Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 34

Discussione: Il Tiziano chiuso per 1 settimana

  1. #1
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Arrow Il Tiziano chiuso per 1 settimana

    Il Gran Caffè Tiziano resterà provvisoriamente chiuso da Venerdì 28 ore 24:00 per 7 giorni....vi aspettiamo al Roccolo!!!

    Gli eventi di oggi SABATO 29: Fionda Dj live Set + DOMENICA 30: Baby dance + VENERDI' 5 Ottobre: Blues band si svolgeranno al BAR PARCO ROCCOLO. Non mancate!

    Riapertura al Gran Caffè Tiziano SABATO 6 OTTOBRE con Dj Cyccyoo. Grazie a tutti della presenza e del supporto.
    Questo l'epilogo di una vicenda iniziata una settimana fa, con l'arresto di un diciottenne per una rissa in Piazza di Pieve, sfociata in aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Ribadisco, in Piazza, non all'interno del Gran Caffè Tiziano.

    Seguirà alcuni giorni dopo un articolo sul Corriere delle Alpi intitolato "Gran Caffè Tiziano a rischio chiusura - Summit tra carabinieri e amministratori per mettere fine agli eccessi della movida in piazza" (leggibile QUI), al quale Stefano Pompanin, gestore del locale, risponde il giorno seguente con l'articolo "Al Caffè Tiziano è tutto in regola" (leggibile QUI).

    Infine, la decisione dell'amministrazione di Pieve, giunta ieri, di chiudere il locale per 7 giorni.


  2. #2
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Ieri sera, Roberto Granzotto, assessore del comune di Pieve di Cadore, scriveva questo sul suo profilo facebook:

    I giovani hanno il diritto di divertirsi e stare insieme, i residenti hanno il diritto di riposarsi la notte, i bambini hanno il diritto di giocare in piazza senza tagliarsi con vetri di bicchieri e bottiglie, i genitori hanno il diritto la domenica di portare i loro bambini in piazza senza preoccuparsi che finiscano nel vomito della notte, i commercianti hanno il diritto di non dover pulire le loro vetrine dai prodotti fisiologici di chi si è divertito la notte. Questi opposti interessi possono convivere se si rispettano le minime regole della convivenza civile, se nessuno vuole prevaricare l'altro, se ci si pone dei limiti, se si è tolleranti. Chi supera i limiti, chi non ha rispetto dell'altro, pianga se stesso se il divertimento sfrenato sparisce. Basterebbe in fin dei conti ascoltare buona musica dal vivo, accettare l'abbassamento del volume dopo una certa ora, non vomitare o pisciare in piazza o sulle vetrine o dietro gli angoli, non rompere i bicchieri in piazza dove il giorno dopo giocano i bambini, usare il bar come fosse un bar e non una discoteca o una sala da ballo perché le norme te lo impongono, ecc. La tolleranza di chi ha chiuso un occhio, di chi ha cercato di comprendere, di chi ha cercato il dialogo, di chi ha cercato di aiutarti, non è infinita e prima o poi si esaurisce e ti impone di pagare il conto, al rispetto della legge più volte violata. Ma non è tanto il rispetto della legge, le leggi possono essere anche sbagliate, quanto il rispetto degli altri che non dovrebbe avere bisogno di leggi che lo impongano. I giovani potevano avere il loro divertimento, ma qualcuno non ha avuto limiti e ha preteso impunità. Purtroppo ne fanno le spese tanti giovani che chiedevano solo di potersi divertire con il rispetto dovuto. Questi per sette giorni dovranno rivolgersi altrove e per colpa di chi pretende di non avere limiti. Mi dispiace ed è una sconfitta per chi cerca di fare qualcosa per i giovani e rendere la vita più serena e migliore per tutti, in un modo o nell'altro e sempre in buona fede.
    E questa la mia replica:
    Sono d'accordo su quasi tutto Roberto, tranne il finale. La vera sconfitta è VOSTRA, dell'amministrazione e di chi ha deciso di chiudere il principale locale del Cadore per risolvere la questione. Non si ottiene nulla con le CHIUSURE, con le proibizioni, con i "muri" e non lo dico io ma la storia. E' sempre sbagliato punire tutti per colpa di qualcuno ed è proprio quello che avete fatto.
    Molti i messaggi di solidarietà e sostegno al gestore del Gran Caffè Tiziano sulla pagina facebook ufficiale del locale.

    L'appuntamento, per la riapertura, è Venerdì 6 ottobre alle ore 24:00...

  3. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cadore
    Messaggi
    6

    Predefinito

    Quel che Stefano dice è giusto e vero.
    Alcune volte gli è stato puntato il dito contro forse per qualche valido motivo, ma questa volta credo sia tutto esagerato.
    La verità è che manca il rispetto da parte dei ragazzi più giovani. Anche io il sabato sera frequento il Tiziano, ho 20 anni e rimango TOTALMENTE ALLIBITA dal comportamento di ragazzini più piccoli di me di soli 4 anni. Sono situazioni davvero schifose, e scusate se i termini non sono adatti, ma davvero le situazioni sono sgradevoli da far passare la voglia di stare lì.
    Ragazzi che vomitano in ogni posto, senza alcun rispetto neppure delle persone che hanno accanto; gente che va a fare pipì vicino alle case solo perché non ha voglia di andare nel bagno del bar (i bagni, sia delle donne che degli uomini sono inguardabili a fine serata per colpa proprio di queste persone ubriache che rovinano, rompono e soprattutto sporcano tutto in modo da renderli totalmente inutilizzabili); ragazzi di 15 anni ubriachi marci alle 10 di sera e ragazze (anche in pieno inverno) quasi nude che non aspettano altro che commenti (e forse anche altro..) da questi ragazzi ubriachi..
    Se il comune ha ritenuto giusto chiudere il locale per una settimana è scelta che non è ovviamente contestabile, ma il problema sta molto più a fondo e forse non vuole essere messo in evidenza perché tocca tasti dolenti per le famiglie.
    La verità è che l'educazione dei figli da parte di queste famiglie NON C'E'. Bisognerebbe dare una bella strigliata a questi ragazzini che non hanno più rispetto per niente e nessuno. Siccome il padrone di un bar, un negoziante, un'autorità non vengono ascoltate (anzi questi ragazzi osano anche rispondere) la loro parte dovrebbero farla i genitori!
    Mi sento in imbarazzo a fare questi discorsi perché posso avere solo 5 anni più di loro e forse dovrei essere vicina alle loro idee, ma tutto sta degenerando..
    Ultima modifica di Oceans; 29-09-2012 alle 10:51 AM

  4. #4
    Junior Member
    Data Registrazione
    Sep 2012
    Messaggi
    1

    Predefinito

    Chiudere in locale per una settimana è una soluzione inutile, dalla settimana dopo tutti questi problemi ricominceranno. I giovani hanno bisogno di divertirsi ma con regole ferree. Fate fare multe a chi sporca in giro per il paese agli schiamazzi notturni... Forse questo potrebbe insegnare a tenere un comportamento corretto, non chiudere il locale una settimana.

  5. #5
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Concordo con entrambi, e secondo me come dice oceans il problema sono proprio i genitori, la multa a chi sporca va bene, ma se si tratta di minorenni bisognerebbe portarli in caserma e farli andare a recuperare dai genitori e dargli una suonata anche a loro che lasciano in giro i figli fino le 2 di notte a farne di ogni..... e ci sono pure genitori che li difendono oppure in qualche caso sono messi peggio dei figli......

  6. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Matteo Ecko Gracis Visualizza Messaggio
    La vera sconfitta è VOSTRA, dell'amministrazione e di chi ha deciso di chiudere il principale locale del Cadore per risolvere la questione. Non si ottiene nulla con le CHIUSURE, con le proibizioni, con i "muri" e non lo dico io ma la storia. E' sempre sbagliato punire tutti per colpa di qualcuno ed è proprio quello che avete fatto.
    Hai detto tutto Matteo! se pensano di risolvere i problemi così sono fuori strada e di tanto.
    Che siano polizia e carabinieri a occuparsi dei casini che succedono in piazza!!!

  7. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2012
    Località
    Cadore
    Messaggi
    6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bosk Visualizza Messaggio
    Concordo con entrambi, e secondo me come dice oceans il problema sono proprio i genitori, la multa a chi sporca va bene, ma se si tratta di minorenni bisognerebbe portarli in caserma e farli andare a recuperare dai genitori e dargli una suonata anche a loro che lasciano in giro i figli fino le 2 di notte a farne di ogni..... e ci sono pure genitori che li difendono oppure in qualche caso sono messi peggio dei figli......
    esatto, è proprio così che la penso anch'io..ed è cosi che non c'è soluzione al problema e ci si limita a chiudere il locale come se cambiasse qualcosa..gli stessi andranno a fare danni altrove stasera perchè saranno gli stessi ad ubriacarsi, a infastidire e a sporcare.
    E i genitori non dicono mai nulla, anche quando vedono i propri figli tornare a casa ubriachi ogni fine settimana, quando si sentono chiamati dai professori che parlano dei danni fatti dai propri figli perchè (sentito raccontare da persone testimoni di queste frasi) hanno il CORAGGIO di rispondere: "Ma insomma, siamo stati tutti giovani!".

  8. #8
    Senior Member L'avatar di blacksheep
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Messaggi
    207

    Predefinito

    Non è una situazione facile. Da una parte c'è il bar che rappresenta un locale storico e quindi impossibilitato ad essere trasformato in discoteca o locale notturno, dall'altra c'è la sua unicità come spazio per divertirsi o farsi una ballata il sabato sera. I giovani ormai non sanno + dove rifugiarsi per evadere dal muortorio che sempre più si sta diffondendo in Cadore.
    Detto questo, anche secondo me la chiusura del Tiziano per una settimana non serve a nulla.

  9. #9
    Senior Member L'avatar di Aurora
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Nebbiù di Cadore
    Messaggi
    136

    Predefinito

    La situazione è questa: abbiamo un locale che è il punto di riferimento per i giovani (e tra questi ci sono anche io) e abbiamo una serie di Note protocollate dall’Arma dei Carabinieri (più di 30 da maggio 2012 in poi) e inviate all’Amministrazione di Pieve dove si legge di svariati/ripetuti/diffusi episodi di illegalità riferibili al Tiziano. Io ora trovo PESSIMO che di debba associare la parola illegalità al paese in cui vivo. Le persone incriminate sabato scorso saranno avventori, può essere non siano clienti del Tiziano, ma vengono a Pieve perché sanno che le feste al Tiziano hanno un richiamo consistente di giovani e…l’occasione fa l’uomo ladro. La scelta di una chiusura temporanea e immediata io la vedo coma la pura salvaguardia di una licenza di esercizio, in risposta alla richiesta auspicata fermamente dall’Arma dei Carabinieri di un provvedimento immediato atto a ripristinare l’ordine e la sicurezza pubblica.
    NuovoCadore Staff

  10. #10
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Ridiamo per non piangere.


Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy