Pagina 6 di 7 PrimaPrima ... 4567 UltimaUltima
Risultati da 51 a 60 di 65

Discussione: Il cadore e' morto..

  1. #51
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Tento di fare una mia analisi del perché il Cadore è morto o meglio Centro Cadore, Valboite e Comelico sono morti (alcune realtà come Cortina, Auronzo, Sappada non mi sembra se la passino male).

    Come ho già affermato, secondo me, la causa principale è il calo demografico, dovuto all’emigrazione di molti suoi abitanti in cerca di lavoro, sono tanti quelli che per lavorare devono percorrere molti chilometri, chi a Sud, Longarone, Alpago, Belluno, chi a Nord, San Candido, Pusteria, senza contare quelli che si sono trasferiti definitivamente, sempre per lo stesso motivo. La causa: ovviamente la fine dell’occhialeria, ho notizia di pochi giorni fa di un’azienda di Lozzo che ha chiuso definitivamente, azienda che al massimo splendore contava 50 dipendenti! Ora sperare che tutto torni come prima è utopistico, c’è la crisi, c’è la Cina, la produzione manifatturiera in Cadore ha chiuso per sempre.

    Turismo: negli anni 60-70 c’è stato il Boom la gente saliva dalla pianura anche 2 o 3 mesi per respirare l’aria buona e stare al fresco, in pianura faceva caldo anche allora, ora ci sono i condizionatori e se ne stanno anche a casa loro, turismo invernale, secondo me, è costosissimo, se sei single puoi anche permetterti di andare a sciare, se hai famiglia devi fare un mutuo per fare una settimana sugli sci e da qui nasce il mordi e fuggi, uno, due, tre giorni e poi a casa.

    Poi c’è la questione seconde case, non so se si poteva impedire di costruirle, ma hanno dato una bella mazzata alle attività ricettive, alberghi praticamente scomparsi, ormai tutti i turisti hanno il loro appartamentino, che usano si e no un mese all’anno, magari riescono ad affittarlo e non spendono niente. Gli unici che ci hanno guadagnato sono i comuni con l’ICI e qualche artigiano con le manutenzioni, i costruttori erano perlopiù gente di fuori quindi a noi locali non ne è venuto quasi niente in tasca

    Comunque la forza del Cadore sono le bellezze naturali, bisognerebbe valorizzarle e farle conoscere, ovviamente dovrebbero essere le amministrazioni pubbliche a farlo, creare le condizioni perché diventino un’attrazione per i turisti e investimenti esterni in strutture, ci sono state delle belle idee: ciclabile Cortina-Calalzo (magari sarebbe il caso di finirla definitivamente, specialmente fare qualcosa al bivio di Nebbiù prima che ci scappi il morto!), circumlacuale del lago del centro cadore ancora sulla carta, ma degna di nota, valorizzazione dei rifugi, anche d’inverno vedi cadore regno delle ciaspe, c’è qualche parco natura, insomma ci vorrebbero delle idee e delle amministrazioni che le incoraggino, magari recuperando finanziamenti europei.

    A mio parere una cosa che ridarebbe grosso slancio al nostro turismo sarebbe il proseguimento della linea ferroviaria fino a Dobbiaco, lo so che è una cosa difficilissima da realizzare, ma parlarne non guasta, vedere un treno che corre in una valle è sempre un bello spettacolo e avere una linea efficiente e moderna che sale dalla pianura sarebbe un plus invidiabile, magari anche bloccando il traffico veicolare e incentivando l’uso di bus e navette.

    Ci vogliono idee, fatele circolare, chissà che prima o poi qualcuno (in alto) non le ascolti, non possiamo stare solo a piangere e a lamentarci perché in Alto Adige hanno più soldi... la loro fortuna è essere una valle di transito, hanno sbocchi a Sud, a Nord, Est, noi siamo praticamente bloccati, un proseguimento dell’autostrada sarebbe devastante e a Nord non la vogliono, meglio sarebbe una linea ferroviaria, molto più ecologica e moderna (forse il futuro della mobilità).

    Io condivido quello che dici, sono pienamente daccordo, quello che non riesco a capire è che come dici tu la maggiorparte dei turisti hanno casa propria e ovviamente vogliono venire in auto, tu dici che il treno forse è il futuro della mobilità, ma avete mai guardato quanto costano i biglietti??? guardateci e poi moltiplicate per 3 o 4 a seconda del nucleo famigliare e già il prezzo totale fa capire molto, poi, e ne conosco parecchi, molti di quelli che hanno casa propria si portano frutta, verdura anche direttamente la spesa, ovviamente per i primi giorni, oppure un mobile ecc ecc... come potete pensare che bloccare il traffico come da tua proposta a Pian di Vedoia possa risollevare l'economia turistica??? l'annienta. Un'altra considerazione è che il turista poi piace girare, per esempio da Auronzo andare a Cortina o Dobbiaco ecc..ecc.. vuole muoversi autonomamente e per quante navette si possano mettere non credo che si riesca a fare più di tanto. Io ho amici che per anni venivano in Cadore, ora vanno in Trentino, perchè c'è il treno?? no, perchè ci sono impianti rinnovati, migliaia di km di piste e alberghi con molte offerte strutturali che noi qua non ne abbiamo, o meglio in piccola parte, queste sono le cose che secondo me richiamano turismo, e sopratutto, pacchetti famiglia che, da che so io, qua non esistono, poi possiamo parlare della pubblicità che qua manca totalmente e di altre centinaia di problematiche, ma ribadisco che secondo me la questione del treno è relativa per un discorso globale turistico, diverso sarebbe come ha detto superanima se ci fosse chi organizza pacchetti specifici che porta gente che va a Venezia fino in Cadore, ma più di questo secondo me non porta altro, ammesso che la tratta turistica Venezia -Cadore possa avere un'affluenza tale da garantire un eventuale finanziamento per l'opera, ma come hai detto tu a queste cose ci deve pensare chi sta in alto che allo stato attuale non ha fatto nulla se non prendere lo stipendio a fine mese.

  2. #52
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da bosk Visualizza Messaggio
    Io condivido quello che dici, sono pienamente daccordo, quello che non riesco a capire è che come dici tu la maggiorparte dei turisti hanno casa propria e ovviamente vogliono venire in auto, tu dici che il treno forse è il futuro della mobilità, ma avete mai guardato quanto costano i biglietti??? guardateci e poi moltiplicate per 3 o 4 a seconda del nucleo famigliare e già il prezzo totale fa capire molto, poi, e ne conosco parecchi, molti di quelli che hanno casa propria si portano frutta, verdura anche direttamente la spesa, ovviamente per i primi giorni, oppure un mobile ecc ecc... come potete pensare che bloccare il traffico come da tua proposta a Pian di Vedoia possa risollevare l'economia turistica??? l'annienta. Un'altra considerazione è che il turista poi piace girare, per esempio da Auronzo andare a Cortina o Dobbiaco ecc..ecc.. vuole muoversi autonomamente e per quante navette si possano mettere non credo che si riesca a fare più di tanto. Io ho amici che per anni venivano in Cadore, ora vanno in Trentino, perchè c'è il treno?? no, perchè ci sono impianti rinnovati, migliaia di km di piste e alberghi con molte offerte strutturali che noi qua non ne abbiamo, o meglio in piccola parte, queste sono le cose che secondo me richiamano turismo, e sopratutto, pacchetti famiglia che, da che so io, qua non esistono, poi possiamo parlare della pubblicità che qua manca totalmente e di altre centinaia di problematiche, ma ribadisco che secondo me la questione del treno è relativa per un discorso globale turistico, diverso sarebbe come ha detto superanima se ci fosse chi organizza pacchetti specifici che porta gente che va a Venezia fino in Cadore, ma più di questo secondo me non porta altro, ammesso che la tratta turistica Venezia -Cadore possa avere un'affluenza tale da garantire un eventuale finanziamento per l'opera, ma come hai detto tu a queste cose ci deve pensare chi sta in alto che allo stato attuale non ha fatto nulla se non prendere lo stipendio a fine mese.
    Ottimo commento! Però secondo me l'auto come mezzo di trasporto non ha molto futuro, ha costi di gestione sempre maggiori (un italiano su dieci circola senza assicurazione, molti hanno l'auto e la muovono solo per casi di emergenza e l'attuale politica filotedesca ne ostacolerà ancora di più l'uso) quindi senza un treno saremo ancor più tagliati fuori.
    Intressante il progetto del Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema...tano_Regionale

    Ovviamente la provincia di Belluno è l'ultima ruota del carro, forse bisognerebbe farsi sentire.

    Questo lo sviluppo nel centro Europa:

    http://it.wikipedia.org/wiki/S-Bahn

    Quelli delle seconde case comunque non si possono neanche definire turisti e comunque se non hanno la residenza gli farei pagare un pedaggio per transitare in macchina, ovviamente una volta che ci fosse un collegamento ferroviario decente.

    Il fatto che non ci siano strutture alberghiere decenti, come si fa... se non c'è domanda non ci sono neanche investimenti, ma secondo me tutto ripartirebbe con un colegamento alternativo con la pianura, meno stressante dell'auto, chissà quanti ne approfitterrebbero per salire in Cadore.

  3. #53
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Ottimo commento! Però secondo me l'auto come mezzo di trasporto non ha molto futuro, ha costi di gestione sempre maggiori (un italiano su dieci circola senza assicurazione, molti hanno l'auto e la muovono solo per casi di emergenza e l'attuale politica filotedesca ne ostacolerà ancora di più l'uso) quindi senza un treno saremo ancor più tagliati fuori.
    Intressante il progetto del Sistema Ferroviario Metropolitano Regionale

    http://it.wikipedia.org/wiki/Sistema...tano_Regionale

    Ovviamente la provincia di Belluno è l'ultima ruota del carro, forse bisognerebbe farsi sentire.

    Questo lo sviluppo nel centro Europa:

    http://it.wikipedia.org/wiki/S-Bahn

    Quelli delle seconde case comunque non si possono neanche definire turisti e comunque se non hanno la residenza gli farei pagare un pedaggio per transitare in macchina, ovviamente una volta che ci fosse un collegamento ferroviario decente.

    Il fatto che non ci siano strutture alberghiere decenti, come si fa... se non c'è domanda non ci sono neanche investimenti, ma secondo me tutto ripartirebbe con un colegamento alternativo con la pianura, meno stressante dell'auto, chissà quanti ne approfitterrebbero per salire in Cadore.


    Cosa vuoi che ti dica, la pensiamo diversamente, ripeto, non so se il treno sarà il futuro per muoversi, io penso di no, ma al di là del mio o del tuo parere, la questione è che bisogna inventarsi qualcosa che attiri maggior turismo e per la realizzazione di una struttura ferroviaria all'avanguardia credo servano 10 anni minimo e sinceramente spero che non trascorrino 10 anni prima di trovare una soluzione per garantire alla gente che qua ci vive di poterci vivere.

  4. #54
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Quelli delle seconde case comunque non si possono neanche definire turisti e comunque se non hanno la residenza gli farei pagare un pedaggio per transitare in macchina, ovviamente una volta che ci fosse un collegamento ferroviario decente.
    beh, mi piace davvero la tua considerazione sui possessori di seconde case ...

    Non sono turisti, forse hai ragione: infatti sono qualcosa di più.

    E' gente (come me) che fa girare l'economia e non poco. Che cosa credi? Che mi porti il cibo da Bologna? Credi che nei ca. 2 mesi che trascorro sui monti viva d'aria? Acquisto alimenti, vestiti, occhiali, accessori vari, gas, acqua ....

    E dovrei pagare per arrivare a casa mia? Questa è comica.

    Oppure sembri preferire i possessori di secondo case che prendono la residenza fittizia? Quelli secondo te non pagherebbero.
    Già evadono (o meglio eludono) tasse, pagano meno le utenze, pagano meno lo skipass ... e come premio allinventiva italiana gli facciamo anche degli altri favori?

    Se il cadore è il regno delle seconde case (e questo, sono d'accordo, ne ha in parte decretato l'agonia) mica è colpa di chi le ha comprate.

    Qualcuno le ha autorizzate e gliele ha vendute, no?

    E adesso che le hanno (abbiamo), li devi trattare come estranei o peggio parassiti?

    Ecco perchè il cadore è morto ....

  5. #55
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sanvito25 Visualizza Messaggio
    beh, mi piace davvero la tua considerazione sui possessori di seconde case ...

