Pagina 2 di 5 PrimaPrima 1234 ... UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 50

Discussione: Riflessioni sulla Ciclabile delle Dolomiti

  1. #11

    Predefinito

    Sapete cosa mancano anche? Cartelli informativi lungo tutta la ciclabile, ad esempio a Calalzo il laghetto delle tose, a Pieve la Casa di Tiziano, a Tai il Forte Col Vacher, ecc

  2. #12
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da beppe67 Visualizza Messaggio
    Sapete cosa mancano anche? Cartelli informativi lungo tutta la ciclabile, ad esempio a Calalzo il laghetto delle tose, a Pieve la Casa di Tiziano, a Tai il Forte Col Vacher, ecc
    Assolutamente d'accordo. Avendo un po' di fondi, potrebbe farli NuovoCadore...

  3. #13
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    2

    Predefinito

    salve a tutti, sono nuovo in questo forum, volevo dire la mia in merito alla ciclabile delle dolomiti.
    premetto che sono un ciclista che usa la bici quasi tutto l'anno e la ciclabile da calalzo a cortina la faccio spesso nel periodo primaverile, negli orari dove c'è meno gente! (ovviamente)
    insomma la trovo un'ottimo terreno d'allenamento per l'inizio stagione.
    ultimamente leggo sul gazzettino che si vorrebbe prolungarla verso auronzo e la cosa mi aggrada alquanto! leggo anche che il sindaco di auronzo si ostina a voler fare la ciclabile che sale verso misurina e poi scende verso carbonin.
    forse lui non sà che salire a misurina non è per tutti e a mio avviso butterebbe via dei soldi! la maggior parte di chi usa le ciclabili in italia vuole delle pendenze pari a 0 o leggere, li si avrebbero pendenze intorno al 12%.
    insomma mi chiedo, chi la utilizzerebbe oltre a me e pochi altri???? voi che ne pensate?

  4. #14
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Sono d'accordo. Anch'io sono dell'idea che le ciclabili dovrebbero avere una pendenza ragionevole, alla portata di tutti. Magari il sindaco di Auronzo dovrebbe verificare la possibilità di realizzare dei percorsi di mountain bike che arrivino a Misurina e poi giù a Carbonin.
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  5. #15
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    La Ciclabile delle Dolomiti è forse la cosa migliore che abbiamo in Cadore, sia per i residenti e soprattutto a livello turistico, il problema è che non è assolutamente valorizzata. Secondo me non vanno spesi altri soldi e risorse per ampliarla o farne di nuove, bisogna investire sulla PROMOZIONE e sulla valorizzazione di quella esistente. Questo concetto i nostri amministratori e gli operatori turistici (se ne esistono ancora dalle nostra parti) sembrano proprio non capirlo...

  6. #16
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    La Ciclabile delle Dolomiti è forse la cosa migliore che abbiamo in Cadore, sia per i residenti e soprattutto a livello turistico, il problema è che non è assolutamente valorizzata. Secondo me non vanno spesi altri soldi e risorse per ampliarla o farne di nuove, bisogna investire sulla PROMOZIONE e sulla valorizzazione di quella esistente. Questo concetto i nostri amministratori e gli operatori turistici (se ne esistono ancora dalle nostra parti) sembrano proprio non capirlo...
    pienamente daccordo...

  7. #17
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2011
    Messaggi
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    La Ciclabile delle Dolomiti è forse la cosa migliore che abbiamo in Cadore, sia per i residenti e soprattutto a livello turistico, il problema è che non è assolutamente valorizzata. Secondo me non vanno spesi altri soldi e risorse per ampliarla o farne di nuove, bisogna investire sulla PROMOZIONE e sulla valorizzazione di quella esistente. Questo concetto i nostri amministratori e gli operatori turistici (se ne esistono ancora dalle nostra parti) sembrano proprio non capirlo...
    e' verissimo che bisognerebbe fare sapere che esiste, pero' secondo me sarebbe anche giusto cercare di ampliarla! e questo spendendo dei soldi logicamente! insomma guardiamo le ciclabili che ci sono in giro per l'italia e all'estero, si parte da un posto e si possono fare anche 200 km senza mai o quasi entrare in strada! insomma collegare ciclabili ad altre, in modo tale da offrire giri infiniti! pero' stando sempre attenti a farle agibili a tutti.
    la ns ciclabile e' bellissima, ma e' anche "un binario morto" arrivati a cortina che si fa? si, c'e' il pezzo sterrato, ma non tuttti hanno la mtb!.....

  8. #18
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Dal Gazzettino di ieri:


    ""I tagli che piovono dall'alto, vanno a colpire attività e servizi essenziali per l'estate turistica, come quello prezioso del trasporto pubblico collegato alla pista ciclabile. Niente è più garantito, dunque, a causa delle ristrettezze econimiche degli enti. Infatti, ne paga le conseguenze anche l'amministrazione comunale di San Vito che per assicurare le aperture dell'ufficio Iat nei fine settimana di luglio e per l'intero agosto, si vede costretta ad assumere in proprio il personale necessario. E così il Comune in due incontri con i consorziati dell'Alto Cadore, ha stabilito di provvedere in merito. Sarà lo stesso Consorzio ad incaricarsi anche economicamente all'assunzione di una impiegata. Alla spesa darà il suo supporto anche il Comune. «È una situazione insostenibile. Siamo una provincia a vocazione turistica. Così non si può andare avanti» sbotta il sindaco Andrea Fiori. Tra i servizi che verranno a mancare c’è anche quello di bikebus, complementare alla pista ciclabile, il vero riferimento turistico anche nei numeri dell'estate sanvitese.
    «Abbiamo chiesto notizie in merito - continua Fiori - ma il bus non c’è, lo stiamo ancora aspettando. Un brutto segno ed un pessimo servizio che facciamo ai nostri clienti e a tutti coloro che usufruiscono della ciclabile». ""

    Davvero una brutta notizia per gli amanti della ciclabile!
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  9. #19
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da smara Visualizza Messaggio
    Davvero una brutta notizia per gli amanti della ciclabile!
    e per tutti gli amanti del Cadore

    La ciclabile deve essere la priorità n°1, oggi come oggi (dopo la bocciatura del comprensorio sciistico ...... DAI SCHERZO ).

    Ho l'impressione che gli enti ancora non abbiano imparato a convivere con il patto di stabilità ed i tagli che, ahinoi - basta aprire il giornale oggi ci toccherà sopportare per non finire nelle mani degli speculatori.

    tanti enti sostengono se stessi, prima che la loro mission. Non mi riferisco la caso specifico, che non conosco.

    Peccato!!!

  10. #20
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475

    Predefinito

    Sì, sono d'accordo, la ciclabile andrebbe sponsorizzata molto di più!!

    Poi mi chiedo quanto potesse costare questo servizio da doverlo sopprimere... boh! Tu sai come funzionasse? Con un rimorchio?
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy