Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Collegamento Padola - Sesto Pusteria

Visualizzazione Ibrida

  1. #1
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    8

    Predefinito Collegamento Padola - Sesto Pusteria

    Finalmente trovo un po’ di tempo per scrivere qualcosa anch’io e ne approfitto!

    Vorrei introdurre un argomento ancora non trattato nel forum, ma a mio parere di grande importanza per il rialancio del Comelico, ovvero il progetto che prevede con lo stanzamento di circa 80 milioni di euro presentato nel Marzo del 2009 dalla Comunità Montana per l’ integrazione della ski area di Padola con quella di Sesto Pusteria, rafforzamento del sistema inverno a Sappada, oasi in Val Visdende.
    Mi vorrei soffermare maggiormente sulla rilevanza strategica dell’integrazione tra le vicine stazioni invernali di Padola con quella di Sesto Pusteria.
    Per chi non lo sa (e qui immagino siano in pochi) il progetto prevede dalla parte del Cadore la realizzazione di una telecabina che da Bagni di Valgrande raggiunge la cima Colesei per il raggiungimento del Passo Monte Croce Comelico per il futuro collegamento con il versante Altoatesino, e conseguente integrazione al “Dolomitisuperski”.
    So che probabilmente vi saranno pareri discordanti (come sempre capita tra conservatori e progressisti) , sulla necessità o meno di realizzare tale progetto, che è già stato previsto nel piano neve della Regione Veneto.
    L’operazione prevista avrà un valore stimato di Euro 23.950.000 il 30% dell’investimento dovrebbe essere coperto dalla Regione Veneto mentre il restante sarà a carico di privati ed in particolare di “Valcomelico S.p.a.” già proprietaria dell’attuale impianto di Padola.
    Le presenze stagionali si stima che passerebbero dalle attuali 11mila a 60mila unità, fonte Euris.
    Ovviamente ciò determinerà un necessario incremento della ricettività locale, infatti è prevista dal piano la realizzazione di un camping villaggio a Valgrande e a Danta di Cadore oltre ciò che conseguirà a tutto l’indotto alberghiero, negozzi, locali, noleggi e quant’altro.
    Trà l’altro la particolare posizione della Valcomelico attirerebbe turismo da oltreconfine ed in particolare dalla vicina Austria e dalla Germania, clienti già affezionati del vicino Trentino-Alto Adige.
    Effettivamente tale opera comporterebbe il superamento di vincoli di natura ambientale e normativa di zona SIC, ma Il progetto è ambizioso e mio modesto avviso darebbe un forte impulso all’economia locale che potrebbe sfruttare il territorio a forte vocazione turistica e sportiva.

    Chiedo a voi se tutto questo sarà come dice sindaco di San Pietro, Silvano Pontil Scala : «Sono solo grandi sogni, con i quali non si porta a casa nulla delle piccole cose che interessano ai cittadini».
    Oppure come io mi aguro rappresentino l’inizio di un cambiamento in atto anche nelle modo di pensare dei Cadorini!

  2. #2
    Junior Member L'avatar di Vallo Alpino
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Phathina (Ad Vadum) - X Regio Italica
    Messaggi
    17

    Predefinito

    Sto seguendo in particolar modo l'evoluzione di questa vicenda.
    Sopratutto i risvolti, il lato B che non so quanto arriverà o brucerà ai Comeliani.
    Il tutto è nato per necessità di salvare la società delle Terme di Valgrande e degli impianti di Padola.
    Perciò, più che un'idea, è stato un'obbligo.
    Incollo qui un'articolo di giornale dell'Alto Adige-06/06/2010

    Siglato l’accordo: Franz Senfter finanzia il collegamento sciistico Comelico-Sesto

    COMELICO SUPERIORE. L’accordo è stato raggiunto giovedì sera: a breve l’imprenditore della Pusteria Franz Senfter entrerà nella società Alta Val Comelico per realizzare l’ampliamento del comprensorio sciistico di Padola ed il collegamento tra gli impianti del Comelico e quelli di Sesto Pusteria. La stretta di mano definitiva con Senfter è stata data dalla delegazione della Val Padola, che ha raggiunto la Pusteria per incontrare l’imprenditore altoatesino alla luce dell’ultima, positiva novità sul fronte societario. Ovvero quella della raggiunta intesa con i creditori della realtà impiantistica. Il presidente della società impiantistica, Rinaldo Tonon, ha infatti reso noto che «il 31 maggio il 100% dei creditori della Alta Val Comelico ha accettato il concordato stragiudiziale grazie al quale riceveranno il 30% delle somme dovute». Questa, va ricordato, era la condizione di partenza posta da Senfter per intervenire in salvataggio della società, avviata al fallimento. Gli amministratori hanno portato a Senfter l’accordo siglato da tutti i creditori, comprese banche ed Enel. «A tutti va il nostro ringraziamento in questa difficile vertenza», spiega Tonon. Ora ci saranno dei passaggi tecnici: prima la società chiuderà il bilancio alla luce del nuovo accordo, poi l’assemblea dei soci delibererà l’aumento di capitale e quindi l’ingresso Franz Senfter, che di fatto ricapitalizzerà la società e naturalmente chiederà il rispetto dell’intesa deliberata ad ampia maggioranza dal consiglio comunale di Comelico Superiore. In questo contesto il magnate dello speck ha chiesto di potere realizzare un albergo con 300 posti letto e di potere entrare, insieme al Comune, nella gestione della risorsa acqua per costruire future centraline elettriche. Proprio questo punto era stato pesantemente contestato dall’ex sindaco Luca De Martin Topranin nel consiglio che ha visto approvare la convenzione. Il Comune da parte sua garantisce di spianare la strada al collegamento sciistico con la Pusteria, attivando tutti gli strumenti urbanistici necessari. In ogni caso, l’Alta Val Comelico si salva dal fallimento e il Comelico può sperare nella nascita di un grande comprensorio dello sci.

    Consiglio di ripetere la lettura, tenendo ben presente la zona.
    A me... sa tanto di vasellina!
    Per approfondire l'evoluzione:
    http://www.valloalpino.it/Stampa/Sta...co_Senfter.htm

  3. #3
    Moderator L'avatar di deryls82
    Data Registrazione
    Jun 2010
    Località
    Tai di Cadore
    Messaggi
    310

    Predefinito

    Bhè io questo lo chiamo un rilancio del turismo e dell'economia coi fiocchi.

    NuovoCadore Staff

  4. #4
    Junior Member L'avatar di Vallo Alpino
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Località
    Phathina (Ad Vadum) - X Regio Italica
    Messaggi
    17

    Predefinito

    Ehehe.. lo immaginavo, non conoscete i sudtirolesi...!

  5. #5
    Banned
    Data Registrazione
    Feb 2011
    Messaggi
    73

    Predefinito

    Ma i contrari agli impianti ci sono solo per il comprensorio Cadore/Civetta ??


  6. #6

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da sten Visualizza Messaggio
    Ma i contrari agli impianti ci sono solo per il comprensorio Cadore/Civetta ??

    Ormai l'accordo è stato fatto! Inutile protestare!

    ... e hanno fatto bene ...

  7. #7
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    8

    Predefinito

    Comunque la Val del Boite gode già della presenza degli splendidi impianti di Cortina, mentre in Val Zoldana hanno già l’imponente comprensorio del Civetta, il collegamento trà le due vallate ai fini turistici non ha molto senso! A mio avviso è un inutile scempio della foresta che vi è compresa,…che non servirà certo ad aumentare le presenze invernali anzi a mio avviso servirà probabilmente solo a diluirle.

    A differenza delle due vallate suddette, la Val Comelico è turisticamente molto meno conosciuta anche se altrettanto bella, ben più lontana dalle blasonate e stucche Val Gardena/Val Badia/Val di Fassa, quindi validissima alternativa a queste, oltre al fatto che geograficamente risulta molto ben posizionata, sia per accogliere turismo dal Friuli che dall’Austria.
    Con un modesto impatto ambientale, si ridarebbe vita a tutti i comuni del Centro Cadore e del Comelico, e scusate se è poco!

  8. #8
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jan 2010
    Messaggi
    8

    Predefinito

    Per chi non l'ha vista, intervista a Mark Winkler, amministratore delegato della Sextner Dolomiten spa

    http://www.youreporter.it/video_Il_G...o_e_Pusteria_1

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy