Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: 20 rifugi della provincia di Belluno a rischio chiusura

  1. #1
    Senior Member L'avatar di sanvito25
    Data Registrazione
    Mar 2011
    Località
    Bologna - San Vito
    Messaggi
    402

    Predefinito 20 rifugi della provincia di Belluno a rischio chiusura

    http://corrierealpi.gelocal.it/crona...chio-1.7030358

    BELLUNO. Ci risiamo. Con la burocrazia in quota. I rifugi alpini sono stati parificati agli alberghi per cui devono essere dotati delle stesse misure di sicurezza. Giusto? Forse giustissimo. Ma non tutti i rifugi sono uguali. Il Torrani, ai 3 mila metri del monte Civetta, raggiungibile solo a piedi, o con l’elicottero – solo per fare un esempio - non può essere equiparato a quello raggiungibile con l’auto.
    Sta di fatto che entro il 6 ottobre tutti questi edifici devono trovarsi nella condizione di massima sicurezza per quanto riguarda il rischio di incendi, l’impianto elettrico, le uscite di emergenza. Arrampicate sulle pareti esterne degli edifici, magari nel contesto di panorami d’infinita bellezza, compariranno anonime scale in ferro.
    Ogni rifugio dovrà avere le porte che si aprono verso l’esterno, senza riparo da tempeste di neve e pioggia. I fili della corrente elettrica saranno costretti dentro particolari condutture. Tutto a norma Ue, ovviamente. E se i rifugi non vi provvederanno? Il prossimo anno resteranno chiusi.
    Una mazzata per la montagna, più in generale per l’economia delle Dolomiti. «Noi siamo agli albori con i lavori», ammette infatti, preoccupato, Alessandro Farinazzo, presidente del Club alpino di Belluno, coordinatore delle 18 sezioni bellunesi e membro della Commissione veneta per i rifugi. Come dire che non è iniziata neppure la progettazione. D’altra parte è comprensibile, nella maggior parte dei casi mancano letteralmente le risorse.
    Ieri Farinazzo era a Palazzo Balbi a battere cassa. Nel Bellunese i rifugi da sistemare sono oltre una ventina, su 35. Il costo complessivo supera il milione di euro. Cifre che il Cai non ha a disposizione. «Speriamo nella regione», insiste Farinazzo. «Ora stiamo facendo i preventivi: per l’impianto elettrico, le scale d’emergenza, le porte da girare, cioè da far aprire dall’esterno. Il tutto con una certa gradazione, meno pesante sotto i 25 posti, come appunto al Torrani. Sopra i 50 posti, i progetti devono avere l’approvazione non solo dei Comuni, ma anche dei vigili del fuoco. E questo è un motivo in più di preoccupazione. Abbiamo rifugi aperti solo 3 mesi l’anno e non è che siano frequentati da persone disabili, eppure dobbiamo avere porte larghe un metro e mezzo. Per le scale esterne dovremmo fare richiesta alla Sopraintendenza E ci chiediamo come può il sopraintendente di Venezia conoscere i problemi che ci sono nei rifugi a 2 mila metri».
    Solo 5 mesi per fare gli interventi. E ancora con tanta neve in quota. Operazione impossibile? Il presidente vuol essere ottimista a tutti i costi. «Certo, però, dove trovo io 100 mila euro per sistemare i 3 rifugi della sezione di Belluno? Rischiamo davvero grosso per il 2014. Bloccare un Coldai, un Tissi, un Vazzoler, in piena “alta via”, quando abbiamo oltre 2000 passaggi, sarebbe una sberla enorme al turismo. Significa bloccare l’estero e chi mangia e beve in rifugio sono purtroppo (o per fortuna) solo stranieri, tedeschi, polacchi, ceki».
    Un’occasione per fare il punto la grande festa del 30 giugno, ai rifugio Tissi, in faccia al Civetta, sono state invitate tutte le sezioni del Veneto. «Inviterò i tre scalatori viventi Sorgato, Redaelli e Bonafede e ricorderemo la loro ascensione fatta 50 anni fa. In più ci saranno i giovani alpinisti come Alessandro Baù e Marco Anghileni e avremo modo di far incontrare due generazioni di scalatori». Una cerimonia a cantiere aperto. Interventi di sicurezza sono previsti anche al Tissi, con l’apertura di una nuova porta.

  2. #2
    Administrator L'avatar di ecko
    Data Registrazione
    Oct 2009
    Località
    Cadore e Milano
    Messaggi
    1,078

    Predefinito

    La burocrazia è la rovina dell'Italia. Non si uscirà MAI dalla crisi fino a che non lo capiranno e la semplificheranno. Questa dei rifugi è solo l'ennesima follia!

  3. #3

    Predefinito

    Sono d'accordo con te. la burocrazia è spesso rognosissima e a volte proprio una rovina, non si può dare una mazzata simile che avrebbe forti ripercussioni sul turismo, però è vero quello che dice l'articolo, certe volte dovrebbe essere proprio un ente come la regione a intervenire, che ha indubbiamente molti più mezzi del CAI per poterlo fare, la regione Veneto non dovrebbe mai dimenticarsi della montagna che è certmente uno dei suoi fiori all'occhiello
    Ultima modifica di GiuliaDeRossi; 12-05-2013 alle 11:27 PM

  4. #4
    Senior Member L'avatar di heimat
    Data Registrazione
    Apr 2012
    Località
    nord del sud
    Messaggi
    212

    Predefinito

    Qualcuno ha delle News sull'argomento?
    La mia proposta per bypassare il problema di resposnabilità? In un paesa come il ns dove ormai la burocrazia (quella che conta cioè che ha una qualche fondatezza) ormai si risolve esclusivamente con lo strumento dell'autocertificazione, (negli uffici comunali nessuno controlla più, si "fida" di quello che scriviamo noi), si potrebbe applicare lo stesso metodo con i fruitori dei rifugi. Un modulo dove il gestore dichiara di non essere a norma con: impianto elettrico (non ho i fili scoperti semplicemente non sono inguainati come da norma CEE 111xxxxzzzz), uscite di sicurezza (non ho i corridoi larghi 1,20 mt e se non vi svegliate in tempo al grido "al fuoco al fuoco" esiste la non remota possibilità che dobbiate calarvi in doppia fuori da una finestra) ect. Deto ciò, il gestore imbarazzato per queste imperdonabili mancanze, ci chiederà di esserne consapevoli e di "rischiare" comunque di passare una notte da lui anzichè su di una canadese piantata sull' sfasciume o su di un materassino assicurato in parete a 3000 metri di quota.... Io firmerei e rischierei

  5. #5
    Junior Member
    Data Registrazione
    Nov 2014
    Località
    Padova - Cadore
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ecko Visualizza Messaggio
    La burocrazia è la rovina dell'Italia. Non si uscirà MAI dalla crisi fino a che non lo capiranno e la semplificheranno. Questa dei rifugi è solo l'ennesima follia!
    Una volta tanto il problema non è la burocrazia italiana, ma assurde norme europee per le quali i Rifugi Alpini sono equiparati agli hotel... vi rendete conto che per ottemperare alle norme della Comunità del XXXXX Europea hanno dovuto fare la rampa disabili al Rifugio Mantova a 3500 metri raggiungibile solo per sentiero attrezzato o per ghiacciaio???

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy