Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 36

Discussione: Durnwalder: Bolzano non festeggia l'Unità d'Italia

  1. #1

    Predefinito Durnwalder: Bolzano non festeggia l'Unità d'Italia

    E' da un po' che manco sul forum.Altri impegni mi hanno tenuto lontano.
    sono sempre contento pero' di vedere che qui tutto cresce,traffico e interesse.

    Oggi quando ho sentito questa notizia mi e' venuto in mente questo forum e subito ho pensato che avrei voluto sapere che cosa ne pensavate voi. Riporto la notizia da un sito:

    Unità Italia/ Braccio di ferro Napolitano-Durnwalder sul 17 marzo
    Continua il braccio di ferro tra il Quirinale e il presidente della provincia di Bolzano che non ha intenzione di partecipare ai festeggiamenti per l'unità d'Italia.

    L'appello del capo dello Stato a Luis Durnwalder è stato rimandato al mittente, mentre a Calderoli che definisce "incostituzionale" il giorno di festa del 17 marzo, risponde il ministro della Difesa con una velata minaccia sul federalismo. Ieri, Giorgio Napolitano aveva scritto una lettera al presidente della Provincia Autonoma di Bolzano esprimeno "sorpresa e rammarico" per le espressioni usate da Durnwalder: per il capo dello Stato, il presidente della provincia di Bolzano non può parlare a nome di una pretesa "minoranza austriaca" dimenticando di rappresentare anche le popolazioni di lingua italiana e ladina, e soprattutto che la stessa popolazione di lingua tedesca è italiana e tale si sente nella sua larga maggioranza. Richiamo che non sembra avere avuto effetto: "Non capisco Napolitano cosa c'è da stupirsi?", ha detto in serata Durnwalder: "Noi abbiamo un'altra storia. Siamo una minoranza austriaca che vive in Italia e il 70% non ha nulla da festeggiare. Nessuno puo costringermi. Non mi possono obbligare: io rispetto chi vuole festeggiare nelle ultime elezioni ho avuto 100.000 preferenze, non possono dirmi che non rappresento la maggioranza.Dico le stesse cose che dicono Bossi e Calderoli e nessuno si scandalizza".

  2. #2

    Predefinito

    Il buon presidente,che ho avuto l'opportunità di fischiare,quando tre anni fa in quel di Auronzo,indirizzò in "tedesco" un saluto al Presidente Napolitano,vive bene....con i "schei" dello Stato la cui unità di rifiuta di fasteggiare,quindi di riconoscere. Si unisce così a quella schiera di "politici" che denigrano a loro modo l'unità l'Italia e mangiano con la cospicua prebenda che Roma,da loro definita ladrona,corrisponde mensilmente.
    Se l'esimio presidente non si sente italiano,si può accomodare in quel che è di Vienna. Non sarà la stessa cosa,ci può scommettere,ma vuol mettere.....

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Armin Calligaro
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Vallesella
    Messaggi
    363

    Predefinito

    Durnwalder non festeggia l'unità italiana,ma festeggia con tutti i soldi che ha grazie al fatto che è in Italia.
    "Spararle grosse a proprio modo,è quasi meglio che dir la verità al modo altrui;nel primo caso sei uomo,nel secondo sei solo un pappagallo!"

  4. #4
    Moderator L'avatar di deryls82
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Tai di Cadore
    Messaggi
    310

    Predefinito

    Una cosa che non mi piace della mentalità alto atesina è che si sentono austriaci e non italiani.......... ma i confini parlano chiaro!
    NuovoCadore Staff

  5. #5
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    La mia sarà una voce fuori dal coro, ma è quello che penso quindi lo dico senza peli sulla lingua: da italiano, sento di non aver nulla da festeggiare! Amo l'Italia ma non mi sento patriota né così legato alla bandiera da onorare un anniversario del genere. Trovo che queste feste siano arcaiche, antiche, scadute. Siamo un Paese sull'orlo del precipizio, il nostro Presidente della Repubblica dorme da mesi, ma vogliamo festeggiare-festeggiare-festeggiare. Ripeto, io sento di non aver nulla da festeggiare, e sono italiano... figuriamoci un altoatesino!

    Inoltre, mi sembra che qui si stia facendo tanto rumore per nulla: i leghisti sono anni che ne dicono di tutti i colori sull'Italia unita (che brucerebbero Roma, che sputano sulla bandiera, diti medi indirizzati allo Stato, ecc ecc), ora se un governatore di Bolzano dice che non parteciperà ad una festa nazionale, scoppia il caos.
    Dai su...

  6. #6
    Moderator L'avatar di deryls82
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Tai di Cadore
    Messaggi
    310

    Predefinito

    Ecko ti do perfettamente ragione, ma una provincia autonoma come Bolzano che ha sempre preteso ed ha sempre avuto dovrebbe almeno mettere la presenza..... secondo me, il loro è solo un rifiuto perchè non si sentono italiani per il resto gli do atto.
    NuovoCadore Staff

  7. #7

    Predefinito

    Se vogliono separarsi dall'Italia, che vadano pure. I festeggiamenti sono ridicoli e mi pare solo un modo di sprecar denaro.

  8. #8
    Moderator L'avatar di deryls82
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Tai di Cadore
    Messaggi
    310

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da John Ditch Visualizza Messaggio
    Se vogliono separarsi dall'Italia, che vadano pure. I festeggiamenti sono ridicoli e mi pare solo un modo di sprecar denaro.
    Non glie lo permettono ci hanno gia provato, è per questo che secondo me fanno tanto i difficili.
    Le feste sono uno spreco di denaro? Per me una festa è un evento per stare assieme ed uniti....... almeno per me
    NuovoCadore Staff

  9. #9
    Senior Member L'avatar di Aurora
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Località
    Nebbiù di Cadore
    Messaggi
    136

    Predefinito

    “Fatta l’Italia bisogna fare gli italiani” (1896 ,F.Martini)

    frase di 150 anni fa che ritorna più che mai attuale!

    In riferimento alla seconda al 1861, i libri di storia scrivono:


    L’Italia unita era un paese di 22 milioni di abitanti ed era molto arretrata sia socialmente che economicamente.
    L’80% della popolazione era analfabeta, l’economia si basava ancora sull’agricoltura e vi era un enorme divario tra Nord e Sud che originò la questione meridionale.
    Il nuovo governo, quindi, oltre a risolvere i problemi economici dell’Italia, doveva anche cementare un’identità nazionale ancora inesistente.
    Questa assenza di identità nazionale si manifestò nell’Italia meridionale con il brigantaggio e con rivolte popolari per la mancata distribuzione delle terre ancora nelle mani dei latifondisti.
    A questi problemi vanno aggiunti la maggiore pressione fiscale del nuovo governi italiano rispetto al precedente borbonico e l’introduzione della leva obbligatoria sconosciuta nell’Italia meridionale.
    Sarebbe bello festeggiare per poter affermare che, dopo 150 anni, l'Unità è servita e le cose non stanno più così.
    NuovoCadore Staff

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Armin Calligaro
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Vallesella
    Messaggi
    363

    Predefinito

    E comunque bisogna avere pazienza,in 150 anni non ci si può sentire uniti.
    La vergogna è che Durnwalder non si senta italiano ,perchè in passato il Trentino Alto Adige era sotto l'austria..allora se tutte le regioni guardassero il passato dovrebbero voler tutte andare con altri stati!
    "Spararle grosse a proprio modo,è quasi meglio che dir la verità al modo altrui;nel primo caso sei uomo,nel secondo sei solo un pappagallo!"

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy