Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Bim gsp: Quali sono i sindaci contrari al comitato di trasparenza?

  1. #1
    Junior Member
    Data Registrazione
    Apr 2013
    Messaggi
    5

    Predefinito Bim gsp: Quali sono i sindaci contrari al comitato di trasparenza?

    Credo giusto portare all'attenzione dei cadorini questo scritto dal sito web bellunopiu.it e chiedere loro cosa ne pensano.



    Proprio in questi giorni sono in distribuzione le bollette dell’acqua con il famoso aumento del 30%. Una stangata che ricade sugli utenti e sulle imprese in un momento, dal punto di vista economico, non certo facile. Si è scelto, dunque, la via più semplice ovvero quella di scaricare sugli utenti i debiti prodotti dagli errori delle gestioni precedenti della società. Una decisione appoggiata da una larghissima maggioranza dei soci, ovvero i sindaci. Come ricordava l’assessore Valter Bonan (vedi articolo) solo l’amministrazione di Feltre ha votato contro i bilanci che recepivano questo aumento delle tariffe.

    Non è andata alla stessa maniera, invece, quando si è trattato di votare sull’istituzione di un Comitato di Trasparenza e Controllo del servizio idrico composto da cittadini, lavoratori ed organizzazioni sociali ed economiche del territorio. Infatti, la maggioranza dei sindaci presenti (28) ha votato contro (Alleghe, Borca di Cadore, Canale d’Agordo, Castellavazzo, Cesiomaggiore, Colle Santa Lucia, Cortina d’Ampezzo, Danta di Cadore, Falcade, Fonzaso, Gosaldo, Lorenzago di Cadore, Lozzo di Cadore, Puos, d’Alpago, Quero, Rivamonte Agordino, San Tomaso Agordino, San Vito di Cadore, Santa Giustina, Sappada, Sedico, Taibon Agordino, Tambre, Vallada Agordina, Vas, Voltago Agordino, Zoldo Alto e Zoppe di Cadore), 7 si sono astenuti (Alano di Piave, Auronzo di Cadore, Livinallongo del Col di Lana, Pieve d’Alpago, Seren del Grappa, Valle di Cadore e Vigo di Cadore) mentre sono stati solo 20 i sindaci favorevoli (Belluno, Chies d’Alpago, Comelico Superiore, Feltre, Forno di Zoldo, La Valle Agordina, Lentiai, Limana, Longarone, Mel, Pedavena, Ponte Nelle Alpi, Rocca Pietore, San Gregorio nelle Alpi, Santo Stefano di Cadore, Sospirolo, Soverzene, Sovramonte, Trichiana e Vodo di Cadore. Addirittura 12 le assenze (Cibiana di Cadore, Cencenighe, Farra D’Alpago,San Pietro di Cadore, San Nicolò Comelico, Selva di Cadore, Domegge di Cadore, Calalzo di Cadore, Pieve di Cadore, Perarolo di Cadore, Agordo e Ospitale di Cadore).

    Agli utenti, quindi, è riservato soltanto il dovere di appianare i debiti pregressi senza avere il diritto di poter controllare la genesi di questo enorme deficit di bilancio, di cui ancora non è stato fatto un audit pubblico.

    Semplicemente vergogna!

    Redazione Bellunopiù

  2. #2
    Member
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    Calalzo di Cadore
    Messaggi
    81

    Predefinito

    buono a saperle ste cose! Ma i cittadini devono indignarsi di piu' seno' non cambia niente qui.

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  


Privacy Policy Cookie Policy