PDA

Visualizza Versione Completa : Gita Semplice Monte Rite



Marydj
30-01-2012, 02:29 PM
Vi regalo le foto della gita che ho fatto in settembre, con una mia amica... Premetto che mi piaceva di più salire quando ero piccolina, perché tutto era rimasto come quando avevano fatto brillare il forte, più o meno, ma non mi dispiace. Alla fine il panorama è lo stesso, tranne i tanti turisti.
529 530 531

532 533 534

535 536 537

538

heimat
09-05-2012, 02:04 PM
Ciao!!
Condivido quanto ai detto!! La prima volta sul Rite sulle spalle di mio padre l'ho fatta a quattro anni (che pelandrone) piangendo a dirotto all'interno della galleria posta nell'ultimo tratto. Ancora adesso quando ci passo mi pare di sentire con un magone forte, le mie urla e le parole di rassicurazione dei miei....
Il Rite è cambiato eccome! In meglio? In peggio? Non so! A volte dico che sì è stato un bene portare lassù tante persone che senza herr messner non ci sarebero mai arrivate... E poi il recupero del forte è statosenz'altro un'opera esemplare! Altre volte quando magari tocca respirare le boccate di nafta che le tante troppe fuoristrada/navetta scaricano lungo la strada, mi pento di tanto ottimismo e ritorno a pensarlo quando lassù c'erano solo marmotte e formazioni assurde di ghiaccio in inverno. Il rischio secondo me dopo l'ultima salita in piena stagione estia dell'anno scorso, è quello di un desolante e progressivo abbandono: museo/forte chiuso, strutture già in certe parti fatiscenti, sensazione di abbandono insomma.... Spero proprio di aver avuto un'impressione sbagliata.

egon
09-05-2012, 11:03 PM
Il Rite è cambiato eccome! In meglio? In peggio? Non so! A volte dico che sì è stato un bene portare lassù tante persone che senza herr messner non ci sarebero mai arrivate... E poi il recupero del forte è statosenz'altro un'opera esemplare! Altre volte quando magari tocca respirare le boccate di nafta che le tante troppe fuoristrada/navetta scaricano lungo la strada, mi pento di tanto ottimismo e ritorno a pensarlo quando lassù c'erano solo marmotte e formazioni assurde di ghiaccio in inverno. Il rischio secondo me dopo l'ultima salita in piena stagione estia dell'anno scorso, è quello di un desolante e progressivo abbandono: museo/forte chiuso, strutture già in certe parti fatiscenti, sensazione di abbandono insomma.... Spero proprio di aver avuto un'impressione sbagliata.

La manuntenzione del forte di sicuro costa qualcosa, e puoi sperare di recuperare le spese solo se riesci a portare su abbastanza turisti. Oggi ci sono solo le maleodoranti (e pericolose) navette, o in alternativa il cavallo di san francesco. Perciò anche l'ambientalista messner si era rassegnato a chiedere l'installazione di una mini funivia. Ma qui sono tutti contro gli impianti e quindi non se ne è fatto nulla. Bene, vuol dire che anche il monte rite, dopo il pelmo, diventerà l'ambiente ideale per le immersioni psicofisiche. Allegria!

heimat
10-05-2012, 12:31 PM
Ma qui sono tutti contro gli impianti e quindi non se ne è fatto nulla. Bene, vuol dire che anche il monte rite, dopo il pelmo, diventerà l'ambiente ideale per le immersioni psicofisiche. Allegria!

Come in Sud tirol vero? Piz Boè, Piz La Ila, Cron Platz, Elm, Rot Wand ect ect...... tutti senza funivie vero? Ma loro lavorano alla grande stagione estiva ed invernale, forse perchè paesaggisticamente e culturalmente più interessanti del Rite, Pian dei Buoi, Monte Tudaio ect. PORI NOI....:icon_cry2:

heimat
10-05-2012, 01:32 PM
sempre "pour parlè":
la precisazione fatta da Egon in merito ai costi di manutenzione di un'intervento di riqualificazione x, ovvero fatto sul Rite come a Mogliano V.to, è sostanzialmente corretta perchè guardiamo il problema dal punto di vista "italiano", ovvero:
qualcuno ha un'idea, qualcun altro la sponsorizza, dopo infinite discussioni se tutto va bene se ne porta a compimento una parte, di solito quella che da un punto di vista propagandistico e/o finanziario risulta più appetibile, il resto boh??. All'interno di questo "resto" ahimè ricadono praticamente sempre i dettagli che tanto dettagli non sono perchè come nel caso della ordinaria futura manutenzione, sono i punti nodali per il funzionamento di un progetto....
Progetto appunto: in qualsiasi paese civile (lascio a voi il dilemma di quali siano), un intervento tiene insieme tanti aspetti che qui si considerano "secondari". L'accessibilità piuttosto che la viabilità piuttosto che l'impatto sul tessuto produttivo ect ect sono altrettanto importanti del mero progetto conservativo o di riqualifiacazione. Tutto questo per dire che se nel caso del Rite, ci sarebbe voluta la funivia per "farlo funzionare", la funivia andava fatta oppure non se ne faceva nulla!! Invece i ns "scienziati": beh intanto facciamo la parte che ci fa prendere schèi, visibilità voti ect., e poi qualche santo provvederà.... A sto punto se il Rite, Dio non voglia, dovesse fra qualche anno morire di inedia, mi chiedo quale scempio sarebbe per quel paesaggio magnifico!! Speriamodi no dai!