PDA

Visualizza Versione Completa : Il Tiziano chiuso per 1 settimana



ecko
29-09-2012, 08:07 AM
Il Gran Caffè Tiziano resterà provvisoriamente chiuso da Venerdì 28 ore 24:00 per 7 giorni....vi aspettiamo al Roccolo!!!

Gli eventi di oggi SABATO 29: Fionda Dj live Set + DOMENICA 30: Baby dance + VENERDI' 5 Ottobre: Blues band si svolgeranno al BAR PARCO ROCCOLO. Non mancate!

Riapertura al Gran Caffè Tiziano SABATO 6 OTTOBRE con Dj Cyccyoo. Grazie a tutti della presenza e del supporto.

Questo l'epilogo di una vicenda iniziata una settimana fa, con l'arresto di un diciottenne per una rissa in Piazza di Pieve, sfociata in aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Ribadisco, in Piazza, non all'interno del Gran Caffè Tiziano.

Seguirà alcuni giorni dopo un articolo sul Corriere delle Alpi intitolato "Gran Caffè Tiziano a rischio chiusura - Summit tra carabinieri e amministratori per mettere fine agli eccessi della movida in piazza" (leggibile QUI (http://www.nuovocadore.it/wp-content/uploads/2012/09/Tiziano_rischio_chiusura.png)), al quale Stefano Pompanin, gestore del locale, risponde il giorno seguente con l'articolo "Al Caffè Tiziano è tutto in regola" (leggibile QUI (http://www.nuovocadore.it/2012/09/28/al-caffe-tiziano-e-tutto-in-regola/)).

Infine, la decisione dell'amministrazione di Pieve, giunta ieri, di chiudere il locale per 7 giorni.

http://www.grancaffetiziano.it/foto/piazza_tiziano1.jpg

ecko
29-09-2012, 08:15 AM
Ieri sera, Roberto Granzotto, assessore del comune di Pieve di Cadore, scriveva questo sul suo profilo facebook:


I giovani hanno il diritto di divertirsi e stare insieme, i residenti hanno il diritto di riposarsi la notte, i bambini hanno il diritto di giocare in piazza senza tagliarsi con vetri di bicchieri e bottiglie, i genitori hanno il diritto la domenica di portare i loro bambini in piazza senza preoccuparsi che finiscano nel vomito della notte, i commercianti hanno il diritto di non dover pulire le loro vetrine dai prodotti fisiologici di chi si è divertito la notte. Questi opposti interessi possono convivere se si rispettano le minime regole della convivenza civile, se nessuno vuole prevaricare l'altro, se ci si pone dei limiti, se si è tolleranti. Chi supera i limiti, chi non ha rispetto dell'altro, pianga se stesso se il divertimento sfrenato sparisce. Basterebbe in fin dei conti ascoltare buona musica dal vivo, accettare l'abbassamento del volume dopo una certa ora, non vomitare o pisciare in piazza o sulle vetrine o dietro gli angoli, non rompere i bicchieri in piazza dove il giorno dopo giocano i bambini, usare il bar come fosse un bar e non una discoteca o una sala da ballo perché le norme te lo impongono, ecc. La tolleranza di chi ha chiuso un occhio, di chi ha cercato di comprendere, di chi ha cercato il dialogo, di chi ha cercato di aiutarti, non è infinita e prima o poi si esaurisce e ti impone di pagare il conto, al rispetto della legge più volte violata. Ma non è tanto il rispetto della legge, le leggi possono essere anche sbagliate, quanto il rispetto degli altri che non dovrebbe avere bisogno di leggi che lo impongano. I giovani potevano avere il loro divertimento, ma qualcuno non ha avuto limiti e ha preteso impunità. Purtroppo ne fanno le spese tanti giovani che chiedevano solo di potersi divertire con il rispetto dovuto. Questi per sette giorni dovranno rivolgersi altrove e per colpa di chi pretende di non avere limiti. Mi dispiace ed è una sconfitta per chi cerca di fare qualcosa per i giovani e rendere la vita più serena e migliore per tutti, in un modo o nell'altro e sempre in buona fede.

E questa la mia replica:

Sono d'accordo su quasi tutto Roberto, tranne il finale. La vera sconfitta è VOSTRA, dell'amministrazione e di chi ha deciso di chiudere il principale locale del Cadore per risolvere la questione. Non si ottiene nulla con le CHIUSURE, con le proibizioni, con i "muri" e non lo dico io ma la storia. E' sempre sbagliato punire tutti per colpa di qualcuno ed è proprio quello che avete fatto.

Molti i messaggi di solidarietà e sostegno al gestore del Gran Caffè Tiziano sulla pagina facebook ufficiale (http://www.facebook.com/grancaffetiziano?fref=ts) del locale.

L'appuntamento, per la riapertura, è Venerdì 6 ottobre alle ore 24:00...

Oceans
29-09-2012, 10:38 AM
Quel che Stefano dice è giusto e vero.
Alcune volte gli è stato puntato il dito contro forse per qualche valido motivo, ma questa volta credo sia tutto esagerato.
La verità è che manca il rispetto da parte dei ragazzi più giovani. Anche io il sabato sera frequento il Tiziano, ho 20 anni e rimango TOTALMENTE ALLIBITA dal comportamento di ragazzini più piccoli di me di soli 4 anni. Sono situazioni davvero schifose, e scusate se i termini non sono adatti, ma davvero le situazioni sono sgradevoli da far passare la voglia di stare lì.
Ragazzi che vomitano in ogni posto, senza alcun rispetto neppure delle persone che hanno accanto; gente che va a fare pipì vicino alle case solo perché non ha voglia di andare nel bagno del bar (i bagni, sia delle donne che degli uomini sono inguardabili a fine serata per colpa proprio di queste persone ubriache che rovinano, rompono e soprattutto sporcano tutto in modo da renderli totalmente inutilizzabili); ragazzi di 15 anni ubriachi marci alle 10 di sera e ragazze (anche in pieno inverno) quasi nude che non aspettano altro che commenti (e forse anche altro..) da questi ragazzi ubriachi..
Se il comune ha ritenuto giusto chiudere il locale per una settimana è scelta che non è ovviamente contestabile, ma il problema sta molto più a fondo e forse non vuole essere messo in evidenza perché tocca tasti dolenti per le famiglie.
La verità è che l'educazione dei figli da parte di queste famiglie NON C'E'. Bisognerebbe dare una bella strigliata a questi ragazzini che non hanno più rispetto per niente e nessuno. Siccome il padrone di un bar, un negoziante, un'autorità non vengono ascoltate (anzi questi ragazzi osano anche rispondere) la loro parte dovrebbero farla i genitori!
Mi sento in imbarazzo a fare questi discorsi perché posso avere solo 5 anni più di loro e forse dovrei essere vicina alle loro idee, ma tutto sta degenerando..

Mel
29-09-2012, 10:49 AM
Chiudere in locale per una settimana è una soluzione inutile, dalla settimana dopo tutti questi problemi ricominceranno. I giovani hanno bisogno di divertirsi ma con regole ferree. Fate fare multe a chi sporca in giro per il paese agli schiamazzi notturni... Forse questo potrebbe insegnare a tenere un comportamento corretto, non chiudere il locale una settimana.

bosk
29-09-2012, 11:52 AM
Concordo con entrambi, e secondo me come dice oceans il problema sono proprio i genitori, la multa a chi sporca va bene, ma se si tratta di minorenni bisognerebbe portarli in caserma e farli andare a recuperare dai genitori e dargli una suonata anche a loro che lasciano in giro i figli fino le 2 di notte a farne di ogni..... e ci sono pure genitori che li difendono oppure in qualche caso sono messi peggio dei figli......

mauritius
29-09-2012, 12:29 PM
La vera sconfitta è VOSTRA, dell'amministrazione e di chi ha deciso di chiudere il principale locale del Cadore per risolvere la questione. Non si ottiene nulla con le CHIUSURE, con le proibizioni, con i "muri" e non lo dico io ma la storia. E' sempre sbagliato punire tutti per colpa di qualcuno ed è proprio quello che avete fatto.

Hai detto tutto Matteo! :26: se pensano di risolvere i problemi così sono fuori strada e di tanto.
Che siano polizia e carabinieri a occuparsi dei casini che succedono in piazza!!!

Oceans
29-09-2012, 12:56 PM
Concordo con entrambi, e secondo me come dice oceans il problema sono proprio i genitori, la multa a chi sporca va bene, ma se si tratta di minorenni bisognerebbe portarli in caserma e farli andare a recuperare dai genitori e dargli una suonata anche a loro che lasciano in giro i figli fino le 2 di notte a farne di ogni..... e ci sono pure genitori che li difendono oppure in qualche caso sono messi peggio dei figli......

esatto, è proprio così che la penso anch'io..ed è cosi che non c'è soluzione al problema e ci si limita a chiudere il locale come se cambiasse qualcosa..gli stessi andranno a fare danni altrove stasera perchè saranno gli stessi ad ubriacarsi, a infastidire e a sporcare.
E i genitori non dicono mai nulla, anche quando vedono i propri figli tornare a casa ubriachi ogni fine settimana, quando si sentono chiamati dai professori che parlano dei danni fatti dai propri figli perchè (sentito raccontare da persone testimoni di queste frasi) hanno il CORAGGIO di rispondere: "Ma insomma, siamo stati tutti giovani!".

blacksheep
29-09-2012, 01:28 PM
Non è una situazione facile. Da una parte c'è il bar che rappresenta un locale storico e quindi impossibilitato ad essere trasformato in discoteca o locale notturno, dall'altra c'è la sua unicità come spazio per divertirsi o farsi una ballata il sabato sera. I giovani ormai non sanno + dove rifugiarsi per evadere dal muortorio che sempre più si sta diffondendo in Cadore.
Detto questo, anche secondo me la chiusura del Tiziano per una settimana non serve a nulla.

Aurora
29-09-2012, 03:47 PM
La situazione è questa: abbiamo un locale che è il punto di riferimento per i giovani (e tra questi ci sono anche io) e abbiamo una serie di Note protocollate dall’Arma dei Carabinieri (più di 30 da maggio 2012 in poi) e inviate all’Amministrazione di Pieve dove si legge di svariati/ripetuti/diffusi episodi di illegalità riferibili al Tiziano. Io ora trovo PESSIMO che di debba associare la parola illegalità al paese in cui vivo. Le persone incriminate sabato scorso saranno avventori, può essere non siano clienti del Tiziano, ma vengono a Pieve perché sanno che le feste al Tiziano hanno un richiamo consistente di giovani e…l’occasione fa l’uomo ladro. La scelta di una chiusura temporanea e immediata io la vedo coma la pura salvaguardia di una licenza di esercizio, in risposta alla richiesta auspicata fermamente dall’Arma dei Carabinieri di un provvedimento immediato atto a ripristinare l’ordine e la sicurezza pubblica.

ecko
30-09-2012, 01:51 PM
Ridiamo per non piangere.

http://www.nuovocadore.it/forum/attachment.php?attachmentid=637&stc=1&d=1349005894

