Pagina 1 di 4 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 32

Discussione: Multa da 200 euro per un parcheggio a Sappada: pagherò, ma non tornerò più

  1. #1
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito Multa da 200 euro per un parcheggio a Sappada: pagherò, ma non tornerò più

    http://www.ilgazzettino.it/articolo....ELGIORNO&ctc=0

    Multa da 200 euro per un parcheggio
    a Sappada: pagherò, ma non tornerò più

    Egregio direttore,
    scrivo a lei e ai suoi lettori per rendere voi tutti partecipi della mia indignazione. Il 5 agosto ho trascorso la giornata in Val Visdende (Sappada) per un pic-nic in allegria con la mia famiglia.

    La sosta nell’intera vallata è stata resa a pagamento ma il tutto non è stato, ahimè, adeguatamente segnalato. Ecco quindi che sul parabrezza della mia auto, parcheggiata lungo una stradina di sassi secondaria, mi è stata affissa una multa della somma di 200 euro; il vigile, o chi per lui, ha approfittato ingiustamente della momentanea assenza mia e di mia moglie della durata di qualche minuto appena.

    Ora, consapevole di aver infranto una regola e pronto a pagare, mi chiedo: rispetto della legge e buon senso non dovrebbero forse andare di pari passo? Fino a pochi mesi fa, a tale infrazione corrispondeva un’ammenda di “soli” 100 euro ed ora la cifra è raddoppiata. “Decisioni a livello regionale” mi è stata detto quale spiegazione e giustificazione; io pagherò perché onesto cittadino, ma la valle ha perso un futuro visitatore.

    Inutile quindi, a mio avviso, il lamento di quanti sostengono la morte delle Dolomiti come luogo di villeggiatura; non tutti i cittadini possono permettersi vacanze da nababbi, né tanto meno pagare una multa pari ad un quinto del loro stipendio.

    Adriano Stedile


    Provvedimento giusto o esagerato?
    Dice che non è stato adeguatamente segnalato, ma se ti danno un depliant con la piantina con tutti i parcheggi autorizzati, mah... qualcuno vuole fare il furbo, viene beccato e poi ha anche il coraggio di sputtanarci...

  2. #2
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Quello che non mi piace della vicenda è il titolo volutamente provocatorio usato dal Gazzettino ( il non ritornare più, senza riferimenti all'interno della lettera pubblicata e anche inesatto visto che Sappada non centra niente con la val Visdende), come dire: cadorini non rompeteci le scatole altrimenti non vi portiamo più in nostri soldi...
    E questo ha ovviamente scatenato molte opinioni contro Sappada sul sito del Gazzettino, facendomi riflettere sul futuro che potremmo avere noi bellunesi se la nostra provincia finisce nelle grinfie della bassa...
    Molte persone hanno un'atteggiamento arrogante e predatorio nei confronti del nostro territorio e delle regole che chi ci vive 365 giorni all'anno ha applicato per preservarlo anche da chi ci viene una sola settimana e pensa di essere a casa sua solo perchè possiede un appartamento in uno dei nostri comuni...
    Penso che la provincia di Belluno debba continuare a godere di una sua autonomia, altrimenti verrà spolpata dalla voracità della bassa...

  3. #3
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Molte persone hanno un'atteggiamento arrogante e predatorio nei confronti del nostro territorio
    Vero. Vero anche però che il buon senso di cui parla l'autore della lettera, a molti "montanari" cadorini/comeliani manca completamente. E fare turismo senza buon senso, è pressoché impossibile al giorno d'oggi.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Vero. Vero anche però che il buon senso di cui parla l'autore della lettera, a molti "montanari" cadorini/comeliani manca completamente. E fare turismo senza buon senso, è pressoché impossibile al giorno d'oggi.
    Condivo in pieno.......

  5. #5
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    Vero. Vero anche però che il buon senso di cui parla l'autore della lettera, a molti "montanari" cadorini/comeliani manca completamente. E fare turismo senza buon senso, è pressoché impossibile al giorno d'oggi.
    Da quotare e da incorniciare

  6. #6
    Senior Member L'avatar di ALAN
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    162

    Predefinito

    Ahhh non lo sapevo ke per far turismo bisognasse chiudere un'occhio sulle "inciviltà" dei turisti!!!!! Faccio anch'io il turista......e ho sempre avuto attenzioni e rispetto dei luoghi ke visitavo! Mai preso una multa...e se la prendo pago!!! Mai mi permetterei di sventolare un certo potere o arroganza in nome di TURISTA ke ha potere su di te...dove non hai turismo!!!! Stà gente fuori dai coglioni. Gente inutile!!!

  7. #7

    Predefinito

    Si parla di regole. All'entrata della valle c'è un evidente e visibilissimo blocco dove delle persone gentili ti spiegano il tutto. Costo € 5. Proprio pochi giorni fa ci sono andata con la mia famiglia e anch'io mi sono messa in coda e quando ho visto che altre auto entravano senza pagare ho chiesto se eravamo gli unici "fessi" perlopiù residenti, a pagare, il ragazzo abituato alla situazione; "pensano di fare i furbi... e poi si lamentano se prendono la multa".Questione di regole tutto qui. Anche così si fa turismo preservando un luogo e non vendendosi tutto magari ai russi. Possiamo se volete parlare di come non è valorizzata la valle e il potenziale che ha, ma questa è tutta un'altra storia
    anna:

  8. #8
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Brava anna giustissimo!

    La sanzione però mi pare spropositata... in Italia funziona così: ci sono le regole, ma non c'è chi le fa rispettare e allora si fanno delle sanzioni spropositate che servono da detterrente perchè non vengano infrante le regole, solo che ogni tanto qualcuno viene beccato e povero lui, paga anche per gli altri 100 che non vengono beccati... ma siccome la probabilità di essere beccati è bassa tutti provano a fare i furbi...

    E allora? Fate pìù controlli con sanzioni più civili e vedrete che non ci saranno più furbi!

  9. #9
    Senior Member L'avatar di bosk
    Data Registrazione
    Nov 2010
    Messaggi
    511

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio

    La sanzione però mi pare spropositata... in Italia funziona così: ci sono le regole, ma non c'è chi le fa rispettare e allora si fanno delle sanzioni spropositate che servono da detterrente perchè non vengano infrante le regole, solo che ogni tanto qualcuno viene beccato e povero lui, paga anche per gli altri 100 che non vengono beccati... ma siccome la probabilità di essere beccati è bassa tutti provano a fare i furbi...

    E allora? Fate pìù controlli con sanzioni più civili e vedrete che non ci saranno più furbi!
    Condivido........

  10. #10
    Senior Member L'avatar di heimat
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    nord del sud
    Messaggi
    212

    Predefinito

    Ciao a tutti. Eccomi di ritorno dalla solita immancabile vacanza cadorina. Una meraviglia come sempre!!
    Scrivo sul post della Valvisdende anche se quest'anno mi ha visto presente solo una volta (e mai più).
    Premetto: non ho avuto multe e problemi.
    Premetto: da oltre trentacinque anni frequento la Valvisdende con assiduità. Ho girato in lungo e largo, boschi, crode, strade a piedi in auto con la jeep, con le ciaspe, la motoslitta, insomma mi oriento un pochino lì.
    Morale: SONO STANCO! Sì credo proprio sia l'ora di abbandonare quei posti magnifici, non fanno più per me.....Posso solo dire che nel tempo (dagli anni 70 ad oggi) mentre cresceva l'uso di parole come "natura", "ecologia", "rispetto del territorio", "sensibilità ambientale" ect, progressivamente in Val Visdende diminuiva il senso di tutto ciò.
    Quelle che scrivo sono parole che mi costano grande fatica: in quei luoghi ho alcuni dei miei ricordi più belli, di persone che non ci sono più, che mi hanno insegnato ad amare (loro si) la montagna ed averne rispetto.
    Sono testimone dell'imbarbarimento progressivo dei valori che dovrebbero essere alla base di ogni forma di rispetto: la tolleranza.
    I commenti che ho letto sono gran pare condivisibili, ma mi chiedo: E' questo il significato di turismo ovvero ospitalità? E' producente seppur giusto legalmente (ma le sentenze dicono nemmeno sempre), nascondersi dietro un abete in attesa che il turista si allontani dalla macchiana per rifilargli la multa? (testimone diretto). A nessuno viene da chiedersi che se negli anni 80 decine di pullman salivano in Valle (discutiamo sul senso di tutto ciò, d'accordo) e a Prà Marino c'erano migliaia di turisti, da quest'anno dopo la chiusura dell'albergo ristorante al Termine del Cianà ormai da anni, ha chiuso anche la storica Plenta a Costa d'Antola? Insomma mi chiedo: che cosa si vuole fare veramente del territorio? Sì crede veramente che la conservazione del territorio e il turismo si faccia esclusivamente con i divieti e con un vergognosamente mal celato abbandono travestito da "conservazione"?

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy