Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 41 a 48 di 48

Discussione: Boati sotterranei uditi anche in Cadore

  1. #41
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    12

    Predefinito

    oh, io proporrei un'analisi chimica delle "ossa del drago"! magari ci troviamo un po' di mithril!!!
    comunque sia, i nostri amici del fadalto e dell'alpago magari potrebbero farci qualche soldino... stile loch ness...
    Ultima modifica di Vince; 08-03-2011 alle 10:33 PM

  2. #42
    Senior Member L'avatar di smara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    475
    "Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che compiono azioni malvagie ma per quelli che osservano senza dire nulla."

  3. #43
    Member L'avatar di Carlito
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    73

    Predefinito

    http://corrierealpi.gelocal.it/crona...luno-1.1605378

    A distanza di mesi sono tornati i boati...ma questa volta direi che non si possono imputare alle abbondanti precipitazioni che avevano riempito le falde sotterrenee come lo scorso inverno...visto che stiamo attraversando un lungo periodo di siccità...e non sono pure state registrate scosse...mah!Io sinceramente non so più cosa pensare!
    Un giorno senza sorriso è un giorno perso!(Charlie Chaplin)

  4. #44
    Member L'avatar di Carlito
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Sembrerebbe essere arrivati al nodo della matassa...

    dal Corriere delle Alpi

    I 500 boati del Fadalto erano microsismi
    I risultati delle ricerche del Crs di Udine: «Le cause? Microfratture di rocce o sbalzi di pressione. L’ultimo è stato ad agosto»
    fadalto microsismi

    TRIESTE. I boati del Fadalto? Macché cascate d’acqua. O colpi d’ariete dei flussi contro le rocce sotterranee. Secondo il Centro di Ricerche Sismologiche di Udine, dopo oltre 7 mesi di registrazioni e una casistica di oltre 500 eventi, il fenomeno dei botti non dipende dall’acqua, ma è di natura sismica. Microsismica per la precisione.
    Se n’è parlato in un convegno dell’Ogs di Trieste, davanti a studiosi intervenuti da tutta Italia. «Dall’esame delle onde rilevate dai sismografi», ha precisato Pierluigi Bragato, che con altri 14 ricercatori si è occupato di questo evento, «possiamo dire che si è trattato di una serie di microsismi, molto frequenti inizialmente e via via sempre più radi, che sono andati a esaurirsi ad agosto. È inoltre molto chiaro il legame con il livello delle precipitazioni, con eventi sismici in aumento circa due mesi dopo le piogge più intense».
    Piccoli terremoti, dunque, ma diversi da quelli tradizionali, che pure ci sono stati, anche all’inizio del mese, con epicentro Fregona. «Non c’è mai stata una vera situazione di emergenza», rassicura Paolo Comelli, responsabile del Crs di Udine. Però c’è voluta un’accurata ricognizione per capirlo, con tutta una serie di stazioni installate nei punti sismograficamente più strategici per catturare i movimenti tellurici. E quattro stazioni di monitoraggio sono ancora in funzione, per decifrare le evoluzioni. «Inizialmente c’erano molte incognite da chiarire» ammette Bragato. «Bisognava capire se all’evento acustico corrispondesse una microscossa di terremoto. Poi era indispensabile localizzare la sorgente delle emissioni acustiche, ed eventualmente sismiche. Infine si trattava di capire che cosa stava accadendo dal punto di vista geologico, ovvero trovare una spiegazione scientifica al fenomeno».
    La localizzazione a una profondità media di 700 metri sotto il livello del mare dei microsismi registrati dal team, permette di svincolarli dalla sismicità più tradizionale che invece caratterizza la zona, e consente di escludere che si sia trattato di avvisaglie di fenomeni più superficiali, quali l’apertura di voragini. Si è inoltre verificato che gli eventi non si generano in un unico punto, ma da sorgenti distinte distribuite al di sotto dell’area che va dal Lago Morto a Sella Fadalto. «Quanto all’origine dei microsismi», ha spiegato Paolo Comelli, direttore del Crs, «abbiamo ipotizzato due possibili cause: potrebbe essersi trattato di microfratture delle rocce, o dei cosiddetti colpi d’ariete, sbalzi di pressione nel sottosuolo che provocano un forte rumore e una forte vibrazione”.
    Un giorno senza sorriso è un giorno perso!(Charlie Chaplin)

  5. #45
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Cavolo, e io che volevo andare a caccia del drago......

  6. #46
    Member L'avatar di Carlito
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Località
    Padova
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Secondo me c'era il drago...ma se tutto va bene si sarà trasferito in un lago vicino a qualche collegamento sciistico per stare in compagnia di qualcuno se mi sente smara...
    Un giorno senza sorriso è un giorno perso!(Charlie Chaplin)

  7. #47
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Carlito Visualizza Messaggio
    Secondo me c'era il drago...ma se tutto va bene si sarà trasferito in un lago vicino a qualche collegamento sciistico per stare in compagnia di qualcuno se mi sente smara...
    Hahahahahahahaha...... che sia venuto in Auronzo??? chissà....tranquillo non dico nulla a smara....

  8. #48
    Junior Member L'avatar di Uwe
    Data Registrazione
    Nov 2011
    Messaggi
    15

    Predefinito

    Scusate l'ignoranza, e quindi qual è la spiegazione scientifica più plausibile?
    Ultima modifica di Uwe; 21-11-2011 alle 03:37 PM

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy