L’indifferenza dell’amministrazione di Pieve per la Giornata della Memoria

Per la prima volta da quando nel 2000 è stata istituita la giornata della memoria, a Pieve di Cadore, dove già dal 1946 esisteva una sezione dell’Associazione Nazionale ex Internati” (Anei) che raccoglieva le loro memorie e assisteva nelle pratiche burocratiche, come l’ottenimento delle Medaglia d’Onore, gli Internati Militari Italiani (IMI) non c’è stata nessuna celebrazione.

Per tutte le persone che direttamente o indirettamente sono sempre stati partecipi della giornata, i figli eredi dei reduci e gli aderenti alle associazioni combattentistiche e d’arma, come l’ANA e l’Anpi.
Grande è il dispiacere, difficilmente esprimibile, dei due superstiti, Guido Coletti e Lucio Sopracolle, unitamente agli eredi degli altri Ex-internati (IMI), constatare l’indifferenza e l’insensibilità delle autorità nella mancata organizzazione anche di una semplice manifestazione per la “Giornata della memoria” il 27 gennaio 2018.

Pieve di Cadore non solo presenta uno dei due monumenti intitolati agli Ex-internati, ma annovera pure l’importante presenza di due superstiti, ancora viventi. Come hanno vissuto queste due persone la mancata cerimonia, alla quale abitualmente partecipavano?……………

L’indifferenza è nemica del ricordo e cancella la memoria, facendo presagire tragiche conseguenze. A questi pensieri e riflessioni fanno riferimento le persone legate in vario modo agli Ex-internati. Tutti indistintamente ci sentiamo defraudati dal diritto di far ricordare sacrifici e patimenti dei nostri padri.

Sebbene la sezione A.N.E.I. di Pieve di Cadore sia sciolta, rimane il desiderio dei superstiti e dei familiari degli Ex-internati “andati avanti” di coltivare il ricordo della loro presenza e del loro peso nella Storia dell’Italia, proprio quest’anno nel quale ricorre l’80° anniversario della promulgazione delle leggi razziali.

Guido Coletti con i figli Antonio e Michele
Lucio Sopracolle con la figlia Isabella
Gli eredi dell’ultimo presidente della sezione A.N.E.I. di Pieve di Cadore, Soravia Enzo: Gei Ginetta, Soravia Manuela e Soravia Letizia

Commenti

commenti

Author: Orsola1

Condividi questi articoli su