PDA

Visualizza Versione Completa : Basta!



Fabiana Marchio
11-05-2012, 11:16 AM
Buongiorno,
scrive una ragazza disperata, una ragazza che vive a Calalzo di Cadore. Un paese che da tempo è dimenticato dalla giustizia. ,

heimat
11-05-2012, 01:55 PM
intanto saluto te e tua nonna porgendoLe i miei più sentiti auguri di pronta guarigione.
In merito alla vicenda mi pare l'ennesima situazione che purtroppo, o in un senso o in un'altro, è destinata a finire male; sì perchè come dici, non c'è nessuno che abbia veramente l'autorità per prendere una decisione.
E' chiaro che non conoscendo la storia, le persone coinvolte e sentendo solo la tua "campana" che peraltro non ho ragione di mettere in discussione, posso solo avere una visione parziale del problema.
Nel nostro paese mille e mille volte abbiamo assistito a storie simili dove persone chiaramente "disturbate", pericolose ect. sono state messe nelle condizioni di compiere gesti estremi proprio perchè nessuno, nonostante i manifesti segnali di pericolosità, ha messo freno al loro agire.
Allora poi, a danni fatti, si sente dire che tutti lo sapevano, che avevano le mani legate, titoli di giornale, servizi alla TV. VERGOGNA!! Se avessi questo tipo di problema, andrei nell'ordine dalle forze di polizia denunciando la persona, in municipio dal sindaco e dall'assessore alle politiche sociali richiedendo l'intervento delle asistenti sociali operanti in zona. Vedi anche il sito www.assistentisociali.org
Auguri

blacksheep
11-05-2012, 08:09 PM
Si Fabiana hai ragione. E' proprio un'ingiustizia che nessuno possa prendere in mano la situazione. Confermo anch'io gli atti vandalici e le aggressioni di questa Anna. Qualche anno fa ha rigato la macchina di mio padre con una chiave facendo tutto il giro da una porta all'altra e senza alcun motivo. Anche in quella vicenda, non siamo riusciti a fare niente.
Per quanto mi riguarda, ho sempre cercato di "tenermela buona" per evitare di essere in mezzo a situazioni spiacevoli o scenate. Ne ho sentite comunque molte sul suo conto. La gente del paese si lamenta perché sembra recar fastidio in continuazione, dalle strade, alle case, ai bar.
Penso che tu non sia né la prima né l'ultima che l'abbia denunciata in questura. A questo punto non so che dire...facci sapere se il caso di tua nonna (alla quale anch'io auguro una buona guarigione) riuscirà finalmente a cambiare le cose! Lo spero tanto. Io non voglio il male di questa donna ma la legge dev'essere applicata anche a lei (incapace di intendere e di volere o non).

anna
12-05-2012, 10:48 AM
Ciao a tutti conosco bene il caso della mia omonima, anche la frustrazione che si prova di fronte all'impotenza delle istituzioni che molto spesso si passano e ripassano la palla senza grandi risultati. Il Sindaco ha un grande ruolo e potere in merito è anche vero che poi i giudici azzerano ogni volta una possibile "internazione". Ci sono persone che per molto meno sono finite in OPG, carcere psichiatrico. La risposta che viene data è che fino a quando nn ammazzerà qualcuno nn possono fare nulla, di lesioni più o meno permanenti ce ne sono state molte in questi anni e anche di tentativi di riabilitazione ma nulla a lei probabilmente conviene fare la "matta" tanto... Il comune le ha "regalato" una stube, procurato legna cibo vestiti supporto psicologico e tanto altro ma chi glielo fa fare? Questa sarebbe una nobile occasione per avere visibilità e guadagnare qualche voto, per il Sindaco. Ciao e auguri alla nonna

Frisol
12-05-2012, 12:28 PM
......oppure, prima o poi potrebbe trovare qualcuno piu' matto di lei o qualcuno che perde la pazienza e si "arrangia" a farsi giustizia..... "chel del formei" tanto per intenderci!!!!!!

massimo
13-05-2012, 02:06 AM
Da troppo tempo questa persona fa ciò che vuole, sono anni che si burla di tutto e tutti... sarebbe da fermare prima che trovi "kel del formei"...

anna
13-05-2012, 08:46 AM
Il Sindaco dice che più di così nn può fare, le forze dell'ordine hanno sempre agito nel modo che gli compete, poi però ogni volta tutto ritorna come prima e il problema rimane.
Cosa fare allora? qualcuno ha delle proposte a parte ipotesi di atti nn proprio civili? Nn è con la violenza che si risolvono le cose, piuttosto penso con la forza della gente che mossa da un obiettivo comune può smuovere molto. Ricordo che in passato è stata fatta una "battaglia" per un problema alla Scuola Materna e solo con la forza della gente dei genitori è stata vinta e il Sindaco di allora era assolutamente contrario in questo caso invece il Sindaco è consapevole del problema. Buona fortuna!

bosk
13-05-2012, 10:11 AM
Ciedere un tso????

anna
13-05-2012, 10:35 AM
già fatti il problema è molto più complesso. Perchè è il dopo che è ingestibile e lei nn vuole andare da nessuna parte se nn a casa sua per poter "disturbare"...

bosk
13-05-2012, 11:36 AM
E fare una petizione per un internamento in strutture adeguate???

anna
13-05-2012, 12:02 PM
appunto quello che dicevo, un'iniziativa popolare.

bosk
13-05-2012, 12:08 PM
organizzate una raccolta firme, poi chiamate la stampa, anche quella nazionale se serve e vedrai che qualcuno una soluzione la trova....

Fabiana Marchio
13-05-2012, 10:56 PM
Assolutamente, per il momento la denuncia è scattata con la presenza di un testimone. Al costo di andare a manifestare con gli striscioni di fronte al tribunale di Belluno. Tutto Calalzo deve aiutarci, dobbiamo stare uniti in nome della nostra sicurezza. Bisogna essere tenaci, non temere ripercussioni e quindi rientrare nel guscio dell'omertà. perchè la voce di 2000 persone è più udibile di quella di una famiglia. vi ringrazio per l'attenzione che state dedicando a questo caso e alla vostra solidarietà.

Fabiana

bosk
14-05-2012, 02:06 PM
Assolutamente, per il momento la denuncia è scattata con la presenza di un testimone. Al costo di andare a manifestare con gli striscioni di fronte al tribunale di Belluno. Tutto Calalzo deve aiutarci, dobbiamo stare uniti in nome della nostra sicurezza. Bisogna essere tenaci, non temere ripercussioni e quindi rientrare nel guscio dell'omertà. perchè la voce di 2000 persone è più udibile di quella di una famiglia. vi ringrazio per l'attenzione che state dedicando a questo caso e alla vostra solidarietà.

Fabiana

Ma di preciso cosa succede a Calalzo?????