    Non sono turisti, forse hai ragione: infatti sono qualcosa di più.

    E' gente (come me) che fa girare l'economia e non poco. Che cosa credi? Che mi porti il cibo da Bologna? Credi che nei ca. 2 mesi che trascorro sui monti viva d'aria? Acquisto alimenti, vestiti, occhiali, accessori vari, gas, acqua ....

    E dovrei pagare per arrivare a casa mia? Questa è comica.

    Oppure sembri preferire i possessori di secondo case che prendono la residenza fittizia? Quelli secondo te non pagherebbero.
    Già evadono (o meglio eludono) tasse, pagano meno le utenze, pagano meno lo skipass ... e come premio allinventiva italiana gli facciamo anche degli altri favori?

    Se il cadore è il regno delle seconde case (e questo, sono d'accordo, ne ha in parte decretato l'agonia) mica è colpa di chi le ha comprate.

    Qualcuno le ha autorizzate e gliele ha vendute, no?

    E adesso che le hanno (abbiamo), li devi trattare come estranei o peggio parassiti?

    Ecco perchè il cadore è morto ....


    Beh ho espresso delle idee in libertà, ogni opinione, anche contraria è più che benvenuta, ci saranno proprietari di seconde case che spendono , ma ce ne saranno che salgono per il finesettimana, si fanno i loro comodi e poi ritornano a casa lasciando a noi immondizie e caos sulle strade, per non parlare dei pendolari della domenica che usufruiscono di strutture pubbliche e non lasciano manco un euro, se nè parlato abbondantemente quest'estate quando qualche sindaco voleva far pagare un pedaggio per l'accesso a certe zone e secondo me l'idea era giusta, se vogliamo offrire dei servizi e mantenere i luoghi dove abitiamo in condizioni dignitose bisogna che i turisti ci diano qualcosa in cambio, allora si dirà: ma allora così non verrà più nessuno, io dico non verrà chi vuole tutto a gratis, le Dolomiti sono patrimonio Unesco, una sorta di parco naturale in cui si dovrebbe pagare il bilgietto per entrare.
    Io la vedrei così: parcheggio scambiatore a Pian di Vedoia, per chi arriva in auto, da qui si sale su un treno moderno ed efficiente che sale dalla pianura, si arriva a Calalzo o ancora meglio a Cortina e Auronzo, poi tramite navette o bus si viene trasportati in albergo e da qui poi si puo usufruire di pacchetti che prevedano visite guidate in vari luoghi del Cadore tutto senza usare mezzi propri, nulla vieta però di arrivarci in macchina pagando un pedaggio, magari solo nei mesi estivi, feste natalizie e finesettimana, ovviamente c'è anche chi transita per lavoro.

    In questi tempi tutti pensano a mangiare l'uovo, forse bisognerebbe incominciare ad allevare la gallina...

  6. #56
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Messaggi
    253

    Talking Non ci resta che piangere

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Beh ho espresso delle idee in libertà, ogni opinione, anche contraria è più che benvenuta, ci saranno proprietari di seconde case che spendono , ma ce ne saranno che salgono per il finesettimana, si fanno i loro comodi e poi ritornano a casa lasciando a noi immondizie e caos sulle strade, per non parlare dei pendolari della domenica che usufruiscono di strutture pubbliche e non lasciano manco un euro, se nè parlato abbondantemente quest'estate quando qualche sindaco voleva far pagare un pedaggio per l'accesso a certe zone e secondo me l'idea era giusta, se vogliamo offrire dei servizi e mantenere i luoghi dove abitiamo in condizioni dignitose bisogna che i turisti ci diano qualcosa in cambio, allora si dirà: ma allora così non verrà più nessuno, io dico non verrà chi vuole tutto a gratis, le Dolomiti sono patrimonio Unesco, una sorta di parco naturale in cui si dovrebbe pagare il bilgietto per entrare.
    Io la vedrei così: parcheggio scambiatore a Pian di Vedoia, per chi arriva in auto, da qui si sale su un treno moderno ed efficiente che sale dalla pianura, si arriva a Calalzo o ancora meglio a Cortina e Auronzo, poi tramite navette o bus si viene trasportati in albergo e da qui poi si puo usufruire di pacchetti che prevedano visite guidate in vari luoghi del Cadore tutto senza usare mezzi propri, nulla vieta però di arrivarci in macchina pagando un pedaggio, magari solo nei mesi estivi, feste natalizie e finesettimana, ovviamente c'è anche chi transita per lavoro.

    In questi tempi tutti pensano a mangiare l'uovo, forse bisognerebbe incominciare ad allevare la gallina...
    Qui in tanti chiedono il treno, come se fosse il toccasana di tutti i problemi. Ma, a parte il fatto che realizzare una linea ferroviaria che andasse su, come una volta, fino a Cortina e magari fino a Dobbiaco, richiederebbe finanziamenti oggi certamente improponibili, dal punto di vista della convenienza economica basta essere in due sull'auto per risparmiare rispetto al costo del biglietto del treno. Non senza dire che il treno non mi porta da un posto all'altro, ma da una stazione all'altra, e ad orari prefissati, con tutti i tempi morti che ne derivano. Se chi viene in montagna usa l'auto, non credo che lo faccia per un capriccio, ma casomai per convenienza e praticità. Quanto all'idea di mettere un pedaggio (gira l'idea di metterlo anche sui Passi), mi sembra che faccia a pugni con il principio di libertà di circolazione, costituzionalmente garantito. Anche ad Auronzo, per mettere il pedaggio sulla strada che porta alle Tre Cime , hanno dovuto inventarsi la scusa che in realtà si paga il parcheggio. Comunque, se in Cadore si dovesse tornare alle gabelle medioevali, a chi, come me, possiede qui una seconda casa... non resta che piangere.
    http://www.youtube.com/watch?feature...&v=te7XM8RCfxQ

  7. #57
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Certo adf, tutte le opinioni sono lecite, ci mancherebbe. Scusa se me la sono presa.

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    ci saranno proprietari di seconde case che spendono , ma ce ne saranno che salgono per il finesettimana, si fanno i loro comodi e poi ritornano a casa lasciando a noi immondizie e caos sulle strade,
    Ricordati però che i proprietari di seconde case pagano ICI, tasse dei rifiuti, ecc.... e raramente è gente che maltratta la montagna ed i suoi paesi.


    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    per non parlare dei pendolari della domenica che usufruiscono di strutture pubbliche e non lasciano manco un euro, ...
    Questo forse è più vero.

    Però la risorsa prima del Cadore, tracollata l'industria dell'occhiale e non più attuale la pastorizia, è e rimane il turismo.

    Se questo è quello che i cadorini pensano dei turisti, allora secondo me si spiegano tante cose.

  8. #58
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sanvito25 Visualizza Messaggio

    Se questo è quello che i cadorini pensano dei turisti, allora secondo me si spiegano tante cose.

    Quoto totalmente

  9. #59
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Io invece dico che se non ci si inventa qualcosa tra qualche anno in Cadore ci saranno solo i turisti pechè i cadorini saranno emigrati in cerca di lavoro, intanto vedremo se la nuova IMU porterà un pò di sollievo alle casse dei nostri poveri comuni.
    Quanto al pedaggio delle tre cime è una manna per il comune di Auronzo che riesce a rimanere a galla rispetto ad altre realtà e dimostra che l'idea di un pedaggio non è poi così strampalata...

  10. #60
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Io invece dico che se non ci si inventa qualcosa tra qualche anno in Cadore ci saranno solo i turisti pechè i cadorini saranno emigrati in cerca di lavoro, intanto vedremo se la nuova IMU porterà un pò di sollievo alle casse dei nostri poveri comuni.
    Quanto al pedaggio delle tre cime è una manna per il comune di Auronzo che riesce a rimanere a galla rispetto ad altre realtà e dimostra che l'idea di un pedaggio non è poi così strampalata...

    Certo condivido, ma se vuoi ti fermi a Misurina oppure vai in 3cime ma la strada che scende a Carbonin ecc... sono libere, io da ex turista se per venire in Cadore dovessi lasciare la macchina a Pian di Vedoia o comunque pagare un pedaggio non ci verrei più per principio. Parlano che in T.A. faranno pagare i passi, secondo me molti non ci andranno più e chissà che non vengano da questa parte, sperando sempre che anche Belluno non decida di far pagare.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy