Alta Via 1 e 3 – Giau Monte Rite

 

Alta-Via-1-e-3-Giau-Monte-Rite

Il percorso di due giorni propone la fusione dell’Alta Via delle Dolomiti n. 1 e n. 3 nei tratti dal Passo Giàu al Passo Cibiana, sullo spartiacque destro della valle del torrente Boite.
Primo giorno. Lasciata l’auto o saliti in autobus di linea al tornante Capanna Ravà (2000 m) della SP 638 per il Passo Giàu, visitiamo l’omonima malga appena ristrutturata. Iniziamo il cammino lungo La Vàres, antichi pascoli della Regola di San Vito, delimitati a valle dall’ultracentenaria muraglia che i sanvitesi furono costretti ad erigere al fine di mantenere in perpetuo la proprietà delle praterie di Giàu, poste sui confini tra l’Impero Asburgico e la Serenissima Repubblica di Venezia, in seguito al Trattato di Rovereto (1753 m). Al primo bivio con il sentiero 436, proveniente dal Passo, iniziamo a salire verso forcella Giàu (2360 m), importante punto d’osservazione geologico. Il panorama ora spazia dalle Tofane al Pelmo, dalla Marmolada alla Civetta. Siamo giunti all’altopiano di Mondevàl, famoso per la scoperta della sepoltura mesolitica; tutta l’area è ancora oggi oggetto di studi per approfondire gli aspetti antropologici e archeologici (vedi box CEDNEA a pagina 18). Dopo esserci specchiati nel Lago de la Bàstes, passati alla Malga Mondevàl de Sóra (2158 m) e visitato il masso erratico della citata sepoltura, saliamo a forcella Ambrizzola (2277 m), altro punto di interesse geologico e storico, con vista sulla conca d’Ampezzo. Proseguiamo invece verso sud, costeggiando il Becco di Mezzodì e la Rocchetta di Prendèra, raggiungendo l’omonima malga; continuiamo in leggera discesa per “La strada del formai” tracciato che univa le cinque casère della Regola di San Vito. Ecco la penultima: Malga Doróna (1918 m, dal 1964 rifugio Città di Fiume, dove pernotteremo) con la costante vista della parete nord del Pelmo.

Foto: l’altopiano di Mondeval e i Lastoi de Formin dal Monte Pelmo (Mauro De Vido e Sabrina Menegus)

Privacy Policy Cookie Policy