Toscani Cristin
30-09-2012, 06:10 PM
Ha ragione , mi dispiace tantissimo per il signor Pompanin ,non perchè è mio paesano ,e per tutto il Cadore.Essere il gestore di un ambiente oggigiorno è davvero difficile e impegnativo . Ha tutta la mia solidarietà e spero anche quella dei suoi clienti

Oceans
30-09-2012, 06:52 PM
Resoconto di sabato 29/09/2012 a Pieve di Cadore:

Spopolamento totale; 4 gatti al check, 4 al roccolo, 4 al bar vecchio a Domegge, Road chiuso prestissimo.
Carabinieri ovunque. Ritengo che siano necessari SEMPRE, ma ieri sera la loro presenza è servita a poco perchè OVVIAMENTE tutto era deserto..e dalla prossima settimana, quando riaprirà il Tiziano e ricominceranno le solite situazioni, loro non ci saranno più (Spero di sbagliarmi e mi auguro di potermi rimangiare quello che ho detto sabato prossimo, in modo da poter dire che tutto sta migliorando)
"E tutta la gente dov'è?" ci siamo chiesti...
La risposta: "Sono a Belluno, Pedavena, Treviso, ecc ecc ecc.."

SuperAnima
30-09-2012, 07:30 PM
Ho letto vari commenti su facebook e sul forum riguardo la chiusura del Caffè Tiziano per una settimana,una punizione al gestore per comportamenti illeciti ,illegali non consoni alla licenza commerciale del locale da lui gestito.Da quello che si apprende dall'ultimo post del “consigliere esterno”Granzotto sembrerebbe che i motivi per aver così duramente sanzionato il gestore siano da ricercarsi nel fatto che quest'ultimo non abbia ascoltato i ripetuti appelli alla moderazione durante le feste da lui organizzate,al rispetto dell'orario di chiusura,al volume della musica troppo alto ecc.ecc.ecc. Tutto ciò palesemente in contrasto con ciò che è riportato nell'articolo sul giornale che riprende una dichiarazione del Sindaco Ciotti.
Ora possiamo essere tutti d'accordo riguardo alle lamentele e denunce fatte da Granzotto riguardo la descrizione che fa della piazza Tiziano al temine delle feste a causa di quattro balordi. Argomento incontestabile! Ma il problema è che questa decisione è una chiara resa o meglio,per usare un termine alla Granzotto “sconfitta” della sua Amministrazione la quale incapace di dialogare,imporsi,venire a compromessi, ricercarne le cause,mettersi a fianco di un gestore che si è sempre o quasi comportato con coscienza e responsabilità ha preferito usare il “bastone”.Un buon amministratore o meglio il Sindaco avrebbe dovuto interloquire personalmente col gestore. Invece hanno preferito un summit con le forze dell'ordine.Una specie di delega,noi non siamo riusciti nel nostro intento,diteci voi cosa dobbiamo fare! Un classico! E quindi ,questa ridicola punizione! Come sempre in questi casi si tirano fuori le leggi,le regole,la legalità quando invece basterebbe il BUON SENSO che pare non sia più di moda. Giustamente si dice che il “Gran Caffè Tiziano” non è una discoteca! E' vero,ma non è neanche più il “Gran Caffè Tiziano” dei tempi d'oro!Vorrei sapere quanti genitori sono grati a Stefano perchè i loro figli,che non sono balordi,alla sera rimangono in Cadore senza rischiare la pelle in macchina diretti nelle discoteche della pianura! Sopportare saltuariamente decibel in eccesso, disagi momentanei al plateatico della piazza valgono forse di più di una vita spezzata sulla strada? Questa non è retorica,purtroppo è pura realtà!
Inoltre poi si guarda sempre al bicchiere mezzo vuoto e mai al bicchiere mezzo pieno!Quando mai c'è stato da parte dell'Amministrazione di Pieve un attestato alla sua professionalità,un riconoscimento pubblico,un grazie a Stefano Pompanin.La piazza di Pieve senza Stefano sarebbe ed è morta! Una persona sempre disponibile,lavoratore instancabile, dalle mille idee e proposte.Quando mai Pieve ha avuto un operatore economico con tali prerogative!Ripeto se c'erano,e credo che ce ne siano stati degli eccessi si doveva provare e trovare un'alternativa alla mera punizione. Il Cadore è morto! Così facendo si tarpano le ali a chi mette la faccia e il lavoro per dare un po' di ossigeno al moribondo!
No,Granzotto,no Sindaco,no amministratori di Pieve avete “toppato di brutto”!

bosk
30-09-2012, 10:17 PM
Condivido quello che dici, ma come l'hai posta mi sembra più un attacco alla giunta comunale che una soluzione al problema. Premetto che non conosco la giunta e non sono qui a difenderli, ma sarei curioso di capire cosa intendi con....INCAPACE DI DIALOGARE, DI IMPORSI, VENIRE A COMPROMESSI, RICERCARNE LE CAUSE, METTERSI AL FIANCO DI UN GESTORE ecc..ecc... cosa centrano tutti questi paroloni con il fatto che 2 persone, per non usare altro termine, si sono messi le mani addosso o che molti si ubriacano. IMPORSI???? cioè???? DIALOGARE???? VENIRE A COMPROMESSI???? RICERCARNE LE CAUSE?????, mi sembra la solita retorica, mi stupisce anche il fatto che tu dica che se anche ci sono troppi decibel, bisogna sopportare perchè può salvare una vita???? se decido di andare in giù ci vado sia con il Tiziano aperto o chiuso.....ma sopratutto, se io ubriaco decido di mettermi alla guida, mi posso ammazzare a Belluno come a Pieve.

