peccato che lavoro senÚ mi facevo una scampagnata