Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Cortina, arrestato dalla Guardia di finanza il sindaco Andrea Franceschi

  1. #1
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito Cortina, arrestato dalla Guardia di finanza il sindaco Andrea Franceschi

    Notizia dell'ultim'ora…

    Il primo cittadino della città veneta è accusato di abuso d'ufficio, turbativa d'asta e violenza privata. Ora si trova ai domiciliari. Nell'inchiesta, partita lo scorso anno, ci sono altri indagati

    CORTINA D'AMPEZZO - Il sindaco di Cortina d'Ampezzo, Andrea Franceschi, è stato arrestato dalla Guardia di finanza di Belluno e ora si trova ai domiciliari. L'arresto è avvenuto nel pomeriggio in esecuzione di un'ordinanza emessa dal gip di Belluno Giorgio Cozzarini, su richiesta del pm Antonio Bianco. Franceschi è accusato di turbativa d'asta, violenza privata e abuso d'ufficio. Quattro le persone che risultano indagate oltre al sindaco.
    Si tratta dell'assessore all'Ambiente e vicesindaco di Cortina Enrico Pompanin, dell'assessore all'Urbanistica - Lavori Pubblici ed Edilizia Privata Stefano Verocai, di una dipendente del Comune, Stefania Zangrando, e di Teodoro Sartori, titolare dell'azienda che avrebbe turbato il procedimento amministrativo di scelta per la gara d'appalto dei rifiuti che si era poi aggiudicata. I fatti al centro dell'inchiesta della procura bellunese abbracciano un periodo di tempo che va dall'agosto 2010 al maggio 2012. Due i procedimenti sotto la lente della magistratura: l'appalto per i rifiuti e le pressioni esercitate sul comandante della Polizia Locale per gli autovelox. L'inchiesta è iniziata a fine del 2011 dopo la denuncia della funzionaria a capo del lavori pubblici che era entrata in contrasto con il sindaco Franceschi ed era stata poi licenziata e per questo aveva avviato una vertenza di lavoro.

    Le accuse. È centrata su diversi episodi l'inchiesta della procura bellunese. Secondo l'ipotesi d'accusa, il sindaco cortinese in concorso con un assessore e con il titolare di una società - poi aggiudicataria della gara - avrebbe turbato il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando e degli atti amministrativi inerenti il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani del Comune di Cortina d'Ampezzo. Franceschi è accusato anche di violenza privata in concorso con un assessore. Dopo aver acquisito la notizia dell'avvenuta pubblicazione del bando di gara per l'appalto rifiuti ''di contenuto non coincidente con quello 'pre-ordinato''', secondo quanto sostenuto dall'accusa, ''avrebbe fatto pressioni affinché la responsabile dell'Ufficio lavori pubblici del Comune revocasse il bando per sostituirlo con altro in linea con quanto preventivamente determinato''. Fatto poi che non si sarebbe verificato per il rifiuto di una funzionaria.

    Altra accusa è l'abuso d'ufficio in concorso con un assessore. Dopo aver individuato il professionista che si sarebbe dovuto occupare di redigere gli atti di gara, ''allo scopo di esautorare il preposto ufficio tecnico dei lavori pubblici del Comune, avrebbe proceduto ad emettere un'apposita delibera mediante la quale veniva assunta la decisione di indire futuri bandi di appalto inerenti la raccolta rifiuti del Comune di Cortina d'Ampezzo e pertanto individuare ed incaricare un tecnico esterno ai funzionari comunali per collaborare a redigere gli atti tecnici di gara''.

    Infine, c'è un presunto caso di violenza privata e abuso d'ufficio in concorso con due assessori, perché abusando della funzione pubblica ricoperta, ''avrebbe esercitato pressioni sul comandante della polizia locale per limitare i controlli sulla velocità a mezzo telelaser e contro la guida in stato di ebbrezza''. Franceschi avrebbe inoltre minacciato lo stesso comandante di degradarlo a vigile urbano. Vicenda riconducibile alla volontà di evitare malcontento tra i cittadini nel periodo pre-elettorale per le amministrative del maggio dell'anno scorso, che avevano poi confermato in carica lo stesso Franceschi.

    fonte

  2. #2
    Member
    Data Registrazione
    Feb 2012
    Messaggi
    87

    Predefinito

    Secondo il mio modesto parere, ha pestato i piedi a qualcuno potente, che magari aveva interessi in quel di Cortina e glie la sta facendo pagare...
    A pensare male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre...

  3. #3
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Dal Corriere delle Alpi...

    Cortina d’Ampezzo, arrestato il sindaco Andrea Franceschi
    La Guardia di Finanza ha arrestato il primo cittadino in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip di Belluno Cozzarini. Accusato di irregolarità in alcuni appalti e di aver fatto togliere i telelaser prima delle elezioni

    CORTINA D’AMPEZZO. Il sindaco di Cortina d’Ampezzo, Andrea Franceschi è stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Belluno. L’arresto è avvenuto nel pomeriggio in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip di Belluno Giorgio Cozzarini, su richiesta del pm Antonio Bianco. Al momento non si conosce l’ipotesi di accusa.
    Franceschi, secondo quanto si è appreso, è stato posto agli arresti domiciliari. Tre le ipotesi di accusa: turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, violenza privata e abuso d’ufficio. Nell’inchiesta figurano altri indagati. Le indagini avevano preso avvio lo scorso anno e avevano portato a una serie di perquisizioni.
    Secondo l’ipotesi d’accusa, il sindaco cortinese in concorso con un assessore e con il titolare di una società - poi aggiudicataria della gara - avrebbe turbato il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando e degli atti amministrativi inerenti il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani del Comune di Cortina d’Ampezzo. Franceschi è accusato anche di violenza privata in concorso con un assessore. Dopo aver acquisito la notizia dell’avvenuta pubblicazione del bando di gara per l’appalto rifiuti «di contenuto non coincidente con quello "pre-ordinato"», secondo quanto sostenuto dall’accusa, «avrebbe fatto pressioni affinchè la responsabile dell’Ufficio lavori pubblici del Comune revocasse il bando per sostituirlo con altro in linea con quanto preventivamente determinato». Fatto poi che non si sarebbe verificato per il rifiuto di una funzionaria.
    Altra accusa è l’abuso d’ufficio in concorso con un assessore. Dopo aver individuato il professionista che si sarebbe dovuto occupare di redigere gli atti di gara, «allo scopo di esautorare il preposto ufficio tecnico dei lavori pubblici del Comune, avrebbe proceduto ad emettere un’apposita delibera mediante la quale veniva assunta la decisione di indire futuri bandi di appalto inerenti la raccolta rifiuti del Comune di Cortina d’Ampezzo e pertanto individuare ed incaricare un tecnico esterno ai funzionari comunali per collaborare a redigere gli atti tecnici di gara».
    Infine, c’è un presunto caso di violenza privata e abuso d’ufficio in concorso con due assessori, perchè abusando della funzione pubblica ricoperta, «avrebbe esercitato pressioni sul Comandante della polizia Locale per limitare i controlli sulla velocità a mezzo telelaser e contro la guida in stato di ebbrezza». Franceschi avrebbe inoltre minacciato lo stesso comandante di degradarlo a vigile urbano. Vicenda riconducibile alla volontà di evitare malcontento tra i cittadini nel periodo pre-elettorale per le amministrative del maggio dell’anno scorso, che avevano poi confermato in carica lo stesso Franceschi.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da adf Visualizza Messaggio
    Secondo il mio modesto parere, ha pestato i piedi a qualcuno potente, che magari aveva interessi in quel di Cortina e glie la sta facendo pagare...
    A pensare male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre...
    Più che questo, nasce tutto, se si capisce bene, dall'esposto della funzionaria - poi licenziata - che avrebbe subito l'abuso di ufficio in relazione all'appalto incriminato.

    Conosco abbastanza bene certe dinamiche sugli appalti delle PA.
    Alcune cose sono molto border line: da "normale pratica in uso" a "illecito" il passo è molto breve.

    Per questo è davvero una leggerezza pericolosa litigare con una dipendente e poi licenziarla. Soprattutto se si hanno scheletri negli armadi. Soprattutto se sono della parte politica avversa.

    Si capirà poi quanto sia caccia alle streghe e quanto siano invece veri illeciti da perseguire.

    E' chiaro che tra il sindaco ed il capo della Polizia Municipale c'è stata dialettica sul tema degli autovelox: altro caso nel quale da "abuso di ufficio" a "normale dialettica oltre i toni" il confine è molto grigio.

    grigio per noi, ma non - spero - per i magistrati che sapranno fare luce e darci una verità.

  5. #5
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    Riporto sempre per completezza di informazioni...

    Arresto di Franceschi. Ghezze: “Noi stessi, come gruppo di minoranza, abbiamo sollevato dubbi e perplessità più di una volta sull’azione del sindaco e dei suoi assessori”

    “A Cortina ci sono sconcerto e preoccupazione. Sconcerto per quello che è un fatto gravissimo e ancora tutto da decifrare, preoccupazione per l’ennesimo episodio che va a ledere la nostra immagine a livello nazionale. E per una città che vive di immagine e di turismo non è affare da poco. C’è poi l’incognita del futuro: l’Amministrazione comunale risulta decimata in un momento in cui è essenziale prendere delle decisioni. Per questi motivi non possiamo e non dobbiamo perdere la calma: dobbiamo restare uniti come comunità e avere come priorità la tutela del nostro paese, che resta una realtà di cittadini e lavoratori per bene. Non meritiamo l’ennesimo scandalo”.

    A dirlo – dopo l’arresto del sindaco di Cortina Andrea Franceschi – è Stefano Ghezze, capogruppo della lista “Per la nostra Cortina”.

    “Non voglio entrare nel merito dell’inchiesta. Ho massima fiducia negli inquirenti e nella loro professionalità. Alcuni dei fatti contestati al sindaco erano noti e già oggetto di forte dibattito in paese. Noi stessi, come gruppo di minoranza, abbiamo sollevato dubbi e perplessità più di una volta sull’azione del sindaco e dei suoi assessori. Certo, non potevamo immaginare questo epilogo”.

    “Al di là di questo, occorre analizzare la questione e possibili vie d’uscita sia dal punto di vista pratico che giuridico. Una cosa è certa: l’attività amministrativa di una delle località turistiche più rinomate al mondo non può fermarsi. E’ il momento della massima trasparenza”.

    “Per cultura politica sono un garantista: per questo non getto croci su nessuno né traggo conclusioni affrettate. La magistratura farà il suo lavoro. A noi amministratori tocca fare la nostra parte con responsabilità, non abbandonare Cortina a se stessa e ai troppi falchi che la sorvolano a tutte le stagioni”, conclude Ghezze.

    fonte

  6. #6
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    preoccupazione per l’ennesimo episodio che va a ledere la nostra immagine a livello nazionale
    A conferma di ciò, la notizia è passata in prima serata sui TG nazionali la sera stessa.
    Notizia che sarebbe passata inosservata se fosse capitata in uno qualunque degli 8000 comuni italiani (salvo le grandi città).

  7. #7
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito

    Il sindaco Franceschi è diventato così famoso che pure Crozza ne ha parlato questa sera.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy