 2 giugno sarà possibile visualizzare la mappa interattiva di Google Maps a questo indirizzo anche collegandosi grazie al servizio Wi-Fi disponibile sui bus.

A partire dal 6 giugno, l’app DolomitiBus da tutti gli store consentirà di accedere anche a una sezione dedicata al TrenoBus delle Dolomiti. Non resta che scaricarla dagli store per Android e sul sito.

Commenti

commenti

Author: Orsola1

Condividi questi articoli su