SuperAnima
30-09-2012, 11:54 PM
La causa della temporanea chiusura è stato appurato e dichiarato dal consigliere esterno Granzotto non è stata decisa per la zuffa all'esterno del locale ma per i ripetuti “sforamenti” da parte del gestore.Mi sembrava di averlo scritto e spiegato chiaramente le motivazioni ( ti pregherei di rileggerti il mio post).E' chiaro che non condivido la scelta dell'Amministrazione,e anche questo mi sembra averlo spiegato.Con chi se non con chi ha preso questa iniqua decisione devo indirizzare le mie critiche e lamentele? Forse col parroco di Pieve o col il postino?
Io non ho una soluzione anchè perchè nessuno di noi ha le conoscenze esatte di cosa viene contestato al gestore.Non mi permetterei mai di suggerire soluzioni dall'esterno!Contesto solo ed esclusivamente il metodo adottato.Chiaro? Per me ci sono altre strade da percorrere non solo quella dei divieti. Questa è una mi idea.Per quanto riguarda il fatto che tu sia libero di guidare ubriaco,schiantarti su per un muro,questi sono affari tuoi.
Sono affari miei invece se tu investi da ubriaco me o un mio famigliare. E in pianura “questo fenomeno “è all'ordine del giorno o meglio della notte.
Il Tiziano aperto alla sera era ed è un'opportunità perche i ragazzi non scendano a valle a sballarsi e a rischiare la pelle.Poi è tante altre cose.

heimat
01-10-2012, 10:11 AM
Vi ho letto attentamente e ora, se permettete esprimo il mio pensiero.....
Il locale ufficialmente si chiude per "lo sforamento" (degli orari presumo?). Beh se c'è una norma che lo permette, non vedo dove sia l'ingiustizia..... Si potevano adottare altri metodi? Certo, ma mi pare e correggetemi se sbaglio, che si stia a parlare di cose già altre volte discusse (insomma non è la prima volta), quindi la recidività nel compiere un'atto di solito è un'aggravante per chi deve decidere!
Il caffè Tiziano compie un servizio alla comunità, fa sì che i giovani stiano in Cadore ect ect ect? Sì certo ma non ne facciamo un associazione benefica per carità; il proprietario, come è giusto che sia fa i suoi interessi probabilmente li fa bene perchè li fa combaciare con le richieste del territorio (famosa domanda/offerta) e tutto finisce qua.....per l'amor di Dio!
Che la colpa è del gestore quando due pirlotti si picchiano oppure vomitano o altro fuori dal suo locale? No ci mancherebbe, ma lui è "colpevole" per esempio di somministrare alcoolici a minori di 18 anni (legge dello stato fino a prova contraria); qualcuno qui nel forum (non mi ricordo il nome sorry), racconta di esperienze personali di 15 ENNI che si ubriacano ect....
Soluzioni? Qualcuno ha tirato in ballo la pianura.... ebbene siccome da là vengo è vero che sono problemi triti e ritriti che puntualmente si ripropongono sopratutto in quei locali che non sono "nè carne nè pesce" cioè nè disco nè solo bar.....siccome questi locali ahimè prendono il meglio ma anche il peggio delle due tipolgie suddette, molti gestori (secondo me furbi) hanno risolto usando per la sicurezza i sistemi delle discoteche sia per gli ingressi sia per il servizio d'ordine esterno..... In questo modo selezioni le gli ingressi (i 15enni stanno fuori o bevono la cocacola dentro il locale) e se qualcuno fuori (La piazza di Pieve non è poi chissà cosa) combina casini lo inviti a smettere oppure avverti le forze di polizia.... boh mi par banale! Certo bisogna pagare qualche persona in più, ma forse l'investimento vale la chiusura del locale.....

ecko
01-10-2012, 10:35 AM
Riporto qui alcuni messaggi che ho scritto nella discussione con Roberto Granzotto su facebook (visto che lì si perderà tutto col tempo):


La chiusura è scattata a fronte di una rissa successa in PIAZZA Tiziano, sfociata in resistenza a pubblico ufficiale, o per lo meno questo è ciò che ne è uscito i giorni scorsi sui giornali. Quali sono le REGOLE che il Gran Caffè Tiziano non rispetta? Perchè non vengono comunicate una volta per tutte in modo chiaro? Sempre sui giornali, VOI avete ammesso che i problemi sono causati da "qualche balordo". Allora, il problema qui è il Gran Caffè Tiziano o qualche balordo?!
Roberto, quando avevo 18 anni e mi lamentavo che in Cadore per i giovani non c'era nulla, la vostra risposta è stata di starmene a casa a leggermi un libro. Oggi chiudete il Tiziano per una settimana per punizione. Oggi come allora, confermate la totale chiusura e mancanza di dialogo coi giovani. STATE SBAGLIANDO, ancora!


Angela (Aurora, qui sul forum) è palesemente imparziale e come consigliere comunale si è allineata a ciò che il comune decide e fa. Pro Loco Tiziano sarebbe bene che si firmasse con nome e cognome in discussioni di questo tipo. Grandi riflessioni sul “disadattamento sociale”, le libertà, il disagio giovanile ecc: luoghi comuni triti e ritriti, AVETE STUFATO.

Roberto: mettetevi d'accordo o curate meglio la vostra comunicazione perchè il messaggio che è arrivato (e che voi avete divulgato attraverso questo articolo (http://www.nuovocadore.it/wp-content/uploads/2012/09/Tiziano_rischio_chiusura.png)) è che il Tiziano l'avete chiuso dopo il casino di sabato scorso con quella rissa in PIAZZA. Nel virgolettato del Sindaco si parla di DEGRADO e mai di tutto ciò di cui hai scritto tu qui sopra (musica alta, discoteca, balli).
Se non informate la gente del perchè prendete certi provvedimenti (o peggio, la informate male) non potete poi lamentarvi di tutte le critiche che vi arrivano.
Leggi e limiti vanno rispettati, non ho mai detto il contrario in questo contesto ed è giusto prendere provvedimenti ma quello che avete preso voi è esagerato, sbagliato, controproducente e tutto fuorché propositivo e di dialogo!
Ma veramente pensate che chiudendo una settimana il Tiziano risolverete i problemi che ci sono? Non ci posso credere, sembra la decisione di chi non ha la più pallida idea di cosa fare per sistemare le cose e alla fine fa la cosa peggiore. Avete fatto "parfin" un summit "comune-carabinieri" per confezionarla (roba da barzellette).
Se siete convinti che i problemi si risolvano così, siam messi bene. Caro Roberto, fra un po' non avrete più il problema di cosa rispondere ad albergatori, commercianti e turisti... perchè non ci saranno più!

Ricordo sempre che il forum è aperto a tutti e tutti possono inserire il proprio messaggio.

ecko
01-10-2012, 12:00 PM
Riporto la nota di Stefano Pompanin, gestore del Gran Caffè Tiziano, appena pubblicata sulla pagina facebook ufficiale del locale:


Ringrazio di cuore tutti coloro che con senso democratico, civile e liberale sostengono, con note di solidarietà, il Gran Caffè Tiziano e le sue molteplici iniziative e attività. Purtroppo stando dentro al Tiziano solo, con un silenzio tombale, vedendo che fuori piove con nebbia e temperature che aprono le porte solo all’inverno e che amaramente non consentono nemmeno l’attività al Roccolo, mi rende tristissimo... forse comunque è uno stato d animo solo passeggero, spero, e che si rifà sui momenti belli e felici trascorsi tutti insieme. Anche tutto il personale in servizio che da anni come una famiglia aggiunge oltre al servizio un sorriso o una battutina, sono rammaricati di questo stop e tutti insieme aspettiamo con ansia venerdì notte a mezzanotte x tornare a fare e essere quelli che siamo. Anche alle donne delle pulizie gli manca il sudiciume che come dopo un evento sportivo devasta il ...locale: faccio un giro e vedo sui tavoli e sulle poltrone o sui muri segni o quant’altro che testimoniano come tante firme un’opera d’arte unica a ricordo del compleanno, la festa, l’addio al celibato, la vittoria della squadra del cuore, o il semplice aperitivo. Il tavolo e la poltrona dove la stessa persona alla stessa ora vedi tutti i santi giorni, là seduta con l’amico o il collega col giornale o il cellulare in mano a fare chissacchè, anche niente ma l’importante è esserci.
Oggi solo nel prendere i giornali e bere un caffè, tutti con una stretta di man,o un sorriso una nota di disappunto o una botta sulla spalla, come per augurarmi buone ferie, mi hanno fatto notare che oggi è meno 5 alla riapertura, che tutti aspettano con ansia. Anche i giornali, le lettere e i commenti su internet, sottolineano una linea troppo dura: da tutto ciò mi auguro che pure cercando di non sbagliare più, anche il pubblico e gli avventori di Pieve si diano una regolata (logicamente solo coloro che sanno di avere oltrepassato il limite). Con questo vi saluto, a presto, arrivederci al Tiziano.

Stefano Pompanin

bosk
01-10-2012, 02:42 PM
La causa della temporanea chiusura è stato appurato e dichiarato dal consigliere esterno Granzotto non è stata decisa per la zuffa all'esterno del locale ma per i ripetuti “sforamenti” da parte del gestore.Mi sembrava di averlo scritto e spiegato chiaramente le motivazioni ( ti pregherei di rileggerti il mio post).E' chiaro che non condivido la scelta dell'Amministrazione,e anche questo mi sembra averlo spiegato.Con chi se non con chi ha preso questa iniqua decisione devo indirizzare le mie critiche e lamentele? Forse col parroco di Pieve o col il postino?
Io non ho una soluzione anchè perchè nessuno di noi ha le conoscenze esatte di cosa viene contestato al gestore.Non mi permetterei mai di suggerire soluzioni dall'esterno!Contesto solo ed esclusivamente il metodo adottato.Chiaro? Per me ci sono altre strade da percorrere non solo quella dei divieti. Questa è una mi idea.Per quanto riguarda il fatto che tu sia libero di guidare ubriaco,schiantarti su per un muro,questi sono affari tuoi.
Sono affari miei invece se tu investi da ubriaco me o un mio famigliare. E in pianura “questo fenomeno “è all'ordine del giorno o meglio della notte.
Il Tiziano aperto alla sera era ed è un'opportunità perche i ragazzi non scendano a valle a sballarsi e a rischiare la pelle.Poi è tante altre cose.



Veramente io ho letto, non ricordo bene dove ma che Granzotto ha chiuso il locale per via della rissa, poi ti faccio notare che anche da queste parti, basta leggere gli articoli sui giornali, vengono ritirate un sacco di patenti, quindi il tuo discorso è alquanto relativo poi sono daccordo con te che il Tiziano o Stefano non ne abbia colpa, però c'è anche da dire che tutti questi 15enni di cui si parla che sono ubriachi persi, da qualche parte troveranno da bere o no??? forse se lo portano da casa, comunque con il tuo contestare il provvedimento, che sia chiaro contesto anche io, però ritengo che tu abbia fatto la solita retorica inutile senza dare una tua versione ma semplicemente attaccando chi ha preso questo provvedimento, sopratutto non hai detto nulla su chi si occupa di tutti questi minorenni ubriachi e cioè i loro genitori.....allora io dico, dove sono??? non se ne accorgono oppure fanno finta o concedono tutto???? da qui bisogna iniziare secondo me, poi si può criticare ciò che non si condivide.

bosk
01-10-2012, 02:46 PM
vi ho letto attentamente e ora, se permettete esprimo il mio pensiero.....
Il locale ufficialmente si chiude per "lo sforamento" (degli orari presumo?). Beh se c'è una norma che lo permette, non vedo dove sia l'ingiustizia..... Si potevano adottare altri metodi? Certo, ma mi pare e correggetemi se sbaglio, che si stia a parlare di cose già altre volte discusse (insomma non è la prima volta), quindi la recidività nel compiere un'atto di solito è un'aggravante per chi deve decidere!
Il caffè tiziano compie un servizio alla comunità, fa sì che i giovani stiano in cadore ect ect ect? Sì certo ma non ne facciamo un associazione benefica per carità; il proprietario, come è giusto che sia fa i suoi interessi probabilmente li fa bene perchè li fa combaciare con le richieste del territorio (famosa domanda/offerta) e tutto finisce qua.....per l'amor di dio!
Che la colpa è del gestore quando due pirlotti si picchiano oppure vomitano o altro fuori dal suo locale? No ci mancherebbe, ma lui è "colpevole" per esempio di somministrare alcoolici a minori di 18 anni (legge dello stato fino a prova contraria); qualcuno qui nel forum (non mi ricordo il nome sorry), racconta di esperienze personali di 15 enni che si ubriacano ect....
Soluzioni? Qualcuno ha tirato in ballo la pianura.... Ebbene siccome da là vengo è vero che sono problemi triti e ritriti che puntualmente si ripropongono sopratutto in quei locali che non sono "nè carne nè pesce" cioè nè disco nè solo bar.....siccome questi locali ahimè prendono il meglio ma anche il peggio delle due tipolgie suddette, molti gestori (secondo me furbi) hanno risolto usando per la sicurezza i sistemi delle discoteche sia per gli ingressi sia per il servizio d'ordine esterno..... In questo modo selezioni le gli ingressi (i 15enni stanno fuori o bevono la cocacola dentro il locale) e se qualcuno fuori (la piazza di pieve non è poi chissà cosa) combina casini lo inviti a smettere oppure avverti le forze di polizia.... Boh mi par banale! Certo bisogna pagare qualche persona in più, ma forse l'investimento vale la chiusura del locale.....


perfettamente daccordo......

Osvaldo Da Vià
01-10-2012, 06:55 PM
da come mi è stato detto direttamente dal sindaco,la chiusura è dovuta alla recidività del gestore nel non osservare i vari richiami dell'amministrazione comunale.

si evince che il provvedimento amministrativo è obbligatorio da parte dell'amministrazione per non cadere in "omissione di atti d'ufficio" (L'articolo 328 c.p., nella sua attuale formulazione, prevede due fattispecie incriminatici distinte. La prima sanziona il fatto causato da un pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, che rifiuta indebitamente un atto che per ragioni del suo ufficio deve essere compiuto.)

la posizione di chi sanziona,in questo caso è alquanto scomoda,perche nel piatto ci sono :
1) i cittadini che reclamano ordine ,pulizia,tranquillità,diritto al sonno.
2) i giovani e meno,i quali hanno diritto al divertimento,hanno diritto al loro locale preferito,alle feste.
3) il rischio di essere denunciati per omissione di atti d'ufficio.

ora,sarebbe bello sapere quanti di voi hanno preso in considerazione l'incognita 3) e quanti se la sentirebbero di ignorarla.

La cosa invece che pur impegnandomi non capisco è il motivo per cui il gestore di un locale pubblico è responsabile di ciò che viene fatto al di fuori dell'area da lui gestita.... questa cosa non la capisco proprio....se io ho un'armeria e vendo una pistola ad una persona con il porto d'armi ....e quest'ultimo esce dalla mia bottega e spara ad una persona sono colpevole ????? credo di no...sarei colpevole se la vendo ad una persona sprovvista di regolare porto d'armi... poi.....vorrei capire....con quale criterio si stabilisce chi è realmente un cliente e chi un "volontario disturbatore"

per ultima ma non meno importante,è questa domanda che mi sono posto....

perche il gestore del gran caffè Tiziano non ha avuto la possibilità di difendersi ???? perchè gli è stata recapitata la sanzione in forma cartacea in orario non più utile ad un'eventuale ricorso ??? anche se confermando la sua "colpevolezza" avrebbe potuto organizzare la chiusura....questa opzione viene data in varie sanzioni...mi sembra anche nel ritiro patente in certe occasioni....

modus70
01-10-2012, 09:59 PM
Più presenza delle forze dell'ordine e nessuna tolleranza per quei soggetti che commettono atti di vandalismo , perche' la presenza delle forze dell'ordine e' giusta e serve da deterrente non per i ragazzi che intendono trascorrere una serata di divertimento sano ma per quelli che rovinano il divertimento sano

modus70
01-10-2012, 10:05 PM
Secondo il mio punto di vista un locale con le caratteristiche che intende avere il tiziano, cioe' tipo discoteca, non puo' stare in un contesto come la piazza di un paese ma in un luogo fuori dal centro abitato dove non si disturba nessuno pur mantenendo un volume elevato della musica da discoteca . E sono d'accordo con il sig. Pompanin quando sostiene che i ragazzi devono avere punti di sfogo qui e non dover scendere in pianura , lo dico da genitore ovviamente. Se te li trovi stesi sotto un lenzuolo sulla pontebbana e' una prospettiva orribile non voglio neanche pensarci

heimat
02-10-2012, 09:28 AM
Secondo il mio punto di vista un locale con le caratteristiche che intende avere il tiziano, cioe' tipo discoteca, non puo' stare in un contesto come la piazza di un paese ma in un luogo fuori dal centro abitato dove non si disturba nessuno pur mantenendo un volume elevato della musica da discoteca . E sono d'accordo con il sig. Pompanin quando sostiene che i ragazzi devono avere punti di sfogo qui e non dover scendere in pianura , lo dico da genitore ovviamente. Se te li trovi stesi sotto un lenzuolo sulla pontebbana e' una prospettiva orribile non voglio neanche pensarci

Quoto! Che poi è quello che sta succedendo in qualsiasi città di qualsiasi provincia di qualsiasi regione almeno del Nord italia.... (circoscrivo perchè non conosco le altre realtà).
Nel tempo sono cambiati modi di divertirsi e ciò che un tempo si poteva tollerare anche sotto casa, adesso non più! Le località di vacanza sulla costa adriatica per esempio hanno progressivamente spostato tutti i locali per il divertimento notturno in aree periferiche, eliminando d'ufficio alcuni problemi di convivenza e ordine pubblico.... Il problema è tutto qui secondo me: il caffè Tiziano se concepito come locale notturno si scontrerà sempre con problemi di ordine pubblico. Questa situazione di convivenza può esistere: forse sì ma con un grande sforzo (e per grande intendo anche oltre le proprie strette competenze) da parte del gestore che si dovrà dotare di adeguati strumenti di controllo della propria clientela dentro e fuori il locale.

ecko
05-10-2012, 05:00 PM
Questa sera il Tiziano riapre.
Ecco l'annuncio sulla pagina facebook del locale:


RIAPRIAMO QUESTA SERA a mezzanotte in punto! Vi aspettiamo TUTTI. Dj Cyccyoo live set. NON MANCATE. Passateparola!

giovanni
05-10-2012, 10:55 PM
dai ragazzi è una situazione che andava avanti da quando è stato riaperto il Tiziano forse la gente hà la memoria corta..non dico quello che si vedeva ogni sabato sera ...tanti sapevano e nessuno parlava o denunciava...un omertà degna dei più incalliti paesi siciliani di stampo mafioso..( perché ricordiamolo senza tabù che l'omertà è nata tra i montanari al NORD non al sud).la situazione oramai era sopra le righe ...dopo ripetuti avvisi,richiami,e segnalazioni,credo...che sia il minimo accettabile..poi che il gestore abbia una parte di colpa o tutta io non lò sò alla stregua di un giudice mi attengo ai fatti e quest'ultimi sono che ogni sabato sera ci sono ragazzini per la maggior parte minorenni ubriachi...( attenzione non voglio insinuare nulla su questo argomento) ma che gridano,fanno rissa,o vorrebbero attaccar briga.......ragazzine minorenni con in una mano lo sprizzone e in un altra la sigaretta poi...più tardi chissà... un locale adibito a bar snack paninoteca ecc: adibito come se fosse una discoteca (per altro spesso con la solita martellante musica house o peggio) insomma.....vabbè...

giovanni
05-10-2012, 10:59 PM
senza tanti mà e ne sé....si è vero che al di fuori di un locale il gestore non può avere responsabilità ma quello che viene all'interno che poi per diretta causa succede all'esterno? forse si'?

ecko
06-10-2012, 09:19 AM
un omertà degna dei più incalliti paesi siciliani di stampo mafioso

Addirittura! :drunk: Giovanni, dai su, di cosa diavolo stai parlando?!
Prima di usare certi termini sarebbe bene pensarci un po' su...

giovanni
06-10-2012, 02:39 PM
ammetto che la frase è d'effetto e di impatto e capisco magari non sia condivisa da tutti anche da il mitico siruan per qui nutro una stima e un affetto incalcolabili (ora lo sai..)
Ma l'omertà che c'è in montagna non hà nulla di invidiabile a certi quartieri e paesi che alle domande rispondono (io non sò) ...(non hò visto nulla) ...(non c'ero) ecc .... perché ora non mi dite che siamo tutti solidali, e socialmente aperti, sarà una verità triste ma non si può negarla.....
Il Cadore non sarebbe in queste condizioni nel 2012 se ci fosse stata o starebbe cosi tanta solidarietà e sinergia .....e socialità...non dico sia l'unica "colpa" ma che questa condizione sociale abbia fatto in negativo la sua parte questo si...senz'altro.

ecko
26-10-2012, 12:34 PM
Ecco i primi "risultati" del provvedimento adottato dal Comune.
Complimenti a tutti, andiamo avanti così che andremo lontano...



Il Gran Caffè riduce l’orario di apertura
PIEVE DI CADORE. Da tre settimane, alle 20 di ogni lunedì e martedì, su piazza Tiziano, a Pieve, cala una specie di coprifuoco. Sembra di essere nel centro di un paese semi abbandonato. Sotto la...

PIEVE DI CADORE. Da tre settimane, alle 20 di ogni lunedì e martedì, su piazza Tiziano, a Pieve, cala una specie di coprifuoco. Sembra di essere nel centro di un paese semi abbandonato. Sotto la statua del famoso pittore, centro di riferimento del Cadore, i locali pubblici vengono chiusi non più tardi della canonica ora di cena. Il martedì sera, l’unico bar aperto ed illuminato era la birreria che una volta si chiamava “da Papi”. Non è da ieri che questa è la fotografia usuale di piazza Tiziano, perché alcuni locali (come la “Birreria vecchia”, “Baldassari” e il “bar Perché no”) da alcuni anni chiudono sempre alle 20. Sinora il fenomeno era però meno evidente perché rimaneva aperto – anche se il lunedì era il suo giorno di riposo- il Gran Caffè Tiziano che, con la sua musica e le sue luci, riempiva almeno una parte della piazza. Da tre settimane però anche questo locale, considerate le proteste e gli interventi delle autorità, ha deciso di ridurre il proprio orario e chiudere alle 20.
«Non è stata la riduzione del giro d’affari», ha spiegato il gestore, Stefano Pompanin, «che mi ha fatto decidere di limitare l’orario e quindi anche le spese, utilizzando meglio il personale; anche in precedenza, infatti, gli incassi del lunedì e del martedì non erano sufficienti a mantenere le persone necessarie a coprire gli orari. Come azienda, al nostro arrivo, quasi 5 anni fa, ci eravamo però proposti di creare tutti i giorni un giro di gente che animasse piazza Tiziano e il centro del paese. Lo abbiamo fatto per anni, anche se economicamente non era conveniente. Pensavamo di fare l’interesse della località. Ci siamo accorti, invece, che non era così ed allora abbiamo deciso di cambiare, di fare come gli altri. Contemporaneamente», aggiunge, «abbiamo ridotto anche l’orario del mattino ed ora apriamo alle 7,30, un’ora dopo il solito. Le due serate di chiusura saranno mantenute fino a Natale, quando apriremo con il solito orario festivo».
Nel frattempo, delle difficoltà dei giovani che frequentano piazza Tiziano si sono accorti anche i gestori delle discoteche della pianura, che hanno già iniziato a promuovere nel centro di Pieve i loro spettacoli, come è riscontrabile dal manifestino rosso apparso in questi giorni con la promozione degli spettacoli che si tengono a Sedico. E’ un chiaro invito ai giovani perché riprendano la strada della pianura, come avveniva fino al 2007. (v.d.)

blacksheep
26-10-2012, 03:59 PM
Mi dispiace proprio...ma probabilmente in questo modo il messaggio arriverà alle autorità e al comune. Stefano ha fatto tanto per dare un po' di "vita" al nostro paese...il Tiziano viene raggiunto da persone non solo di Pieve, ma di tutto il Cadore, Comelico e dintorni. E' l'unico locale della zona che rende possibile serate in compagnia con musica ed eventi vari. Ora che chiuderà anch'esso alle 20....SI SALVI CHI PUò!
Le regole ci vogliono ma ora si sta esagerando sempre più, togliendo lo spazio a chi sente il bisogno di uscire, di stare in compagnia, di condividere, di ballare, di divertirsi, di sfogarsi dalla dura settimana di lavoro, di conoscere gente nuova, di ascoltare della buona musica....
Mi spiace proprio tanto che le cose stiano andando così in Cadore....non si sta andando a rilento, qui ci si sta fermando proprio se non addirittura retrocedendo.
Scapperà sempre più gente dalle nostre montagne purtroppo...e come fargli una colpa??

dino
26-10-2012, 09:34 PM
... alla stregua di un giudice mi attengo ai fatti e quest'ultimi sono che ogni sabato sera ci sono ragazzini per la maggior parte minorenni ubriachi...( attenzione non voglio insinuare nulla su questo argomento) ma che gridano,fanno rissa,o vorrebbero attaccar briga.......ragazzine minorenni con in una mano lo sprizzone e in un altra la sigaretta poi...più tardi chissà...
Se ci sono ragazzini e regazzine ubriachi, poco vestiti e che fumano non è certamente colpa del gestore di un locale, ameno che non serva loro alcoolici e non mi sembra che il titolare del locale in oggetto sia mai stato condannato per tale reato, forse le colpe andrebbero cercate nei genitori di quei ragazzini che non vigilano ed educano i figli!!!
Se realmente all'amministrazione comunale sta a cuore il vivere civile ed il decoro della piazza perché non si prevede un turno di vigilanza e repressione dei comportamenti incivili da parte della polizia locale il venerdì e sabato sera in piazza a Pieve? Magari provvedendo anche segnalando alle autorità i vandali? ed obbligando le famiglie a risarcire i danni fatti?
Invece ho l'impressione che si preferisca chiudere gli occhi ed anche i locali...

giovanni
06-11-2012, 10:00 PM
NON leggo nel mio post accuse ad alcuni ...gestori o gestore la mia era soltanto una riflessione realista di quello che avveniva o forse avviene ancora sull 'uscio del gran caffè Tiziano e sulle scalinate della magnifica comunità non sta a me dire se i ragazzini bevevano prima dentro a quel locale o meno chiunque cittadino se hà frequentato pieve il sabato sera sà che c'erano determinate situazioni "sotto gli occhi di tutti" (al più di non essere ciechi )e in determinati luoghi ...poi che il singolo gestore non debba prendersi i tutti "MEA CULPA" sono d 'accordissimo o si gestisce un locale o si va in giro per le vie a fare il DON BOSCO DELLA SITUAZIONE

giovanni
06-11-2012, 10:05 PM
ma poi se gli amministratori "senza offesa eh" hanno una media anagrafica di 50/60 anni e in media 1 o due messe con rispettivi rosari alla settimana e l'unico l'oro SBALLO è andare a mangiare una pizza (quando va bene)per poi rientrare magari per mezzanotte cosa volete ?che pensino al divertimento dei giovani? volevo dire altro ma mi tengo "gli avvocati costano"!!