Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Diamoci da fare

  1. #1
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    9

    Predefinito Diamoci da fare

    Dopo la conversione del decreto legge sulla cosiddetta "spending review", anche i provvedimenti in esso contenuti sono diventati legge dello stato italiano. Come noto, fra essi figura il riordino delle province il quale comporta, per quanto ci riguarda e tra gli altri aspetti, che molti degli attuali enti provinciali veneti cesseranno di esistere. E' appena il caso di ricordare che essi sono stati voluti dal governo napoleonico dopo il 1797 (forse per compensare i veneti dell'invasione della loro terra, in spregio alla dichiarata neutralità, e alle successive spoliazioni varie perpetrate?).
    In ogni caso, continuano a circolare pareri più o meno autorevoli che ritraggono i veneti e i bellunesi in particolare come rassegnati davanti a decisioni più o meno discutibili che li toccano da vicino, risultato delle proposte e delle scelte di plurimi soggetti.
    Ritengo che sia giunto il momento di rimboccarsi le maniche, come solo i veneti sanno fare, e iniziare a progettare (realizzare?) il nostro futuro.
    Basta lamentele sterili, accuse o proteste improvvisate; serve uno scatto di orgoglio da parte di tutti.
    Nessuno ha in tasca la ricetta pronta ma se si inizierà a guardarsi negli occhi, contarsi e confrontarsi su quale Veneto si desidera, sarebbe già un passo avanti.
    Sarei molto felice come veneto se tale entusiasmo contagioso partisse proprio dal bellunese.
    Sani/sane/arrivederci

  2. #2
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Non parlo a livello del Veneto anche perchè credo che ognuno guardi a casa sua, quello che posso dirti è che quà è nato il BARD, Belluno Autonoma Regione Dolomitica almeno mi pare e devo dire che si stanno dando parecchio da fare, come singolo cittadino posso dare tutto il mio supporto a questo movimento, ma il vero problema sono i politici che promettono, promettono e alla fine la mettono in culo e guardano i loro interessi.....insomma, siamo in Italia, comunque spero si riesca a fare qualcosa.

  3. #3
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jul 2012
    Messaggi
    9

    Predefinito

    Conosco finalità e progetti del BARD, fin dalla sua presentazione a Belluno nel novembre 2011. Comunque grazie per la segnalazione. In ogni caso quello che mi preoccupa a Belluno come a Treviso, dalle mie parti, è constatare una stanchezza diffusa (legittima viste le tante promesse tradite nel corso degli anni e la difficile situazione economica che, forse, spinge a concentrarsi su altri problemi), che si accompagna ad apatia o indifferenza alle proprie sorti. In questo senso mi auguro che i veneti reagiscano e prendano in mano le loro sorti.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy