Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Ciclabile delle Dolomiti Calalzo/Cortina - Il Report

  1. #1
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito Ciclabile delle Dolomiti Calalzo/Cortina - Il Report

    Ho voluto fare un report su questa ciclabile, benché sia molto nota, per tre motivi:

    1. la stragrande maggioranza delle info e delle relazioni presenti sul web sono vecchie ed ancora riportano il fatto che per 2 km. (tra Peaio e Venas di Cadore) è necessario percorrere un tratto di trafficatissimo statale n°51. Invece già dal 2009, la ciclabile, con opere anche costose e non banali, è stata completata. Se questo fatto poteva scoraggiare qualcuno, sappiate che il problema non esiste più.
    2. esiste un (quasi) efficiente servizio “bike’n bus” che fa la spola tra Calalzo e Dobbiaco, che permette di scegliere quali tratti percorrere e se percorrerli in salita o discesa, potendosi poi appoggiare al bus con carrello porta bici per tornare al punto di partenza. Il “quasi” è dovuto al fatto che ci sono solo 4/5 corse al giorno, che i posti sono limitati (30 bici sul carrello più qualcuna nel baule) ed il servizio prenotazione non funziona benissimo. Il servizio è attivo in luglio, agosto e primi gg. di settembre
    3. rispetto alle blasonatissime ciclabili della Val Pusteria e della Drava (tra cui la famosissima San Candido-Lienz) è secondo me 100 volte più bella. Molto più panoramica (sei in mezzo alle Dolomiti), molto meno frequentata (si può fare in entrambi i sensi senza il timore di essere asfaltati come se provate a fare da Lienz a San Candido in salita), molto più selvaggia, in certe parti. Per contro il servizio bike’n bus è certo 100 volte meno efficiente del servizio treno+bici della Val Pusteria.

    Fondo: asfalto da Calalzo a Dogana Vecchia (al confine tra San Vito e Cortina), ghiaino molto ben pedalabile tutto il resto (salvo l’attraversamento di Cortina che è di nuovo asfalto ed il tratto Carbonin-Lago di Landro che è ghiaia un po’ malmesso, ma non lo percorro da diversi anni).

    Dislivello: tra Calalzo e Passo Cimabanche (punto più alto a 1500 mt.) ci sono 700 mt. di dislivello, ma sono distribuiti in ca, 50 km in modo graduale.
    Vi sono però tratti più faticosi di altri.
    Da Calalzo a San Vito e da Cortina a Passo Cimabanche la ciclabile segue il percorso della vecchia ferrovia, e dunque è in leggera e costante ascesa. Se percorso ad andatura turistica ed in assenza di vento contrario non è per nulla faticoso.
    Da San Vito a Cortina (e in parte nel nuovo tratto Peaio-Venas) segue invece l’antica strada regia tra saliscendi e strappetti (soprattutto in direzione Cortina).
    Percorso alla portata di tutti, ma se percorso ad andatura sostenuta può essere ottimo per farsi un buon fondo.

    Tratto più bello: molto soggettivo. Secondo me tra Vodo e San Vito, quando già appaiono Pelmo, Rocchette ed Antelao e pedali spesso sopra la valle ed attraversando i paesi nella loro parte alta e meno caotica. Bello ovviamente anche tra Cortina e Cimabanche, anche se dopo il ponte sul Ru Felizon scompaiono dalla vista le cime dolomitiche.
    Comunque la macchina è parcheggiabile in moltissimi punti del percorso.

    Attenzione: ai 3 tratti dove la ciclabile “sottopassa” la statale, soprattutto se avete dei bimbi, pericolo di scontri con altri ciclisti; all’attraversamento di San Vito (dove però la larghezza della sede stradale aumenta) e soprattutto Cortina, dove la ciclabile è anche frequentata passeggiata.

    Ecco alcune foto

    Partendo da Calalzo si ha una bella vista sul lago di centro Cadore



    si percorrono alcuni tratti quasi in campagna



    Brevi gallerie ed anche lunghe gallerie illuminate





    Una delle cose che mi piacciono di questa ciclabile è che attraversi i paesi nella parte alta (salvo Venas) in posizione dominante. Qui a volte la ciclabile è anche via di accesso alle case, ma passano 2 auto al giorno!

    Valle di Cadore



    Borca



    San Vito



    Cortina



    Si incontrano poi le vecchie stazioncine. Questa è quella all’ingresso di San Vito



    segue ....

  2. #2
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Verde e Dolomiti dominano (solo per brevi tratti la ciclabile corre a lato della statale, ma sempre ben divisa e distanziata)





    Molto pregevoli (e ritengo costosi) gli interventi per aprire il pezzo mancante tra Venas e Peaio





    Attenzione ora ad alcuni punti non ben segnalati.
    Questo è dopo Venas (venendo da Calalzo). Dovete stare bassi sulla sinistra per fare il nuovo tratto (protetto e con saliscendi) , mentre andando a destra arrivereste sulla statale.



    A San Vito la ciclabile sembra interrompersi, ma riprende poco più avanti ed è segnalata



    Qui la ciclabile (poco prima di Cortina in località Acquabona-Pian da Lago) sbuca su una atrada asfaltata e ci sono 2 possibilità
    1. si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per strada ghiaiata: percorso molto bello lungo il fiume, ma faticoso per riprendere quota per entrare a Cortina. ATTENZIONE: questo tratto è attualmente ufficialmente chiuso per frana, ma è percorribile
    2. si svolta a destra e si sale per 100 metri fino alla statale, dove riparte un altro ramo della ciclabile (asfaltata e più alta, dunque con meno salita per entrare a Cortina)
    Consiglio la soluzione 2 per famiglie, la 1 per chi vuole stare un po’ più a contatto con la natura



    Lo stesso dilemma si può porre arrivando da Cortina in direzione San Vito sempre in località Acquabona:
    1. se svoltate a destra prendete la ciclabile seguendo i cartelli, facendo un po’ di saliscendi
    2. se andate diritto fate 1 km. di statale per poi rincontrare la ciclabile (più pericolosa ma meno faticosa



    All’ingresso in Cortina (si percorre il ponte nella foto e si trova a destra la stazione di partenza della funivia del Faloria) la ciclabile sembra scomparire, ma niente paura. Si attraversano parcheggi e piazzali fuori traffico andando sempre diritto e, subito dopo la strada che sale a Passo 3 Croci/Misurina, la ciclabile riprende



    segue ....

  3. #3
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Tra Cortina e Passo Cimabanche poco da segnalare se non il bel panorama sulla Valle del Boite e le Dolomiti circostanti, la galleria a forma di locomotiva (scusate per la pessima qualità della foto)



    Ed il ponte sul Ru Felizon; guardate di sotto quando arrivate su questo ponte, la forra fa impressione.



    Alcuni bei laghetti e si arriva a Passo Cimabanche.
    Nel tratto Passo Cimabanche-Dobbiaco segnalo:
    - gli scorci incredibili sul Cristallo (se la percorrete verso nord da Dobbiamo)
    - il lago di Landro, non un granchè
    - lo scorcio sulle 3 Cime di Lavaredo (se la percorrete da Dobbiaco)
    - il lago di Dobbiaco (di cui si può fare il periplo in bici, se ricordo bene in senso antiorario)


    Provate a percorrere questa ciclabile (anche un breve pezzetto) in un giorno d’autunno quando i boschi sono verdi gialli e rossi. Oppure in maggio, con le cime ancora innevate. Ne rimarrete affascinati.

  4. #4
    Junior Member
    Data Registrazione
    Nov 2009
    Località
    cadore
    Messaggi
    10

    Predefinito

    Bell'idea, complimenti!

  5. #5

    Predefinito

    Concordo questa pista ciclabile non ha nulla da invidiare rispetto ad altre ,siamo nel cuore delle Dolomiti con scenari incomparabili sopratuttosconosciuti anche a chi in loco non frequenta la ciclabile .E' un gioiello da preservare e migliorare nel tempo ,inoltre dando dei servizi sul terrritorio può fare da imput per un nuovo modo di fare del turismo sostenibile e allo stesso tempo portare benefici all' economia locale messa a dura prova in questi anni .Complimenti per le belle foto e la visibilità data da San Vito.

  6. #6
    Member L'avatar di Marydj
    Data Registrazione
    May 2010
    Località
    Borca di Cadore
    Messaggi
    42

    Predefinito

    Concordo su tutto... io l'ho fatto quest'anno, visto che mi hanno regalato la bici.. da Borca a Tai l'ho fatta due volte e mi è piaciuta tantissimo! Da Borca a Cortina solo una volta, ma non mi è piaciuto da Dogana ad Acquabona, perché c'è troppo saliscendi e ghiaia, che alla fine è il tratto più "faticoso".. Comunque spero presto di rifare la ciclabile, ma devo prima comprare la ginocchiera!

  7. #7
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Ho notato con piacere che lungo la ciclabile sono nati diversi punti di ristoro (a san Vito in zona artigianale, a Vodo nella stazioncina, a Valle con un bel bar,....) e vengono reclamizzati con cartelli quelli non immediatamente sulla ciclabile.

    Qualcosa si muove.

    Eppure non capisco come mai la San Candido-Lienz abbia migliaia di passaggi giornalieri e questa no?
    Forse il servizio di rientro meno efficiente? 1 bus al giorno ...., 2 nei weekend.
    Pubblicità carente?
    Minore ricettività turistica rispetto ad Alta Pusteria? Non credo ...

    Forse dobbiamo sperare in un battage pubblicitario di Papin Sport?

  8. #8
    Senior Member L'avatar di ALAN
    Data Registrazione
    Jan 2011
    Messaggi
    162

    Predefinito

    A livello organizzativo,di mentalità e di gestione sono due mondi diversi! Siamo migliori a livello paesaggistico......ma come resto lasciamo perdere! Una ciclabile da rivedere!

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy